"Ogni libro par che dorma, eppur sua è ogni orma"
Focus  /  
02 Maggio 2021

I Romanzi della Palma Mondadori (anni ’30-’40): Francis Scott Fitzgerald, de Saint-Exupéry, Scerbanenco e altre perle

Tante piccole Palme crescono

di Alessandro Zontini

[da Il Piccolo di Cremona, per gentile concessione]

 

Arnoldo Mondadori (1889-1971), intraprendente ideatore di intelligenti iniziative editoriali, nel 1932 decideva di realizzare una collana, dalle sgargianti copertine e dal prezzo contenuto, che proponesse autori sconosciuti in Italia. L’abile editore milanese conferiva l’incarico di organizzarne il lancio e curarne i contenuti a Enrico Piceni, Lavinia Mazzucchetti e Giacomo Prampolini. Nascevano I Romanzi della Palma, serie destinata ad un pubblico che ambiva a letture, seppur non banali, di carattere ameno e di pura evasione.

 

Enrico Piceni, già uno dei motori della Mondadori, munito di grande “fiuto letterario”, provvedeva ad individuare importanti autori inglesi e francesi, che proponeva, poi, direttamente nella neonata collana.

Giacomo Prampolini, a completamento del lavoro di Piceni, indagava altri settori della letteratura mondiale, selezionando pregevoli autori russi, tedeschi e, addirittura, cubani. Lavinia Mazzucchetti, abile traduttrice dal tedesco, celebre per aver contribuito a curare le traduzioni e le edizioni definitive delle Opere Complete di Goethe e di Thomas Mann, completava il piccolo nucleo dal geniale intuito.

Affidata alle notevoli capacità organizzative dei predetti, I Romanzi della Palma faceva la sua comparsa in edicola con il volume Ex moglie di Ursula Parrot, autrice americana di romanzi di gusto romantico. Nell’arco di sole tre settimane, Ex moglie veniva ristampato diverse volte a comprova dell’intuito di Mondadori.

La seconda uscita, Volo di notte. Corriere del sud era l’opera di un semisconosciuto autore francese: Antoine de Saint-Exupéry (ma in seguito autore di fama mondiale con il suo celebre Il piccolo principe).

La quarta uscita, Elena Willfuer, studentessa in chimica è l’opera della viennese di origine ebraiche, Vicki Baum, autrice di decine di romanzi e racconti, spesso di spunto nella Hollywood dell’epoca ed in seguito, per la realizzazione di vari film tra cui il celebre Ragazze folli, con una giovane Brigitte Bardot.

 

La donna della nuova società avanza a lunghe falcate

 

È interessante verificare come i romanzi di Vicki Baum, e di altre autrici proposte nella collana, offrano la figura di una donna assai lontana da quello stereotipo, parzialmente errato, che la storia ci ha tramandato, cioè “moglie, madre ed angelo del focolare”. Molte delle protagoniste dei romanzi, infatti, sono donne professionalmente e sentimentalmente realizzate che gareggiano e primeggiano con i coprotagonisti uomini e che vivono liberamente una condizione di notevole libertà, spesso coniugando famiglia, affetti e successo sociale.

Peraltro, I Romanzi della Palma erano indirizzati proprio ad un pubblico più spiccatamente femminile che maschile; molte delle autrici le cui opere venivano proposte in questa interessante collana svolgevano attività di giornalista ed editorialista, curando, sulle pagine di varie riviste inglesi od americane, rubriche destinate ad un pubblico femminile sempre molto attento ed interessato alle novità della moda, dei mutamenti sociali e del costume.

Particolare cura era destinata alle copertine: su alcune di esse venivano ripresi gli affascinanti volti delle dive dell’epoca (su Un viaggio fatale di Heinrich Herm risalta il viso di Jean Harlow). Su altre, invece, campeggiano magnifiche illustrazioni di celebri illustratori (la copertina del fascicolo n. 136, Prigionia dorata di Kathleeen Norris è una bella tempera di Gino Boccasile che si occupa, anche, della realizzazione delle illustrazioni a corredo).

Altri titoli notevoli della collana sono il fascicolo n. 91, La signora del west di Pierre Benoit, il n. 106, Gas esilarante ed il n. 130, Lo zio Fred in primavera, entrambi di P. G. Wodehouse, il n. 36 del celebre autore ungherese Ferenc Molnar ed il curioso numero “doppio” 11-12: Il naufragio del transatlantico di Gerhart Hauptmann (il disastro del Titanic era episodio ancora troppo recente per non allettare romanzieri e registi).

 

Le vendite erano alle stelle!

 

Ogni singolo fascicolo costituiva un successo editoriale in termini di vendite e di apprezzamento generale. Impossibile non citare il fascicolo n. 89 del 1936: si tratta di Gatsby il magnifico di Francis Scott Fitzgerald (“The Great Gatsby” del 1925), nella traduzione di Cesare Giardini con le illustrazioni, sia nel testo che fuori testo, di Giordano Giovannetti.

Questa prima versione del romanzo, ristampato, poi, numerose volte da differenti editori come Il grande Gatsby (celebre l’edizione curata da Fernanda Pivano del 1950), è diventata una “preda” ambitissima tra i collezionisti e, probabilmente, il numero più ricercato dell’intera collana.

Purtroppo, molti degli autori che avevano reso celebre la collana sono stati, progressivamente, oggetto di un iniquo oblio. La promulgazione delle leggi razziali, nel 1938, comportava l’espunzione dal piano editoriale di molti autori di origine ebraica quali Irmgard Keun, Vicki Baum, Joe Lederer e altri ancora.

Con la deflagrazione della Seconda guerra mondiale, molti autori anglo-americani, francesi e sovietici, provenienti da paesi ostili all’Italia, non venivano più tradotti, stampati e proposti ai lettori. Per sopperire a queste gravi carenze, si decideva di attingere al bacino degli scrittori italiani andando, peraltro, ad individuare figure di rilievo quali Giorgio Scerbanenco, Ezio D’Errico, Luigi Capuana.

Peraltro, parte del successo de I Romanzi della Palma era dovuto, anche, alla progressiva chiusura della collana dedicata ai “gialli” (chiusura imposta in quanto le tematiche proposte erano considerate poco consone al clima bellico): la scomparsa totale (o parziale) dei “gialli” dalle edicole contribuiva, infatti, a far raddoppiare le tirature della collana con il simbolo della palma in copertina.

 

La guerra cambia tutto

 

Infatti, i lettori indirizzavano, con brama, i propri gusti verso le altre collane ancora in edicola. Purtroppo le vicende senza fortuna della guerra portavano alla conclusione di quest’esperienza editoriale nel 1943. Al momento della chiusura la collana I Romanzi della Palma aveva proposto al pubblico ben centottantasei fascicoli di grande successo dovuto anche al prezzo (3,50 lire) che ne consentiva l’acquisto ad ampi strati di popolazione.

Tra le tante, proprio la già citata Prigionia dorata di Kathleeen Norris meriterebbe un recupero. Si tratta di una vicenda che, se inserita in un contesto attuale, non può non ricordare qualche trama, o sottotrama, da soap opera come Beautiful o Dallas o di serie televisive similari.

Ritchie Barnes è un uomo d’affari americano che, conosciuta Jeanie Satterlee (nella versione italiana un poco proponibile “Jimmy Satterlee”!), un’affascinante “donna manager” la presenta, nel corso di uno sfavillante “party”, al proprio zio Gordon. Questi mette in guardia Ritchie, denunciando la donna come una maliarda, assetata di denaro e potere ma, alla fine del ricevimento, le dona una pelliccia di cincillà che, prima, viene accettata e, in seguito, riconsegnata.

Mentre Ritchie si lega sentimentalmente a Honey, sorella di Jeanie, nella quale intuisce valori tradizionali, all’apparenza del tutto assenti nella seconda, quest’ultima, dopo varie vicissitudini, sposa Gordon con il quale parte per l’Europa, in viaggio di nozze. Al suo ritorno negli Usa, Jeanie, amareggiata dalla condotta di Gordon, dedito ad amori mercenari e clandestini, ritroverà la sorella in attesa di un bimbo di Ritchie che, nel frattempo, si è trasferito per motivi di lavoro in Sud America.

Poi l’epilogo: Honey, dopo aver dato alla luce un bimbo, chiamato Bill, muore e così accade a Gordon che, minacciato da una delle sue amanti con una pistola, ha un attacco cardiaco. Alla fine Ritchie dirige la propria autovettura verso il suo nuovo destino: la vita insieme a Jeanie, al piccolo Bill e ad un nuovo bimbo che nascerà a breve. Una trama che, oggi, sembra forse banale ma che aveva incontrato il favore di un pubblico che viveva con trepidazione e passione le coinvolgenti vicende sentimentali proposte da I Romanzi della Palma.

 

E ci sono anche altre perle…

 

Riceviamo dallo studioso e bibliofilo Domenico Cammarota – e volentieri pubblichiamo – la seguente integrazione:

Fra i numeri de I Romanzi della Palma che valgono la pena di rintracciarsi, segnalerei pure i tre bei romanzi fantastici: Il tempo è un sogno di John Buchan (n. 41), La Valle favolosa di Dennis Wheatley (n. 72), ed Orizzonte perduto di James Hilton (n. 103). A puro titolo di curiosità, ricordo pure Teresa Venerdì di Rudolf Torok (n. 123), da cui poi fu tratto il celebre film omonimo di Vittorio De Sica (1941).

 

Disponibilità dei libri citati (sempre aggiornato)

 

Baum Vicki ELENA WILLFUER “STUDENTESSA IN CHIMICA”

EUR 9,90
Disponibile su EBAY
Compralo Subito per soli: EUR 9,90
Compralo Subito

 

 

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Un altro “Strade blu” sopravvalutato. Il caso “Helter Skelter” di Vincent Bugliosi

Vincent Bugliosi era un avvocato americano e autore di importanti saggi (scomparso nel 2015); tra gli altri, ha scritto del caso JFK, su O. J. Simpson, su Bill Clinton e su George W. Bush. Dal 1969, fu lui a occuparsi del caso di Charles Manson e dell'assassinio della...

Due biografie di Tolkien al mercatino!

ROMA MERCATINO DI VIA ROITI (ZONA MARCONI) Venerdì 14 Giugno 2019 sono state avvistate due ottime biografie di J.R.R. Tolkien a prezzo scontato.

“La Fiera Navigante” di Livio Garzanti: quando l’autore è anche l’editore

ROMA (ASPETTANDO & RICORDANDO PORTA PORTESE)  Domenica 13 Dicembre 2020 Avvistato “La Fiera Navigante” di Livio Garzanti (1990), collana “Narratori Moderni”.

…su eBay c’è “Parla, ti ascolto”, il libro segreto di Andrea Camilleri

Appare in vendita un’autentica rarità, “Parla, ti ascolto”, di Andrea Camilleri. Si tratta di un’edizione privata, mai circolata prima d’ora, sconosciuta agli archivi delle biblioteche. Il “libro segreto di Andrea Camilleri” fu stampato in 1500 copie nel 2017, tutte destinate agli amici dell’autore.

Eccola finalmente al completo: il ciclo di Ardo l’Entusiasta!

Una delle trilogie più rare e ambite dai collezionisti nell’ambito della cosiddetta Protofantascienza italiana è quella del “Ciclo di Ardo l’Entusiasta” di Mario Viscardini. Recentemente un grande collezionista di genere fantastico ha annunciato su Facebook di aver completato l’elusivo trittico.