"Ogni libro par che dorma, eppur sua è ogni orma"
Collezioni | Curiosità  /  
27 Marzo 2020

Avevate mai visto la copertina de “I denti cariati e la Patria 1966” di Antonio Infantino?

I denti cariati e la Patria 1966, di Antonio Infantino (Milano, Libreria Feltrinelli, 1967).

La copertina non vi emoziona? Allora non avete il virus CoBeat-60

A chi da anni – da una vita – rovista i mercatini alla caccia del “Paziente Zero” dei libri italiani sul Movimento Beat, il titolo che non dovete fare mai, assolutamente mai, è quello de I denti cariati e la Patria 1966, di Antonio Infantino (Milano, Libreria Feltrinelli, 1967), prefazione di Fernanda Pivano. Un’edizioncina misera, quasi un ciclostilato. Niente di particolarmente emozionante. Sì, niente di emozionante se non avete la febbre – Beat. Quel virus CoBeat-60 che una volta entrato non se ne va mai via. Dal 1967 stanno invano progettando un vaccino. Sembra funzionare, ma quando si arriva alla sperimentazione sull’uomo-Beat, ecco che fallisce miseramente. Non si producono anticorpi e il malato rimane perennemente affetto dalla malattia. Senza possibilità o speranze di cura.

Chi era Antonio Infantino? Un cantautore lucano che ha pubblicato vari dischi con la Folk Studio. I denti cariati e la Patria 1966 è una raccolta di poesie. Il libro viene stampato nel 1967, quello è anche l’anno dei locali celebri, come il Piper di Roma o il Derby Club di Milano, dove Infantino ha contatto con tutto il mondo Beat nazionale, non solo Fernanda Pivano, ma anche gli artisti del tempo come Paolo Villaggio, Lino Toffolo o Enzo Jannacci.

Ma quanti avranno letto le poesie di Infantino? Una sparuta minoranza anche tra gli addetti ai lavori, anche tra i collezionisti più incalliti. Motivo? Il libro non ce l’ha praticamente nessuno. Si è faticato per ottenere questa immagine sfuocata e sghemba. Di meglio non siamo riusciti a fare. Ma almeno uno straccio di immagine adesso ci sarà nella testa di chi cerca, di chi rovista, di chi fruga negli scatoloni dei mercatini. E non sia mai che…

Unica copia consultabile pubblicamente, quella della Biblioteca dell’Archiginnasio di Bologna.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Straordinaria mostra sui documenti di Piero Manzoni alla Hauser & Wirth di Los Angeles

Alla prestigiosa galleria Hauser & Wirth di Los Angeles si inaugura il 14 Febbraio 2019 (per concludersi il 7 Aprile) una straordinaria mostra dal titolo “Piero Manzoni: una biografia attraverso la collezione di documenti Guido e Gabriella Pautasso”, a cura di Guido Andrea Pautasso e Irene Stucchi.

Cinque splendide copertine esempio di grafica anni ’20 valgono bene un Pitigrilli a luci rosse

Cinque libri che lo scrittore Pitigrilli (Dino Segre) non avrebbe mai voluto scrivere, ma le cui copertine sono un esempio di stile e di grafica anni ’20 che non possono essere dimenticati. Articolo di Alessandro Brunetti.

Un libro raro che non ti aspetti! Le avventure coloniali minori

Sapevate dei possedimenti coloniali della Danimarca? India, Guinea e Ghana. E di quelli della Scozia? Nord America e Giamaica. E che dire delle colonie del Ducato di Curlandia? Isola di Sant'Andrea e Tobago. Un libro geniale, quello di Ferdinando Angeletti (Macerata,...

“Ventiquattro prose d’arte” di Leonardo Sinisgalli

ROMA LIBRERIA PUGACIOFF Via Andrea Busiri Vici – TEMPO FA – Ai tempi del Coronavirus non ci rimane che ricordare i giorni di fortunati ritrovamenti, sperando che tornino il più presto possibile. Partiamo da un bel libro di Leonardo Sinisgalli.

“Quando Mussolini rischiò di morire”: uno studio di Paolo Cacace sulle malattie del duce

ROMA MERCATINO DI MONTEVERDE Viale dei Quattro Venti, Venerdì 18 Settembre 2020. Avvistato “Quando Mussolini rischiò di morire: la malattia del duce fra biografia e politica (1924-1926)” di Paolo Cacace (Fazi, 2007).