"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

Il codice Temesvar, di Umberto Eco (Milano, Edizioni Rovello, 2005).

 

Si tratta di una plaquette di appena 16 pagine ma  di grande qualità, in carattere Bembo Monotype, composto e stampato dall’Officina Olivieri di Milano su carta velata avorio con bordi intonsi espressamente realizzata dalla Cartiera Sicars. La  tiratura complessiva dell’opera, come riportato nel colophon, è di 500 esemplari, di cui 200 (contrassegnati da numeri romani) per i soci dell’Aldus Club e i restanti 300 (in numeri arabi) per le Edizioni La Conchiglia di Capri. Una sola copia pubblica, presso la Biblioteca di Storia e Cultura del Piemonte ‘G. Grosso’ di Torino.

I cultori della materia, i bibliofili e gli studiosi ne han fatto man bassa, oggi difficilmente questo titolo appare in disponibilità sui canali di vendita. Quando succede, le sue valutazioni sono sempre sostenute.

 

Di cosa tratta l’opera

L’opera “Il codice Temesvar” di Umberto Eco è una gustosa satira sulle infinite “Metastasi dell’Interpretazione” che possono annidarsi in un’opera come il “Cenacolo” di Leonardo da Vinci, utilizzata da Dan Brown per le sue fantasiose ipotesi sulle presunte nozze tra Cristo e la Maddalena, che avrebbero dato origine alla stirpe dei Merovingi. Eco prende le mosse da un suo personaggio di fantasia già presente in altre opere e lo utilizza per dipanare il testo disseminandolo di trame occulte, rinvii alla storia e all’attualità, giochi cabalistici e anagrammi, indizi perturbanti e ipotesi ancor più ardite di Dan Brown. L’opera si basa su una iperinterpretazione folle del “Cenacolo” leonardesco, raccontata con sarcasmo, e Eco la utilizza per mettere in risalto come Dan Brown sia stato preso sul serio, nonostante le sue fandonie siano tratte da fonti che vengono date per autentiche, e critica il fatto che molte persone abbiano creduto che le sue presunte verità fossero tangibili e reali.

 

 

Disponibilità di eventuali copie (sempre aggiornato)

 

 

 

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

In asta l’esemplare n. 1 della tiratura numerata della “Canzona di Bacco” di Lorenzo il Magnifico illustrata da Walter Piacesi (1977)

Edizione privatissima stampata con i tipi della Tipografia Niccolai di Pistoia – inverno 1977 – arricchita da due acqueforti di Walter Piacesi. Torello Bellandi ne ha curati e fatti stampare 65 esemplari. La cosiddetta Canzona di Bacco è un componimento poetico scritto presumibilmente nel 1490.

Le frontiere della critica di Sergio Pautasso con dedica a Tonino Guerra

Un grande saggio di un grande protagonista dell’editoria italiana della seconda metà del ‘900, con una dedica speciale.

In cerca del raro “Napoleone imperatore e massone” di Francois Collaveri

Difficile individuare copie superstiti di “Napoleone imperatore e massone”, di Francois Collaveri (Nardini, 1986); il libro è piuttosto raro e propugna ipotesi affascinanti seppur controverse.

“Italia Imperiale”: libro di propaganda del Fascismo in copertina di celluloide (1937)

Eccezionale opera di Propaganda del Fascismo in un “libro oggetto” di formato gigante, con copertina in celluloide e dal peso di 5 kg – fotografie di altissimo livello artistico. In asta su Catawiki.