Quando la boxe era leggenda

Quali giornalisti e cronisti si occupavano di pugilato durante il Fascismo? I nomi stavano sulle dite di una mano. Adolfo Cotronei, Marcello Gallian, Paolo Monelli, Marco Ramperti, Orio Vergani. A loro era concesso di infiorettare cronache sognanti e raccontare gesta epiche di nostri boxer connazionali che compivano imprese storiche.

E quali pugili italiani erano quelli che infiammavano la fantasia degli italiani dei primi vent’anni del secolo scorso? Uno di questi era (e fu) senz’altro il pugile alessandrino Erminio Spalla (1897-1971) per la categoria dei pesi massimi. Nel 1923, all’Arena di Milano, sconfisse il campione olandese Piet van der Veer, divenendo così il primo italiano a conquistare la cintura di campione d’Europa di pugilato. Celebri alcune sue esibizioni d’oltreoceano, soprattutto quella del 1924 contro Gene Tunney a New York (futuro campione mondiale) e quella, nello stesso anno, a Buenos Aires contro Luis Ángel Firpo. In età matura si dedicò al cinema, dove interpretò moltissimi film, anche a carattere epico, per rinomati registi come Mario Bonnard, Dino Risi, Vittorio De Sica. Lunghissima la sua carriera cinematografica, dal 1939 al 1963, che lo vide interprete o comprimario in almeno cinquanta film. Si dedicò anche alla scultura e al canto, scoprendosi come basso.

I suoi libri: uno è introvabile!

Erminio Spalla fu anche scrittore, e comunque firmò in prima persona tre libri autobiografici. Il primo di questi – Per le strade del mondo: racconti ed avventure (Venezia, S. E. R., 19..) fu probabilmente pubblicato tra il 1925 e il 1928. Si tratta di una bellissima autobiografia, che si è fatta sempre più rara negli anni. Ultimamente è abbastanza quotata. Al momento della pubblicazione del presente articolo ce ne sono disponibili tre copie. Una su Maremagnum per 60 € (ma è una copia slegata); le altre due copie sono disponibili su eBay rispettivamente per 90 € e 140 €. Di questo libro ce n’è solo una copia pubblica presso la Biblioteca Sportiva Nazionale di Roma.

Nella vita e sul ring, con prefazione del giornalista sportivo Adolfo Cotronei (Milano, Codara, 1928) è presente in tre biblioteche nazionali: Milano, Roma Centrale e Sportiva di Roma. Negli ultimi anni nessuna copia è stata posta in vendita e a quanto pare la copertina è sconosciuta. Si tratta di un libro rarissimo, praticamente introvabile.

Molto raro anche Una tonnellata di pugni (Milano, La Gazzetta dello Sport, 1932), che è posseduto da cinque biblioteche; al momento della pubblicazione del presente articolo una copia è in vendita su Comprovendolibri per 180 €.

Commento sulla trovabilità dei libri

Un collezione che contempli tutti e tre i libri di Erminio Spalla credo non sia conosciuta. Perfino le Biblioteche Nazionali italiane vantano il possesso di uno o due libri contemporaneamente, ma non tre.

Ultim’ora del 13 Giugno 2018

Una copia del rarissimo Nella vita e sul ring, di Erminio Spalla (MIlano, Codara, 1928) è apparsa in vendita su eBay. Copia in vendita