"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"

Aste con libri interessanti e di pregio in scadenza

Poche ore, a volte pochi minuti… Poi il libro potrebbe sfuggire per sempre, comprato magari per pochi euro da un bibliofilo… Qui le aste e le inserzioni prossime alla scadenza, con alcune occasioni da cogliere al volo…

 

Queste aste stanno per chiudere…

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Roma mussolinèa” (1932): il fascismo visto dal piano regolatore della città eterna

Eccezionale Libro “Roma Mussolinea”, edito da Luciano Morpurgo nel 1932. Nel libro sono presentate 299 illustrazioni che illustrano i lavori e le opere realizzate dal Fascismo a Roma, fra cui il Foro Mussolini, il Foro Italico, le strade di Ostia, i Palazzi e Ministeri, la Via dell’impero.

Appare una copia di “Fuorilegge al Sud” di Antonio Manuppelli. Scommettiamo che finirà in Puglia?

Un destino segnato per le copie di “Fuorilegge al Sud” di Antonio Manuppelli (Editrice Sapere, 1980) che finiscono invariabilmente in Puglia, quasi sempre in provincia di Foggia.

Raro lotto di 4 libri sulla vicenda del matematico bibliofilo e “ladro di libri” Guglielmo Libri (anni 1848-1850)

Ecco quello che succede quando si amano troppo i libri! In vendita un lotto di 4 libri/opuscoli originali dell’epoca (anni 1848-1850) sul celebre caso dei furti di libri e delle vicissitudini dell’artefice, il conte fiorentino Guglielmo Libri che mise assieme una invidiabile collezione di oltre 50.000 tomi, molti dei quali risultarono sottratti alle maggiori biblioteche del tempo.

“Secsa” di Théodore Koenig: in quest’opera è bandita la lettera R e il motivo è… patafisico

Un libretto di cosiddetta poesia patafisica stampato in appena 422 esemplari. In questo libro la lettera R è assolutamente vietata. La lettera R risulta perciò rimossa, espunta, defalcata, “sbianchettata”. Ma che libro è? Una satira della cosiddetta “erre moscia” nell’accento dei giovani dell’epoca. Una finesse, una boutade.