"Ogni libro par che dorma, eppur sua è ogni orma"
Curiosità  /  
06 Ottobre 2020

“Il Sigillo Mondiale”, uno strano libro di Giovanni Quattrucci: ermetismo massonico?

Tutto parte dalla segnalazione, della Libreria Misopogon di Monterotondo, di un libro mai osservato prima: Il Sigillo Mondiale, di Giovanni Quattrucci (Roma, Edizioni Nazionali, 1970).

L’autore, Giovanni Quattrucci, è noto. Massone, editore, scrittore. Noto per le Edizioni Quattrucci negli anni ’50 e ’60, controverse, anticonformiste, innovative. In particolare si ricorda il caso di Roma capovolta (Roma, Quattrucci, 1959), di Giò Stajano [Maria Gioacchina Stajano Starace Briganti di Panico] (1931-2011), un romanzo censurato che fu sequestrato dalle autorità poco tempo dopo l’uscita nelle librerie. Un vero e proprio libro scandalo che viene oggi ritenuto un libro cult per la cultura gay. La storia di un amore omosessuale vano e inconcludente, in un’epoca dove la mentalità ipocrita e perbenista la facevano da padrone. La trama alterna passi memorabili e quasi “eroici” ad altri più meschini e miserabili, ma che alla fine compongono il quadro giusto che spiega la sensibilità dell’epoca in fatto di costumi sessuali.

Delle stesse edizioni vanno citati anche i volumi: Il letto stretto, di Giò Stajano (1973) e Meglio l’uovo oggi, stesso autore (1959).

Di tutta la bibliografia dell’autore, però, Il Sigillo Mondiale, resta un testo di cui non si riescono a trovare notizie. Un vero libro misterioso. Il testo appare particolarmente ermetico, e forse il fatto che l’autore fosse un noto massone non appare del tutto casuale. Si parla di “mondialità e mondialismo”. Termini oggi abusati, ma che nei primi anni ’70 non devono essere stati molto usati. In tutto e per tutto appare come un trattato spirituale. Da qualche passo si nota come il testo alterni digressioni spirituali a passaggi descrittivi di sigilli, fino all’istituzione di premi e organizzazioni di cui però nella realtà non vi sarebbe traccia. Linguaggio ermetico a tutti gli effetti, perciò.

Come dice il responsabile della Libreria Misopogon:

“Se a questo sommiamo la storia personale dello scrittore e il contesto storico, non si può non rimanere incuriositi da questo libro, quantomeno bizzarro. Non ne troviamo riferimenti nemmeno relazionandolo alle case editrici a cui il Quattrucci era direttamente legato come Stampa Internazionale Medica di cui era editore.”

 

 

 

 

Disponibilità dei libri citati (sempre aggiornato)

 

 

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Il mito di “Les Sept Têtes du Dragon Vert” di Teddy Legrand (Berger-Levrault, 1933): da Hitler a Ian Fleming fino a Bergier

“Les Sept Têtes du Dragon Vert”, di Teddy Legrand. è paradossalmente poco conosciuta anche in Francia, almeno dalla maggior parte dei lettori. Però è indiscutibilmente nel mito. Un volume, questo, che è il primo (o tra i primi) a fare un preciso collegamento tra le meditazioni dei monaci tibetani e il Nazismo. Vi aleggiano vari misteri, tra cui la vera identità del suo autore.

Il libro con le foto più importanti della carriera di Craxi (con le ultime drammatiche)

ROMA PORTA PORTESE Domenica 21 Febbraio 2021 Gli scatti del fotografo-amico di Bettino Craxi, Umberto Cicconi con le ultime foto realizzate in una cella frigorifera di un ospedale in cui giaceva il corpo congelato nudo dello statista. Furono quelle in realtà le ultime foto fatte a Craxi da Ciccone, che poi appese la macchina fotografica “al chiodo”.

Protetto: “La moglie che cucinava vegano” e gli introvabili gialli di Gustavo Cani [password: vegano]

Non è disponibile alcun riassunto in quanto si tratta di un articolo protetto.

“La zia Irene e l’anarchico Tresca” di Enrico Deaglio: materiale (anche) per bibliofili

Sellerio ha pubblicato “La zia Irene e l’anarchico Tresca” di Enrico Deaglio; storia dell’editore e anarchico Carlo Tresca, ucciso per ordine dei fascisti a New York nel 1943, che aveva fondato la mitica casa editrice Il Martello.

I CD-ROM di inizio millennio per collegarsi alla rete: gli albori di Internet e una nuova forma di collezionismo

Convinti del fatto che non esista un collezionismo maggiore o minore ma solo collezioni più o meno progredite, presentiamo qui le basi per una raccolta fuori dal consueto, che riguarda i CD-ROM di inizio millennio per collegarsi a Internet. Articolo di Aldo Lo Presti.