"Sull'inutilità di certi libri sarebbe utile scrivere un libro"
Speciali | un libro che non ti aspetti  /  
27 Dicembre 2020

“Neutral Corner”, di Ignacio Aldecoa (1962): un geniale libro spagnolo in asta – sarà uno dei più ricercati nel prossimo futuro

Neutral Corner, di Ignacio Aldecoa; Ramón Masats (Barcelona, Editorial Lumen, 1962) [in Spagnolo]

 

L’esemplare in asta su Catawiki – l’asta chiude alle h. 20:24 circa del 27 dicembre 2020.

 

Chi è l’autore

José Ignacio de Aldecoa Isasi, comunemente conosciuto come Ignacio Aldecoa (1925 – 1969) fu uno scrittore spagnolo, autore di romanzi, racconti e poesie.
Per lo più noto per i suoi racconti. Ricevette il Premio de la Critica nel 1958. Nonostante una morte precoce, a soli 44 anni, la sua figura è preminente nell’ambito del nuovo realismo della narrativa spagnola degli anni ’50 e ’60.
Da giovane, a Salamanca, fu uno studente irrequieto e discontinuo. Si stabilì a Madrid, dove venne comunque in contatto con Jesús Fernández Santos, Rafael Sánchez Ferlosio Alfonso Sastre.
Pubblicò il suo primo romanzo nel 1954, intitolato El fulgor y la sangre, che fu finalista al Premio Planeta. Nel 1955 frequentò i raduni degli studenti ribelli al regime franchista. Fu influenzato dalla scrittura di Cesare Zavattini, dal nuovo giornalismo di Truman Capote e dal modo di narrare di Ernest Hemingway e John Dos Passos.

 

Un vero e proprio ovni nella letteratura spagnola…

Neutral Corner, a detta della stessa critica spagnola, è un lavoro difficile da classificare. Si tratta di una dozzina di racconti molto brevi intercalati a scatti in bianco e nero del fotografo Ramón Masats (nato nel 1931).

Miguel García-Posada (1944-2012) – considerato il massimo esperto di Garcia Lorca –  nella sua prefazione alla ristampa del libro (Editorial Afaguara, 1996), parla della collana della Editorial LumenPalabra e Imagen – dove Neutral Corner uscì nel 1962. Fu quello un progetto nuovo per la Spagna del tempo, dove si cercò di coniugare, appunto, parola e immagine. Il prodotto che si offriva al lettore era un mix di letteratura e illustrazione fotografica in un disegno quadrato, con carta cartone per il testo, stampato in grassetto, e carta patinata per le foto in bianco e nero; il tutto rilegato in una copertina rigida avvolta in sovraccoperta di plastica.

Sebbene Ignacio Aldecoa fosse a quel tempo una delle voci più rimarchevoli della nuova narrativa spagnola, Neutral Corner non fu apprezzato né durante la vita del suo autore né dopo la sua scomparsa. Si direbbe quasi che la veste insolita (testo accompagnato da foto) e, quindi, la sua difficile classificazione, lo hanno a lungo reso un titolo scomodo da gestire. Nella migliore delle ipotesi, questo lavoro lasciò perplessa la critica del tempo, o al massimo produsse reazioni mai più che tiepide. Lo prova il fatto che rimase senza ristampa per oltre 30 anni.

Anche l’aver legato l”opera alla boxe (gli scatti del grande fotografo Ramón Masats sono riprese di incontri, di bordo ring e di dietro le quinte) può essere una delle cause dell’insuccesso del libro. Questo sport era decisamente in fase calante, le masse ormai erano spostate verso altri lidi. Fino ad allora la boxe era sempre stato uno sport di rivalsa e riscatto sociale, ma stavano venendo meno le condizioni iniziali.

Nel testo di Aldecoa viene fuori tutta la sua lirica poetica; egli fu infatti prima poeta che scrittore, e ci sono nei racconti molte “immagini” che richiamano l’eroismo classico, impersonificato  dagli atleti del ring. Neutral Corner, per tutto questo, per la sua brevità, per il carattere poetico, rimane un evento eccezionale nella storia della prosa spagnola contemporanea, un’opera che non solo segna l’apice della prosa di questo scrittore – ma soprattutto un’opera che si afferma come un Corpus Novum, un esperimento lirico-narrativo senza precisi antecedenti e che non ha avuto proseliti di alcun tipo.

Quando la critica finalmente riscoprirà questo tentativo e gli conferirà la gloria che da tempo merita, questa edizione diverrà una delle più ricercate di tutta la seconda metà del ‘900. Rara lo è già adesso.

 

Dalla scheda del venditore:

“Lumen. 1962. Rilegato. Condizioni: buone Condizione sovraccoperta: Good. Fantastica storia di boxe di Ignacio Aldecoa. Bellissime illustrazioni fotografiche di Ramón Massats. Design del libro di Oscar Tusquets e Luis Clotet. 22,5 x 22 cm, senza impaginazione ma circa 44 pagine e 16 tavole. Buone condizioni del libro. La sovraccoperta è in plastica e presenta leggeri segni di sporco ma non presenta graffi o tagli. La copertina del libro presenta una macchia in basso a sinistra. L’interno del libro è pulito.”

 

 

Disponibilità di ulteriori copie (sempre aggiornato)

 

Neutral corner, Aldecoa, Ignacio, Published by Lumen., 1962

EUR 173,00
Disponibile su ABEBOOKS
Compralo Subito per: EUR 173,00
Compralo Subito

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Quando alla Arion presi “I classici che hanno fatto l’Italia”

ROMA LIBRERIA ARION A TESTACCIO – Venerdì 24 Aprile 2020 – Rammento il ritrovamento di “I classici che hanno fatto l’Italia” (Giorgio Regani Editore, 2010).

Un libro proibito di Francesco Perri agli esordi del Fascismo: scomparso da tempo

Avventurosa la vita di Francesco Perri (1885-1974), il cui coraggioso libro “Il Fascismo” (anno di uscita: 1922) tanti guai gli procurò. Ne spunta una copia su Abebooks.

Tutti alla Fiera del libro di Cesena il 16 & 17 Novembre 2019

Sabato 16 e Domenica 17 Novembre 2019 – CESENA – Mostra Mercato di Antiquariato Librario. Al tavolo della casa editrice Biblohaus di Macerata sarà presente il cacciatore di libri Simone Berni con le ultime uscite – in anteprima – delle Edizioni S.O., Babbomorto ed èinaudito.

Il n. 1 originale di Dylan Dog “L’alba dei morti viventi” 1986 – in asta, 160 €

Dylan Dog (Sergio Bonelli Editore) - albo n. 1 - L'alba dei morti viventi (ottobre 1986) Il libro in asta su Catawiki              

Ecco i libri da trovare di (e su) Marco Castoldi, in arte “Morgan”

Il cantante e produttore discografico Marco Castoldi (in arte Morgan) ha al suo attivo alcuni libri interessanti, in particolare “Dissoluzione” del 1999 e poi c’è addirittura il caso di una copertina fantasma dell’Einaudi.