"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"

 

I 10 punti base per scrivere un romanzo

Quando l’intelligenza artificiale si scatena

 

Abbiamo chiesto a un programma in fase di beta-testing di I. A. (intelligenza artificiale) di darci delle linee guida ad uso di uno scrittore che cerca di ordinare le idee accingendosi a scrivere un romanzo. Non ci saremmo mai aspettati delle indicazioni così dettagliate e precise. C’è qualche banalità, qualche frase più o merno scontata e prevedibile, ma il materiale buono è sicuramente quello predominante. Siamo alle soglie di una svolta epocale?

 

 Scegli un argomento che ti interessa e che ti coinvolga

1. Trova un argomento che ti interessa, che ti coinvolga  emotivamente e di cui sei ferrato. 2. Identifica il tuo pubblico. 3. Compi delle ricerche sull’argomento principale. 4. Identifica i personaggi principali e secondari. 5. Crea una trama. 6. Scrivi il primo capitolo e fallo leggere. 7. Sviluppa il tuo stile. 8. Continua a scrivere. 9. Parlane a persone di tua fiducia: è importante il parere di altri. 10. Rivedi e modifica il tuo lavoro.

 

Trova un modo originale per raccontare la storia

1. Inizia con una situazione che mette il protagonista in una situazione difficile o inaspettata. 2. Crea un personaggio principale che è interessante, complesso e relativamente realistico. 3. Sviluppa una storia che è coinvolgente e che si svolge in un mondo credibile. 4. Usa il dialogo per far avanzare la storia e per far emergere i tratti dei personaggi. 5. Rendi la storia visiva, usando descrizioni dettagliate dei luoghi e dei personaggi. 6. Usa il punto di vista del personaggio principale per raccontare la storia. 7. Crea una tensione costante che spinge il lettore a continuare. 8. Risolvi la storia in modo soddisfacente, ma non prevedibile. 9. Usa un linguaggio appropriato per il tuo pubblico e per il tuo genere. 10. Rivedi e riscrivi la storia più volte, fino a quando non sei soddisfatto del risultato.

 

Crea dei personaggi credibili e interessanti

1. I personaggi devono essere credibili e interessanti. 2. I personaggi devono essere ben costruiti. 3. I personaggi devono essere coerenti. 4. I personaggi devono essere realistici. 5. I personaggi devono essere complessi. 6. I personaggi devono essere coinvolgenti. 7. I personaggi devono essere in grado di evolversi. 8. I personaggi devono essere credibili nelle loro azioni. 9. I personaggi devono essere interessanti da seguire, simpatici o antipatici ma non indifferenti. 10. I personaggi devono essere ben scritti.

 

Inventa una trama avvincente

1. Inizia con una situazione che mette il protagonista in pericolo o in una situazione difficile. 2. Presenta il tuo personaggio principale e gli altri personaggi che giocheranno un ruolo importante nella storia.
3. Crea una mappa della storia, inclusi i nodi cruciali e gli eventi che dovranno verificarsi. 4. Inventa una situazione che metterà alla prova il tuo personaggio e lo costringerà a prendere delle decisioni. 5. Usa il dialogo per far avanzare la storia e per far emergere le personalità dei personaggi. 6. Usa la suspense e il mistero per tenere il lettore coinvolto e incuriosito. 7. Inventa degli eventi inaspettati che cambieranno il corso della storia. 8. Usa il cliffhanger alla fine di ogni capitolo per incoraggiare il lettore a continuare. 9. Scrivi un finale che risolverà tutti i nodi cruciali e che lascerà il lettore soddisfatto. 10. Rivedi e modifica il tuo lavoro in modo che sia il migliore possibile.

 

Scrivi in modo coinvolgente

Il modo migliore per scrivere un romanzo coinvolgente è quello di utilizzare uno stile di scrittura che catturi immediatamente l’attenzione del lettore. Questo può essere fatto utilizzando una varietà di tecniche, come la descrizione dettagliata, i dialoghi vivaci e l’azione coinvolgente.
Innanzitutto, è importante assicurarsi di avere una buona trama. La trama dovrebbe essere interessante e coinvolgente, in modo che il lettore voglia continuare a leggere. Una volta che si ha una buona trama, si può iniziare a scrivere il romanzo.
È importante utilizzare uno stile di scrittura che sia coinvolgente e facile da leggere. La scrittura dovrebbe essere fluida e scorrevole, in modo che il lettore possa facilmente seguire la storia. Inoltre, è importante utilizzare un linguaggio semplice e diretto, in modo che il lettore non si senta sopraffatto dalla scrittura.
Una volta che si è iniziato a scrivere il romanzo, è importante assicurarsi di mantenere l’interesse del lettore. Questo può essere fatto utilizzando una varietà di tecniche, come la descrizione dettagliata, i dialoghi vivaci e l’azione coinvolgente. Inoltre, è importante fare in modo che la storia sia coerente e che tutti i personaggi siano interessanti e credibili.
Una volta che si è arrivati alla fine del romanzo, è importante assicurarsi che il finale sia soddisfacente. Il finale dovrebbe essere coinvolgente e sorprendente, in modo che il lettore si senta soddisfatto della storia. Inoltre, è importante assicurarsi che il finale sia coerente con la trama e i personaggi.

 

Assicurati che ogni scena serva a uno scopo

Innanzitutto, uno scrittore dovrebbe avere una chiara idea di ciò che vuole ottenere con la propria opera. A questo proposito, è importante pianificare in anticipo la trama e i personaggi, in modo da poter inserire con precisione le scene che servono a sviluppare la storia. Ogni scena inserita dovrebbe avere uno scopo preciso, che può essere quello di introdurre un nuovo personaggio o di far evolvere quelli già presenti, di rivelare un segreto o di portare avanti la trama in modo significativo. Inoltre, è importante che le scene siano coerenti tra loro e che tutti i dettagli inseriti siano necessari per la comprensione della storia.

A volte, tuttavia, può essere utile inserire anche scene che non hanno uno stretto legame con la trama principale, ma che offrono un piacevole diversivo al lettore. Queste scene possono essere descrizioni dettagliate di un paesaggio, momenti di introspezione dei personaggi o aneddoti che forniscono ulteriori informazioni sulla storia. In ogni caso, è importante che tali scene siano ben inserite nella narrazione e che non risultino fuori luogo o ridondanti.

 

Rendi la storia coerente e coesa

Lo scrittore deve sempre cercare di mantenere la storia coerente e coesa, altrimenti rischia di perdere il filo del discorso e confondere i lettori. Se un personaggio dice una cosa in una scena e poi fa esattamente il contrario nella scena successiva, il lettore si sentirà disorientato e confuso. Inoltre, se lo scrittore non riesce a mantenere una certa coerenza nella narrazione, rischia di renderla noiosa e poco credibile.

 

Cura ogni dettaglio.

Lo scrittore deve prestare particolare attenzione a ogni singolo dettaglio della trama perché ognuno di essi può rivelarsi importante ai fini della narrazione. Inoltre, anche i dettagli apparentemente insignificanti possono aiutare a creare un senso di verosimiglianza e a rendere il racconto più coinvolgente.
Prestando attenzione ai dettagli, lo scrittore può evitare di introdurre elementi contraddittori o incoerenti che potrebbero distrarre il lettore e indurlo a perdere interesse per la storia. Inoltre, una cura particolare nella costruzione della trama può aiutare a evitare che il racconto si riveli prevedibile o scontato.
I dettagli possono anche rivelarsi utili per introdurre colpi di scena e plot twist inaspettati che possono sorprendere e coinvolgere il lettore. Inoltre, una buona gestione dei dettagli può aiutare a creare un senso di suspense e a mantenere alta la tensione narrativa.
Insomma, curare ogni singolo dettaglio della trama può rivelarsi fondamentale per scrivere un romanzo di successo.

 

Revisiona il tuo lavoro più volte

Uno scrittore dovrebbe rivedere il proprio lavoro più volte prima di sottoporlo all’agente o all’editore, e riflettere sulle tecniche di revisione più comunemente utilizzate.
La revisione è un processo importante per garantire che il proprio lavoro sia il migliore possibile prima di sottoporlo a un agente o editore. Ci sono diversi modi per revisionare il proprio lavoro, e alcune tecniche sono più efficaci di altre.
Una delle tecniche di revisione più comuni è quella di leggere il proprio lavoro ad alta voce. Questo permette di identificare eventuali errori di ortografia, di grammatica o di punteggiatura, oltre che di rilevare eventuali frasi che potrebbero essere migliorate.
Un’altra tecnica di revisione è quella di leggerlo in modo critico, cercando di identificare i punti deboli e le aree che potrebbero essere migliorate. Questo può essere fatto leggendo il proprio lavoro in modo critico, oppure chiedendo a un amico o a un familiare di leggerlo e di fornire un feedback.
Infine, è importante revisionare il proprio lavoro prima di sottoporlo a un agente o editore, in modo da poter correggere eventuali errori e assicurarsi che sia il migliore possibile.

 

Trova un editore o un agente letterario che ti rappresenti

1. Inizia cercando agenti letterari che rappresentano autori simili a te. Leggi le loro interviste e i loro blog per capire se la loro visione è allineata con la tua. 2. Fai una ricerca approfondita. Non limitarti a cercare online, ma leggi anche le riviste e i libri che parlano degli agenti letterari. In questo modo saprai quali sono i migliori e quali sono quelli da evitare. 3. Contatta gli agenti che ti interessano e invia loro la tua proposta. Assicurati di seguire le loro istruzioni e di essere professionale. 4. Aspetta una risposta. Non insistere o pressare l’agente, ma dai loro il tempo di leggere e valutare la tua proposta.
5. Se l’agente è interessato, sarà lui a mettersi in contatto con te per fissare un incontro. Preparati per questo incontro e assicurati di essere pronto a parlare del tuo libro.

6. Se l’agente decide di rappresentarti, firmerai un contratto con lui. Assicurati di leggere attentamente il contratto e di capire tutti i termini. 7. Una volta che hai un agente, lavora con lui e il suo staff per sviluppare il tuo libro e la tua proposta. Assicurati di seguire i loro consigli e di essere aperto alle loro idee. 8. Quando sei pronto, l’agente inizierà a contattare gli editori per vendere il tuo libro. Sii paziente e lascia che lavori al tuo posto. 9. Se un editore è interessato, l’agente negozierà il contratto per te. Assicurati di leggere attentamente il contratto e di capire tutti i termini. 10. Congratulazioni! Hai venduto il tuo libro. Ora lavora con l’editore per promuovere e pubblicare il tuo libro.

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Le “Immagini Manzoniane” di Marino Parenti in libreria

ROMA LIBRERIA SIMON TANNER Via Lidia Giovedì 6 Agosto 2020 Avvistato “Immagini Manzoniane”, a cura di Marino Parenti (Sansoni, 1973).

Edizioni SO (ex Edizioni SimOn): “noi siamo quello che ricordiamo!”

Edizioni SO è l’emanazione più diretta della passione bibliofila e del gusto che pervade il mondo collezionistico del cacciatore di libri e dei fruitori del sito www.cacciatoredilibri.com. La volontà di questo marchio editoriale è quello di rappresentare un focus e un approfondimento di tematiche già trattate nel blog e che riguardano la memoria storica di piccoli editori indipendenti.

Hitler morto? Macché, è vivo: nascosto in Argentina, in Colombia, in Antartide…

C’è un filone inquietante nella saggistica del dopoguerra, quello relativo a “studi” e illazioni circa la possibilità che Adolf Hitler fosse rimasto in vita, nascosto in un rifugio segreto chissà dove: ecco i libri di riferimento, anche in lingua italiana.

“L’uomo senza volto” di Markus Wolf: rarissima 1° edizione Rizzoli 1997

  L'uomo senza volto, di Markus Wolf; con Anne McElvoy; traduzione di Francesco Campana e Stefano Galli (Milano, Rizzoli, 1997).   L'ESEMPLARE IN VENDITA   Dalla scheda del venditore: "Pagine ingiallite dal tempo, etichetta al dorso, piccola scritta a...

“Parigi – New York andata e ritorno” di Henry Miller in bancarella

ROMA PORTA PORTESE Domenica 27 Gennaio 2019 In bancarella una copia della prima edizione italiana di “Parigi-New York andata e ritorno” di Henry Miller (Minimum fax, 2009), romanzo dei primi anni ’30, poco conosciuto, del grande romanziere americano.