Dis(avventure) di un cacciatore di libri

Infinite Jest, di David Foster Wallace (Roma, Fandango, 2000)

ROMA MERCATINO DI VIALE SOMALIA 27 Marzo 2018 Uno dei punti di passaggio delle mie ricognizioni di caccia. Due visite nel giro di pochi giorni. Guardo e riguardo e trovo poco. Su uno scaffale, in basso, si staglia la mole di Infinite Jest. Lo fisso ma è diverso da quello che avevo in mente, l’edizione Einaudi. Infatti è quella Fandango. Ma preso da altri possibili tesori mi sfugge di mente il controllo online in diretta, che è sempre faticoso in questi posti sottoterra. Perché non ho controllato subito? Classico errore: ho pensato che per forza doveva essere Einaudi la prima edizione. Presunzione pura e sudditanza mentale all’editoria gigante. Più tardi mi torna in mente. Digito e mi gaso. La prima edizione Fandango su eBay e altri svetta anche a 200 €. Corro, sicuro di trovarlo dove lo avevo visto e snobbato poco prima. E invece un altro cacciatore o un curioso lo ha pescato. Decido di passare da IBS a via Nazionale e un altro corposo ma meno noto Foster Wallace sempre Fandango stava a 30 €. Questo non mi passa. (A. B.)