"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

 

Adolphe: aneddoto trovato tra le carte di uno sconosciuto e pubblicato da Benjamin Constant; tradotto da Oreste del Buono (Milano, [s.n.] ma Erich Linder, 1968 (Verona: Valdonega)
 

 

 

 

 

 

 

 

Chi è l’autore?

Henri-Benjamin Constant de Rebecque (1767 – 1830) è stato uno scrittore, politico, scienziato politico, nobile ed intellettuale francese di origine svizzera. L’importanza delle opere di Constant riguardo alla libertà degli antichi ha quasi oscurato il resto del suo pensiero. Constant non era, ad ogni modo, un sostenitore di un libertarismo radicale. I suoi molteplici lavori letterari e culturali (tra i quali i più importanti sono la novella Adolphe e le dettagliate storie della religione) mettevano l’accento sull’importanza dello spirito di sacrificio e del calore delle emozioni umane come base per la convivenza umana. [fonte: Wikipedia]

 

Di cosa parla il libro?

Adolphe è un romanzo scritto da Benjamin Constant nel 1816. L’autore finge che sia ritrovato in un albergo di Cosenza tra le carte di uno sconosciuto e dice che vuole pubblicarlo per indicare come i percorsi tragici della vita possano portare ad inaridire il cuore. Con questo stratagemma evita di mettersi in gioco con le proprie passioni e allo stesso tempo può riuscire a liberarle maggiormente in quanto non lo riguardano direttamente. [fonte: Wikipedia]

Il libro è importantissimo perché è l’unica pubblicazione nota editata personalmente da Erich Linder, il grande agente letterario americano. Questo aspetto non viene evidenziato nelle copie che vengono poste in vendita.

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

L’iconico n. 1 della rivista Provoke (1968): il progetto che ha influenzato la fotografia giapponese moderna

Provoke (Purovōku), fu una rivista sperimentale fondata dai fotografi Yutaka Takanashi e Takuma Nakahira, dal critico Koji Taki e dallo scrittore Takahiko Okada nel 1968. Provoke è durato solo tre numeri con una piccola tiratura, ma è stato estremamente influente nella fotografia contemporanea.

Tra i tesori della Adelphi si corre il rischio di perdersi a “Più libri più liberi”

ROMA PIÙ LIBRI PIÙ LIBERI (Fiera della piccola e media editoria) Viale Asia, 40 /44 – Lunedì 6 Dicembre 2021. Il terzo giorno della più importante manifestazione per i primi due gradi dell’editoria italiana, nella suggestiva Nuvola di Fuksas. Soito stand della Adelphi pieno di gemme selezionate con la massima cura.

“Il mangiatardi: dove trovare i ristoranti aperti dopo le 11 di sera”: il libro cult di Gianfranco D’Angelo

Appena arrivata in rete la notizia della scomparsa dell’attore, comico e cabarettista Gianfranco D’Angelo (1936-2021) i comprovenditori hanno cominciato ad osservare “Il mangiatardi”, un titolo da non sottovalutare.

Un misterioso libro esoterico-iniziatico: ” Les Sept Têtes du Dragon Vert”, di Teddy Legrand (1933)

“Les Sept Têtes du Dragon Vert” è un romanzo esoterico-iniziatico, infarcito di citazioni e di rimandi ad altre opere. L’opera è paradossalmente poco conosciuta anche in Francia, almeno dalla maggior parte dei lettori. Però è indiscutibilmente nel mito.

In cerca di rare copie di Kuji-Kiri: il libro sui Ninja di Bruno Abietti (1987)

Si segnala il raro “Kuji-kiri: magia segreta dei ninja”, di Bruno Abietti (Edizioni Mediterranee, 1987), libro fuori catalogo e molto ricercato dai collezionisti.