"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

Ricordando Marc Augé al grido di “Dio non esiste”

 

di Carlo Ottone

 

Nel mese di luglio è mancato Marc Augé (1935-2023), antropologo, scrittore e filosofo francese dei non-luoghi: molti hanno usato questa definizione nel comunicare la notizia, in effetti, Augé divenne noto in Italia per un suo libro Nonluoghi: introduzione a una antropologia della surmodernità (Elèuthera, 1993). Il luogo era l’espressione di un legame sociale indagato anche nelle dimensione storica, mentre il non-luogo è stato “identificato con gli spazi di circolazione, consumo e comunicazione caratteristici della surmodernità”, termine che Augé prediligeva per definire la nostra realtà contemporanea, in sostanza i non-luoghi sono quelli che attraversiamo nel corso della nostra vita: supermercati, stazioni, aeroporti, metropolitane e forse anche la nostra stessa vita. Augé è anche autore di un delizioso libretto, un divertissement utopico (forse, ma non troppo…) poco conosciuto: Le tre parole che cambiarono il mondo (Raffaello Cortina Editore, 2016).

 

Il giorno di Pasqua del 2018, durante il tradizionale discorso urbi et orbi il papa, dopo un lungo silenzio, esclamava a gran voce: “Dio non esiste!“. Tre parole che gettano nello sconforto cristiani, ebrei, musulmani, agnostici, atei, e scatenano uno tsunami nel mondo intero. E’ l’inizio di una settimana folle, che incendierà il pianeta e farà piazza pulita di ogni sentimento religioso. Ma cosa ha spinto il sommo pontefice a un intervento così intempestivo?

In tempi di massacri nel nome della religione, questa favola contemporanea visionaria e insolente, che tiene il lettore con il fiato sospeso, lascia trasparire gli accenti di una fede illuministica nella ragione: forse, senza la violenza che a volte il sentimento religioso comporta, la fratellanza tra gli esseri umani non sarebbe più utopia.

L’autore dedica il libro al papa nella speranza che “[…] considererà con sorridente indulgenza l’omaggio che ha desiderato rendergli omaggio l’ateo che è in me, il quale ha voluto temerariamente investirlo del ruolo di protagonista in questo racconto sovversivo e umanista”.

Dopo le tre parole pronunciate dal papa, precedute da “Dio non è morto!” e dalla precisazione teologica “No, non è morto, perché non è mai esistito”, il panico, lo sconcerto, si impossessò dei fedeli e dei rappresentanti delle religioni monoteiste, il Vaticano dichiarò subito che il papa era stato ricoverato in una clinica, dopodiché annunciò che era stato deposto andando a fare compagnia al pastore tedesco Benedetto XVI. Passato il panico iniziale, i rappresentanti delle altre fedi monoteiste, in linea con il fondamentalismo e l’intolleranza religiosa, dichiararono che se il dio cristiano non esisteva il loro era ben vivo e pronto ad accogliere i “senza dio” cristiani.

Solo gli atei, una volta tanto erano d’accordo con il papa ed esultarono scandendo “Il papa è con noi! Viva il papa!”. Ma cosa era successo veramente, e perché il papa aveva pronunciato quelle parole? Erano stati gli attivisti di LIBREMENT “movimento per la libertà e la resistenza mentali” e più precisamente il suo nucleo esecutivo I PARTIGIANI DELL’HUMOR NERO i quali, in seguito ad un incontro privato con il papa e un emerito professore del Collège de France avevano offerto una bevanda al papa gesuita, “una vera e propria acqua santa!”, nell’ambito dell’operazione Panoramix, “Il lavoro dei nostri ricercatori in campo neuro scientifico non è stato soltanto quello di puntualizzare la modalità di spegnimento dei fasci neuronali, ma anche quello di individuare in modo preciso i meccanismi in gioco in questo fenomeno, un fenomeno che si può oggettivamente considerare l’espressione logica dell’oscurantismo nel senso letterale del termine”.

L’operazione Panoramix fu portata a compimento su scala planetaria… e tutti furono fratelli in nome della ragione. Questo a grandi linee la storia, divertente e semiseri. Dimenticavo… il giorno di Pasqua, nel racconto, era il 1° Aprile.

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiormato)

 

 

Su AMAZON

 

 

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Il bimbo che si svegliò gigante” (1930): il romanzo fantastico dello scrittore che scrisse anche il seguito di “Cuore” di De Amicis

“Il bimbo che si svegliò gigante” (Società Editrice Internazionale, 1930) è un romanzo breve di genere fantastico. Si tratta di un’opera assai rara, di cui solo cinque biblioteche pubbliche ne detengono una copia.

“Il rumore del tempo” di Gaetano Pesce: un libro-oggetto con setole di maiale in asta su Catawiki

Libro pubblicato in occasione della retrospettiva dell’artista tenuta a Milano nel 2005. La copertina è insolitamente realizzata in setole di maiale, fibra di cocco, lattice di gomma. Libro oggetto in brochure atipica con copertina che è l’autoritratto di Gaetano Pesce.

“Vivere con i libri” di Alberto Manguel: quando si scopre che i libri fanno parte di noi

ROMA LIBRERIA FELTRINELLI Largo di Torre Argentina Mercoledì 29 Luglio 2020 “Vivere con i libri”, di Alberto Manguel (Einaudi, 2018). Quando si scopre che i libri fanno ormai parte della nostra vita e non possono essere rimpiazzati negli affetti e nelle priorità da niente altro.

“Edizioni del sole nero” di Carlo Ottone in uscita alla Fiera di Fontanellato

Alla Fiera di Fontanellato le Edizioni SimOn – in anteprima – presentano una tiratura numerata ed in prima edizione assoluta, del saggio di Carlo Ottone dal titolo “Edizioni del sole nero: editore in Amsterdam/Roma 1977-1982”.

“Nature Morte” di Giuseppe Cavalli (2009): la grande fotografia in bancarella

ROMA PORTA PORTESE Domenica 17 Gennaio 2021 Al mercato domenicale di Porta Portese avvistato “Nature Morte” di Giuseppe Cavalli (Baldini Castoldi Dalai, 2009).