Seleziona una pagina

Febbraio 2020 – In questi giorni ricevo diverse segnalazioni di collezionisti e bibliofili su eventuali copie pirata di libri che in libreria vanno per la maggiore, viste qua e là, soprattutto in bancarelle estemporanee e agli angoli delle strade. Stiamo parlando di Milano, Napoli e Roma. Ma il discorso può valere anche per altre città.

Giorni addietro (22 gennaio 2020) ne aveva parlato anche l’ANSA (come potete leggere dallo screenshot qui a lato), con il pezzo dal titolo “Editore e/o, girano 20 mila copie false ultima Ferrante: Falsi de La vita bugiarda degli adulti, pronta denuncia”. A testimonianza di un fenomeno che sarebbe addirittura in crescita nel nostro paese.

Sandro Ferri, delle edizioni e/o parla appunto del caso che lo riguarda direttamente, le copie pirata circolanti dell’ultimo romanzo della scrittrice Elena Ferrante, La vita bugiarda degli adulti. L’editore fa anche cenno ad altri casi di altri editori, che riguarderebbero libri di Isabel Allende e di Fabio Volo.

Il cacciatore di libri riceve invece segnalazioni dirette (A. C. da Roma ed altri colleghi cacciatori) di copie di Se questo è un uomo di Primo Levi con il marchio Einaudi chiaramente falsificato. Inoltre ci sarebbero nel testo degli errori (accenti sbagliati) che farebbero addirittura pensare a una ribattitura del testo, il che mi appare improbabile come iter di falsificazione e di produzione di copia pirata.

Roma – Viale Regina Margherita, angolo con Via Morgagni – spesso bancarelle improvvisate con libri “sospetti”

Lo “struzzo” del marchio Einaudi sembra contraffatto sulla copertina di una recente edizione di “Se questo è un uomo” di Primo Levi

Se questo è un uomo di Primo Levi (edizione sospetta Einaudi): errori negli accenti.