"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

Enrico Pofi (sin.) e il cacciatore di libri

CI SONO ALCUNE FAVOLE DI CUI NON VORREMMO MAI SENTIRE LA PAROLA FINE. Perché invariabilmente porterebbero a perdite così grandi che nessuno vuole davvero affrontare. Semplicemente, non ne avremmo la forza.

In termini di amicizia, di spessore umano, di volontà propositiva, di indefesso attaccamento alla ‘causa’ e soprattutto nella sua insostituibile forma di ‘archivio vivente’ in fatto di titoli, edizioni e autori nessuno potrà mai eguagliare o avvicinare Enrico Pofi, romano, collaboratore della prima ora del nostro blog CACCIATORE DI LIBRI. Da sempre memoria storica del più grande mercatino delle pulci italiano, Porta Portese.

Instancabile, rigoroso, presenza fissa e immutabile negli anni, i lettori ben conoscono i pezzi settimanali firmati E. P. che hanno fatto conoscere autentiche rarità, che a volte possono capitare per pochi euro. A coloro che sanno vedere.

Mitiche e innumerevoli le sue scorribande per le librerie di Roma, in particolare presso: la Libreria Fahrenheit 451 di Campo de’ Fiori, le bancarelle di via Enrico Fermi, la Libreria Anicia di via San Francesco a Ripa, il mercatino di Via Somalia, il mercatino della Garbatella di via Manfredo Camperio, il mercatino di via dei quattro venti a Monteverde, il mercatino a via Roiti, Le Feltrinelli di Viale Marconi e Largo di Torre Argentina, il mercatino di via Ettore Rolli in zona Marconi, le bancarelle di Via Arenula, la Libreria Pugacioff in via Andrea Busiri Vici, la Libreria Arion del Testaccio, le bancarelle di Viale Trastevere, la Libreria Cesaretti al Collegio Romano, la Libreria Simon Tanner di via Lidia, il Centro Commerciale Parco Leonardo a Fiumicino, la Libreria Arion al Centro Commerciale Euroma2, la Libreria Coliseum di via del Teatro Valle.

Scusate il lungo elenco, ma ho voluto ricordarne quante più ho potuto – e mi scuso per le dimenticanze. Questo per testimoniare il certosino lavoro da cacciatore di libri autentico. Il rigoroso metodo di rastrellamento sempre alla ricerca del pezzo raro, o anche solo curioso, insolito, particolare.

Non ci sono parole nel descrivere il contributo di Enrico. Non esistono aggettivi. E faccio in modo che non ci siano lacrime da versare per me e per chi lo ha conosciuto. Lui non vorrebbe.

Riservato, amante della sua privacy, entrava e usciva in punta di piedi. Pochi si accorgevano di lui. Rarissime le foto che lo ritraggono (faccio un’eccezione, lui mi perdonerà). Schivo, dalla voce pacata, dai modi cortesi.

Lo ha probabilmente minato questa lunga pandemia, questa segregazione forzata, le sue sane abitudini – le lunghe camminate – bloccate di colpo.

Nonostante l’affetto e l’amore delle sue care Annamaria, Carmen, di Cosma ed Elena.

“Simone, non è detto che domenica possa fare il mio consueto servizio da Porta Portese”, dalla sua ultima mail. E poi mi è arrivata la notizia, venerdì 23 luglio.

Ciao Enrico, domenica leggiamo comunque il tuo contributo, ne metto uno per te, non ti preoccupare, amico mio. Ci vediamo la prossima volta che passo da Roma. Ho tanti libri di cui parlarti…

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Lavorare stanca” di Cesare Pavese alla Stazione di Posta

FIRENZE SCANDICCI Martedì 31 Luglio 2018 Studio Bibliografico “Stazione di Posta” avvistata la rarissima edizione “Lavorare stanca”, di Cesare Pavese (Firenze, Edizioni di Solaria, 1936).

Una collezione strepitosa: 11 libri per la prevenzione della Tubercolosi durante il Fascismo (anni ’30)

Meravigliose copertine (grafica “fascista” anni ’30) per una collezione unica di 11 libri sulla profilassi della Tubercolosi. Materiale raro, difficile da trovarsi in unico lotto.

“The Handmaid’s Tale” di Margaret Atwood: in asta su Sothebys un libro che non si può bruciare (letteralmente)

In asta da Sothebys uno straordinario esemplare unico. Si tratta del libro “The Handmaid’s Tale” di Margaret Atwood realizzato non in carta ma in Cinefoil, un materiale speciale ricavato dall’alluminio. Il libro viene indicato come ignifugo e le specifiche di resistenza del materiale (perfino dell’inchiostro usato) lo starebbero a testimoniare.

“Through the Apennines and the lands of the Abruzzi” di Estella Canziani (1928)

Vita dei contadini nelle poco conosciute province italiane degli Abruzzi, inclusa una canzone in dialetto marchigiano.

“Le idrologie” di Emilio Villa (1968): un’edizione di 200 copie ma ogni esemplare è diverso dall’altro

Si tratta di un ben conosciuto libro d’artista, il quale, sebbene realizzato in 200 esemplari teoricamente numerati, raramente presenta la numerazione impressa a mano, non si sa se per dimenticanza o altro. Inoltre, una sua particolarità è quella che ogni esemplare è diverso da un altro in quanto le copertine variano moltissime nei colori usati. e nella composizione.