"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

Giovedì 20 Giugno 2019 – h. 16:07 – Si è conclusa l’asta per il “Telata blu” di Tolkien. L’anonimo acquirente se l’è aggiudicato alla cifra di € 1.384 con 46 offerte.

Gli ultimi 7 secondi dell’asta sono stati di fuoco, con rilanci continui. In 7 secondi si è passati da 673 € alla cifra finale. L’agguerrita comunità di collezionisti Tolkieniani si è davvero scatenata. Essi dimostrano, con la loro presenza e la loro attività, di essere la comunità libraria su internet – almeno in Italia – più attenta e “sul pezzo”.

Si sta parlando qui della famosa trilogia perduta di J.R.R. Tolkien,  quella che i collezionisti amano definire la “telata blu“. Un’edizione che avrebbe dovuto uscire nel 1992 e di cui solo il primo volume vide la luce.

Ecco qui l’asta su eBay

In pratica è una delle edizioni italiane dei libri di Tolkien più richieste, ma non solo. Oronzo Cilli, massimo esperto italiano dei libri di Tolkien, raggiunto via chat mi dice che in 23 anni di attività collezionistica è la seconda volta che sente di una trilogia completa dei tre volumi.

Solo la Biblioteca Biblos di Monterosi (Viterbo) risulta in possesso della trilogia al completo.

Questo perché – dice Cilli – le Edizioni Club su licenza Rusconi decisero nel 1992 di fare questa edizione dei tre libri che formano Il Signore degli Anelli, cioè La Compagnia dell’anello, Il ritorno del Re e Le due torri ma solamente il primo è noto. Il mercato è pieno per quanto riguarda copie del primo di questi volumi mentre gli altri due non si sono mai visti. Probabilmente furono stampate molte copie del primo volume per il mercato rateale e molte di meno per il secondo e terzo volume. A mio avviso questo fatto fu dovuto alla scarsa richiesta degli abbonati per i restanti due volumi.

Da Tolkien e l’Italia (Il Cerchio, 2016), di Oronzo Cilli (p. 285):

“Nel 1992, anno del centenario della nascita di Tolkien, la sua maggiore opera vendette 21.120 copie (Brambilla, 1997), e sul mercato rateale le Edizioni Club portò una nuova edizione rilegata in tela azzurra che riproponeva le illustrazioni della Veluti utilizzate per l’edizione Euroclub del 1990″.

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Venite a vedere 5 libri di Salinger che non avrebbero mai dovuto uscire in Italia

Cinque libri di J. D. Salinger sconosciuti in mostra al Salone della Cultura di Milano, dopo la vicenda de “I giovani” (Il Saggiatore, 2015) che ha portato al ritiro e alla distruzione degli esemplari in commercio. Provocazione culturale, coup de théâtre bibliofilo, burla goliardica o esempio di editoria concettuale?

Storia recente della disponibilità di “Dracula l’uomo della notte”, di Bram Stoker

La prima edizione italiana del libro di Bram Stoker, “Dracula l’uomo della notte” (Sonzogno, 1922) è comparsa poche volte in vendita. Non si tratta dell’edizione integrale, tuttavia è l’edizione più ricercata del libro di Stoker.

“L’Asino d’oro” di Apuleio nelle Assonanze di SE Edizioni al mercatino

ROMA PORTA PORTESE Domenica 25 Aprile 2021 Avvistata una copia della pregevole edizione tradotta da Massimo Bontempelli de “L’Asino d’oro” di Apuleio (Edizioni SE, 2011).

“Tutti i libri del mondo” in una volta sola: l’esordio di Mario De Martino è da record!

Straordinaria carrellata di “affreschi”, in capitoli auto-conclusivi sui maggiori aspetti del collezionare, conservare, catalogare e (perfino) rubare i libri. L’esordio nella bibliofilia di Mario De Martino è già una pietra miliare. Recensione di Carlo Ottone.

Attenzione a cartoline, francobolli e annulli postali: anche quella è arte: che storia la Mail Art!

Se le vicende ed il nome stesso della Mail Art risultassero sfuggenti alla nostra attenzione, è sufficiente immergersi nelle dense e tuttavia scorrevoli pagine del volume di Eugenio Giannì dal titolo “La Mail Art. Tra Futurismo e Inismo” (El Doctor Sax, 2021) per sapere tutto, ma proprio tutto, dell’arte dell’“affrancamento”. Articolo di Aldo Lo Presti.