Radio Alice, la voce della libertà

In un’epoca di grande trasformazione sociale come gli anni ’70, il problema delle radio libere fu molto sentito. Con il terrorismo che stava mettendo in ginocchio la repubblica, con gli scontri di piazza e le inquietudini dei centri sociali, concedere la libertà sulle frequenze costituiva un azzardo che nessuno voleva avvallare.

Fece epoca l’irruzione della polizia (trasmessa in diretta sulla stessa radio) presso la sede di Radio Alice, una radio bolognese gestita da studenti universitari (quasi tutti del DAMS) che – senza permessi ed autorizzazioni – trasmettevano quasi ininterrottamente qualsiasi tipo di programma, sociale, di protesta e culturale. Il loro motto era: dare voce a chi non ha voce.

I suoi fondatori si erano impossessati di un potente trasmettitore militare preso da un carrarmato statunitense dell’ultimo conflitto mondiale e con quello, dalla soffitta di un appartamento sito in via del Pratello di Bologna, trasmisero fino alla sera del 12 marzo 1977, quando la polizia fece irruzione, arrestò tutti i presenti e in seguito distrusse i macchinari. Ascolta l’audio dell’irruzione della polizia a Radio Alice (12 marzo 1977)

Un introvabile

Su Radio Alice c’è un libro pressoché introvabile, Chiama Radio Alice, di Marcello Berti (Lugo – RA, Walberti, Ottobre 1977). Sebbene – stranamente – non faccia cenno a quei drammatici momenti del 12 marzo, il libro è una testimonianza fresca e genuina di quell’anno, e sfogliandolo sembra quasi di sentire parlare e trasmettere i giovani protagonisti di allora, Valerio, Mauro, Antonio, e le frequenze clandestine di una radio che ha fatto la storia della libera informazione. Nella galleria fotografica che segue si possono osservare copertina e colophon del libro:

Un Diavolo di libro

Un anno prima era uscito il famoso Alice è il diavolo: sulla strada di Majakovskij: testi per una pratica di comunicazione sovversiva, a cura di Luciano Capelli e Stefano Saviotti (Milano, l’erba voglio, 1976). Anche in questo caso, il libro in prima edizione è poco trovabile (uscirono una seconda edizione nel 1977 e una terza nel 1981); ne è stata fatta una ristampa completamente nuova da ShaKe di Milano nel 2000; Le due edizioni principali sono mostrate nella seguente galleria fotografica:

 

Ultim’ora

Una prima edizione di Alice è il diavolo: sulla strada di Majakovskij: testi per una pratica di comunicazione sovversiva, a cura di Luciano Capelli e Stefano Saviotti (Milano, l’erba voglio, 1976) è disponibile su eBay al costo di 30 €.