"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

Perché gli italiani leggono sempre meno libri?

 

Cari appassionati della lettura, stiamo assistendo a un cambiamento epocale. Notiamo che gli scaffali delle librerie sono costellati da libri messi lì da un’industria sempre più incerta sul da farsi. Ma, perché stiamo leggendo sempre meno libri cartacei, e di conseguenza non li compriamo a sufficienza, in particolare in Italia? Andiamo a esaminarlo punto per punto.

 

1. Tempo e distrazioni digitali: Uno dei motivi principali è il ritmo frenetico della vita moderna. Secondo diverse ricerche, il 30% delle persone sostiene di non leggere a causa della mancanza di tempo. L’aumento dell’utilizzo di Internet e dei social media ha ulteriormente ridotto il tempo disponibile per la lettura. Invece di aprirsi un libro, molte persone ora preferiscono navigare sul Web durante il loro tempo libero.

2. Cambio nelle abitudini: Le abitudini di lettura degli italiani stanno cambiando. Oggi esistono intrattenimenti un tempo inesistenti, come la televisione, i videogiochi e internet. Questi ‘nuovi’ passatempi hanno causato una disabitudine alla lettura di testi lunghi. Oggi siamo più inclini a leggere post brevi sui social media, piuttosto che leggere un intero romanzo.

3. Livello di istruzione e comprensione del testo: La diminuzione della lettura è anche collegata al livello di istruzione. Per le persone con livelli di istruzione più bassi, prendere un libro e immergersi nelle sue pagine può sembrare un compito arduo. Inoltre, secondo un’indagine del 2018, l’Italia ha ottenuto un punteggio inferiore alla media OCSE in capacità di lettura, evidenziando una possibile difficoltà a comprendere i testi.

4. Il costo dei libri: Un altro fattore che incide sulla lettura dei libri cartacei è il costo. Non tutti possono permettersi di comprare nuovi libri con regolarità. Questo potrebbe spiegare il successo dei libri tascabili, che offrono un ottimo rapporto qualità/prezzo.

5. L’Impatto di piattaforme online come Amazon: Piattaforme di vendita online come Amazon stanno avendo un notevole impatto sul mercato del libro. Se da un lato esse offrono un ampio catalogo di libri fisici ed elettronici, dall’altro lato possono contribuire alla diminuzione del fascino del libro cartaceo, poiché rendono i libri digitali più facilmente accessibili e immediatamente disponibili.

 

In conclusione, non possiamo negare l’esistenza di queste sfide alla lettura dei libri cartacei. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare la bellezza e il piacere unici che solo un libro cartaceo può offrire: il profumo delle sue pagine, la sensazione della carta tra le dita, l’emozione di girare una pagina. Da veri bibliofili, è nostro compito riscoprire e promuovere le gioie della lettura tradizionale. Dopo tutto, come scrisse una volta Jorge Luis Borges, “Sono convinto che una biblioteca è un atto di fede.” Ricordiamoci quindi di mantenere viva questa fede.

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Una copia speciale in memoria di Aldo Moro di “Nuovi casi per il cacciatore di libri”

Al Salone della Cultura di Milano (19 & 20 Gennaio 2019) una copia speciale di “Nuovi casi per il cacciatore di libri” di Simone Berni in memoria di Aldo Moro 41 anni dopo i tragici avvenimenti del 1978. Stampata in copia unica con custodia in metacrilato.

Un raro libro di Lino Banfi: “L’invertito di provincia” (Edizioni Sedi, 1978)

Un libro che è anche un pezzo di teatro a tematica gay, la prima fatica letteraria dell’attore Lino Banfi. Stiamo parlando de “L’invertito di provincia” (Roma, Edizioni Sedi – Palazzo Brancaccio, 1978). Raramente capita di osservarne una copia, se non a prezzi proibitivi.

“Parigi 1928” di Henry Miller in bancarella

ROMA PORTA PORTESE Domenica 24 Marzo 2019; si segnala “Parigi 1928” di Henry Miller, pubblicata da Passigli Editore nel 2010. Atmosfere perdute.

È scomparso il critico musicale Paolo Isotta: celebre il suo sodalizio con l’editore Fogola

Nel giorno della scomparsa del critico musicale, scrittore e musicologo napoletano Paolo Isotta si ripercorre brevemente il suo proficuo rapporto con l’editore torinese Mario Fogola di cui diresse la celebre collana Torre di Avorio. Articolo di Alessandro Brunetti.

“Rumore bianco” di Don DeLillo, a caccia della vera prima edizione!

Del romanzo cult “Rumore bianco” di Don DeLillo (Tullio Pironti, 1987) circolano quattro edizioni, tutte formalmente accreditate come “prima”. Vediamo di far chiarezza.