Sempre in cerca di nuovi spunti…

Il cacciatore di libri rari è sempre all’erta, segue le notizie, è sempre “sul pezzo”. Non possono quindi sfuggire nuovi campi di ricerca e soprattutto nuovi autori, che di prepotenza balzano all’attenzione di tutti.

Sì, è anche il caso di Armando Siri (Genova, 1971) che da ideologo e guru della Lega Nord, più o meno nell’ombra, collaboratore stretto di Matteo Salvini, assurge a personaggio solo grazie a un’accusa di corruzione durante il suo mandato come sottosegretario del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti nel Governo di Giuseppe Conte. Ed oggi (maggio 2019) è sulle prime pagine di tutti i notiziari.

L’Italia nuova: l’inizio, di Armando Siri (Senza luogo di stampa, Passaporta ADM, 2010),

La luce e l’ombra, di Armando Siri (Senza luogo di stampa, Passaporta ADM, 2013)

Di Armando Siri bisogna menzionare il suo libro più importante, dal valore programmatico, e che è alla base del suo pensiero. Si tratta di L’Italia nuova: l’inizio (Senza luogo di stampa, Passaporta ADM, 2010), che pare già scomparso dai radar. Italia Nuova è anche il nome del partito.

Il primo sforzo era stato però La beffa unità socialista: storia di un’occasione mancata (Lecce, D’Alessandro, 1997). Altrettanto introvabile.

Da ricercare con cura direi che è soprattutto La luce e l’ombra: consapevolezza e responsabilità dell’uomo all’alba di una nuova epoca (Senza luogo di stampa, Passaporta ADM, 2013). Più recente rispetto agli altri due e forse meno arduo da reperire.

[Si ringrazia Silvano Zingoni per l’idea]