"Sull'inutilità di certi libri sarebbe utile scrivere un libro"
Collezioni | Curiosità  /  
27 Marzo 2020

Avevate mai visto la copertina de “I denti cariati e la Patria 1966” di Antonio Infantino?

I denti cariati e la Patria 1966, di Antonio Infantino (Milano, Libreria Feltrinelli, 1967).

La copertina non vi emoziona? Allora non avete il virus CoBeat-60

A chi da anni – da una vita – rovista i mercatini alla caccia del “Paziente Zero” dei libri italiani sul Movimento Beat, il titolo che non dovete fare mai, assolutamente mai, è quello de I denti cariati e la Patria 1966, di Antonio Infantino (Milano, Libreria Feltrinelli, 1967), prefazione di Fernanda Pivano. Un’edizioncina misera, quasi un ciclostilato. Niente di particolarmente emozionante. Sì, niente di emozionante se non avete la febbre – Beat. Quel virus CoBeat-60 che una volta entrato non se ne va mai via. Dal 1967 stanno invano progettando un vaccino. Sembra funzionare, ma quando si arriva alla sperimentazione sull’uomo-Beat, ecco che fallisce miseramente. Non si producono anticorpi e il malato rimane perennemente affetto dalla malattia. Senza possibilità o speranze di cura.

Chi era Antonio Infantino? Un cantautore lucano che ha pubblicato vari dischi con la Folk Studio. I denti cariati e la Patria 1966 è una raccolta di poesie. Il libro viene stampato nel 1967, quello è anche l’anno dei locali celebri, come il Piper di Roma o il Derby Club di Milano, dove Infantino ha contatto con tutto il mondo Beat nazionale, non solo Fernanda Pivano, ma anche gli artisti del tempo come Paolo Villaggio, Lino Toffolo o Enzo Jannacci.

Ma quanti avranno letto le poesie di Infantino? Una sparuta minoranza anche tra gli addetti ai lavori, anche tra i collezionisti più incalliti. Motivo? Il libro non ce l’ha praticamente nessuno. Si è faticato per ottenere questa immagine sfuocata e sghemba. Di meglio non siamo riusciti a fare. Ma almeno uno straccio di immagine adesso ci sarà nella testa di chi cerca, di chi rovista, di chi fruga negli scatoloni dei mercatini. E non sia mai che…

Unica copia consultabile pubblicamente, quella della Biblioteca dell’Archiginnasio di Bologna.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Auden Isherwood Spender – IL DIARIO DI SINTRA – Barbès 2012. Prima edizione mondiale: raro e in asta a 6.50 €

Auden Isherwood Spender – IL DIARIO DI SINTRA – Barbès 2012. Prima edizione mondiale: raro e in asta a 6.50 €. Prima edizione mondiale a cura dell’editore Barbès di Firenze nel 2012. Divenuto molto raro.

“Stelle filanti”: un libro d’artista alto 41 e largo 5 cm, con Pablo Echaurren niente è impossibile!

“Stelle filanti” di Pablo Echaurren (Tango, 1988) è un libro d’artista con un formato “impossibile”. Alto 41 cm e largo 5. In realtà il libro è un concept book che non si può fisicamente aprire, altra opera d’ingegno di un celebrato scrittore ed illustratore.

Natale 1920: esattamente 100 anni fa usciva “Il mistero di Naropur” di Jason Hooper

Di molti romanzi d’avventura, di mare, di pirati e corsari del tempo di Salgari non sappiamo alcunché. Ci sono, infatti, nomi che ci suonano “falsi”, chiaramente inventati, pseudonimi costruiti di autori plausibili. Uno di questi è Jason Hooper. forse preso a prestito da qualche personaggio letterario. Di lui abbiamo trovato un libro – per la prima volta dotato della rarissima sovraccoperta.

…quando a Piazza Diaz (Milano) presi Lolita + allegato per 30.000 lire

MILANO MERCATINO DI PIAZZA DIAZ – Fine anni ’90 “Lolita”, di Vladimir Nabokov (Mondadori, 1959) con l’introvabile allegato (30 pagine) presi in coppia per 30.000 lire.

“Folklore” di Giuseppe Cocchiara, un manuale Hoepli scritto da un genio di 23 anni!

Pur non spiccando per importanza e rarità tra i Manuali Hoepli più ricercati, si segnala “Folklore” di Giuseppe Cocchiara (Hoepli, 1927) per il suo indubbio valore, anche se l’autore lo scrisse giovanissimo.