"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

La vera alternativa al capitalismo ed al marxismo, di Aurelio Curti (Torino, G. Giappichelli, 1984).

 

Un libro fattosi raro e circoscritto è La vera alternativa al capitalismo ed al marxismo, di Aurelio Curti (Torino, G. Giappichelli, 1984). Si tratta di un saggio perlopiù passato inosservato al tempo, a cura del giornalista e politico frusinate Aurelio Curti (1917-1990), eletto alla Camera dei Deputati per tre legislature consecutive (1958-1972).

Analizzando il libro a posteriori, notiamo (pagg. 6-7) un interessante riferimento a una disciplina misconosciuta, come il Realismo Dinamico. Sebbene l’argomento sia da Wikipedia messo in dubbio a livello di validità come voce enciclopedica, è innegabile che la disciplina si sia consolidata a partire dagli anni ’60 del XX secolo, come risposta al mondo statico e alla realtà immutabile di certa parte della filosofia.

 

Che cos’è il Realismo Dinamico

Il realismo dinamico è un concetto filosofico e scientifico che si riferisce alla teoria che il mondo non è statico o immutabile, ma è in costante cambiamento e quindi una comprensione completa della realtà richiede di considerare il tempo e le fluttuazioni delle cose. Questa teoria è stata sviluppata da alcuni filosofi come Charlie Dunbar Broad e può essere applicata in vari campi come la fisica, la biologia, la psicologia, e l’arte.

 

Il Realismo Dinamico ha avuto origine da una serie di riflessioni e discussioni tra Paolo Maria Arnaboldi, Tommaso Demaria e altri teologi, filosofi e scienziati durante gli anni ’50 e ’60. L’obiettivo era quello di sviluppare un pensiero che potesse rispondere alle sfide del mondo moderno, integrando la fede cattolica con la scienza e la filosofia contemporanee. Il Realismo Dinamico prende come punto di partenza l’idea che l’universo sia una realtà dinamica e in continua evoluzione, in cui la materia e l’energia si trasformano continuamente. Secondo questa prospettiva, la creazione è un processo che non si è fermato nel passato, ma continua ancora oggi.

 

I libri più importanti

Per chi volesse approfondire l’argomento i tre volumi da cercare subito sono:

  • Realismo Dinamico Vol. 1: Ontologia realistico-dinamica, di Tommaso Demaria (Senza luogo, Costruire, 1975).
  • Realismo Dinamico Vol. 2: Metafisica della realtà storica: la realtà storica come ente dinamico, di Tommaso Demaria (Senza luogo, Costruire, 1975).
  • Realismo Dinamico Vol. 3: La realta storica come superorganismo dinamico: dinontorganismo e dinontorganicismo, di Tommaso Demaria (Senza luogo, Costruire, 1975).

 

Ma il primo libro che tratta in maniera compiuta di questa disciplina, gettandone basi, intendimenti e prospettive è da ritenersi Realismo dinamico, di Tommaso Demaria (Torino, Istituto Internazionale Superiore di Pedagogia e Scienze Religiose, 1963). Il libro è rarissimo e si trova una copia solamente presso la Biblioteca dell’Istituto internazionale don Bosco di Torino. La copertina cartacea è sconosciuta ma il PDF del testo è comunque scaricabile dalla rete.

 

 

Disponibilità dei libri citati (sempre aggiornato)

 

 

Su COMPROVENDOLIBRI (“La vera alternativa…” di Aurelio Curti)

 

 

 

 

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Segnali di vita dal pianeta Carmelo Bene: riappare “L’orecchio mancante” (Feltrinelli, 1970)

Dopo anni di assenza, qualche segnale di vita da parte di un libro raro e ricercato: “L’orecchio mancante” di Carmelo Bene (Feltrinelli, 1970), un libro violento, sovversivo, di grande rottura e disprezzo/amore verso la poesia, il teatro e ogni forma d’arte.

“Biopoesia marina” (1979) di Claudia Salaris: gioiellino perso nelle nebbie del tempo che fu fatto stampare da Vincenzo Mollica

La biopoetica è quella disciplina che si propone di far convergere scienze del bios e teoria letteraria nel contesto più ampio di uno studio del comportamento narrativo e della nicchia ecologica dell’Homo sapiens.

Sally Trench e il suo iconico “Seppellitemi con i miei stivali” (1970)

Se cercate Sally Trench in rete troverete sparse e frammentarie notizie di questa donna dalla vita avventurosa. Ma non immaginatevi verdi praterie d’Africa o traversate in solitaria. Sally Trench ha dedicato la sua vita alle persone ai margini: drogati a Londra prima, poi giovani disadattati in giro per il Regno Unito, bambini travolti dalla guerra in ex Jugoslavia, e tantissimi altri progetti un po’ ovunque. Articolo di Alessandro Brunetti

Ermanno Lavorini e Cristina Mazzotti: i libri introvabili su 2 casi scottanti

I casi dei sequestri del dodicenne Ermanno Lavorini (1969) e della diciottenne Cristina Mazzotti (1975) furono i tragici “apripista” di una preoccupante escalation di rapimenti e omicidi tra la fine degli anni ’60 e la prima parte dei ’70. Sulle due vicende ci sono un paio di libri pressoché introvabili di quegli anni.

“La sensualità del libro” di Angelo Floramo in libreria

ROMA LIBRERIA FELTRINELLI, Largo di Torre Argentina Lunedì 7 Ottobre 2019 Avvistato “La sensualità del libro” di Angelo Floramo (Ediciclo editore, 2019) con un sottotitolo esplicativo: “Piccole erranze sensoriali tra manoscritti e libri antichi”.