"Ogni libro par che dorma, eppur sua è ogni orma"
un libro che non ti aspetti  /  
02 Dicembre 2020

Una copia dell’eccezionale “Gomorrah Girl” (prima edizione 2011) di Valerio Spada: sottoprezzo in asta

Acclamata dai più grandi fotografi del mondo: un’opera da noi passata inosservata

Gomorrah Girl, di Valerio Spada (Paris, Cross Editions, 2011). [testo in italiano e inglese]

 

Valerio Spada (nato nel 1972) è un fotografo internazionalmente noto ed opera tra New York e Milano. Gomorrah Girl è il suo primo libro auto pubblicato – annunciato su Time nel 2011. La prima edizione è una copia spillata; possiede una copertina di carta sottile fragile e che difficilmente si può reperire intatta; il formato del libro è di 30 x 40 cm, conta 80 pagine; sono stati stampati 500 esemplari.

Il libro in asta su Catawiki

Esiste una seconda edizione della Twin Palms Publishers di Santa Fe, stampata nel 2014. Quest’ultima è un’edizione rilegata in 1.000 esemplari di formato 34,5 x 22,5 cm, con 78 pagine.

Il libro è stato notato e apprezzato dai più grandi fotografi, come Steve McCurry, Gerry Badger e Darius Himes. Nel 2013 Spada è stato premiato con una Guggenheim Fellowship a sostegno del suo lavoro che fa conoscere le difficoltà degli individui che abitano le zone povere d’Italia.

Le valutazioni di quest’opera sono destinate a incrementarsi, data la crescente popolarità del suo autore. Gomorrah Girl è citato in The Photobook, vol. III, p. 136, di Martin Parr e Gerry Badger.

Scrive Allie Haeusslein, direttore di Pier24 Gallery a San Francisco, USA:

“L’Italia è spesso associata al Colosseo, a Pompei, alle colline toscane e alle pittoresche strade di ciottoli. I ritratti hollywoodiani di organizzazioni di stampo mafioso come Il Padrino o I Soprano nascondono la realtà di questi gruppi criminali e le loro implicazioni sulla società. Spada ci costringe a considerare come l’intimidazione, la violenza e il machismo perpetuati dalla Camorra riverberano attraverso il tessuto di una grande città – il terzo comune più grande d’Italia.
L’ultima foto di Gomorrah Girl ci lascia a disagio. Il trentunenne “killer di Scampia” è posizionato su una motocicletta davanti a una serie di condomini e fissa direttamente l’obiettivo della macchina fotografica. La sua ragazza, che non voleva essere ritratta, è quasi completamente oscurata; tutto ciò che è visibile è una piccola porzione del suo viso con lo sguardo abbassato. Lasciandoci a chiederci: “cosa ne sarà di queste Gomorrah Girls?””

Fotografie eseguite 1° Aprile 2004 h. 16,00 – scritta di copertina. Cioè cinque giorni dopo un efferato omicidio della camorra, quello della quattordicenne Annalisa Durante.

Nella quarta di copertina del libro di Valerio Spada un altro documento inquietante: un estratto dal rapporto di polizia sulla dinamica dell’omicidio di Annalisa Durante (1990-2004); una ragazza italiana di 14 anni e vittima della camorra napoletana. Fu uccisa nel quartiere Forcella di Napoli, durante uno scontro tra due clan rivali. L’editore Tullio Pironti di Napoli nel 2005 pubblicò il suo diario: Il diario di Annalisa, a cura di Matilde Andolfo.

 

Disponibilità di ulteriori copie (sempre aggiornato)

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Un libro passato inosservato: “Airone 1” del Generale Antonio Cornacchia

Da due anni inosservato in libreria un importante contributo ai misteri d’Italia: “Airone 1 retroscena di un’epoca” di Antonio Cornacchia (Editoriale Sometti, 2016). Da un punto d’osservazione privilegiato i fatti di cronaca che hanno fatto la storia.

“Goethe muore” di Thomas Bernhard, e io non sapevo neppure che stesse male

Un bibliofilo italiano, in semi-anonimato (Daniele è il suo vero nome), ci parla di vita vissuta, di Primo Levi, di librerie e drammi personali, in margine ai quattro racconti che Bernhard scrisse nel 1982 e che solo nel 2013 sono arrivati in Italia.

Il Divin porcello o la riscoperta del maiale: invito alla lettura di Oskar Panizza

Oskar  Panizza  ci guida in una scorribanda che ci porta in un mondo in cui il maiale occupa una posizione centrale nei riti e miti pagani e non solo; il maiale è un potente simbolo della natura che incute un sacro timore, a lui furono dedicate della festività come il Capodanno (il solstizio d’inverno) e Pasqua (Il solstizio religioso). Articolo di Carlo Ottone.