Sono cinque i libri usciti in Italia! Uno è già raro…

Lo scrittore ed ex terrorista Cesare Battisti (nato nel 1954). da anni latitante prima in Francia e poi in Brasile, è stato arrestato dalla polizia in Bolivia alle h. 22 ora locale di Sabato 12 Gennaio 2019. L’Italia – che aveva agenti dell’intelligence già sul posto – ha immediatamente preso in consegna l’illustre latitante, l’ha caricato su un aereo e l’ha poi trasferito sul suolo italiano. Ricordiamo che su Battisti gravano due condanne all’ergastolo.

Il fatto, come avevo anticipato nel mio ultimo libro Nuovi casi per il cacciatore di libri (uscito negli ultimi giorni del 2018), determina un’improvvisa caccia ai suoi libri. Nella galleria che segue si possono vedere titoli e copertine.

Travestito da uomo (Bologna, Granata Press, 1993) è in assoluto il primo libro pubblicato da Cesare Battisti. Ed è l’autentico pezzo raro della sua produzione, in quanto fu stampato da un piccolo editore in una tiratura prevedibilmente bassa. Gli altri quattro, pur al momento trovabili, stanno esaurendo la loro disponibilità in rete.

Brano tratto da: Nuovi casi per il cacciatore di libri, di Simone Berni (Edizioni SimOn/Biblohaus, dicembre 2018).

“(…) Credo che il cacciatore di libri possa trovare interessanti i titoli di Cesare Battisti nel momento in cui la sua vicenda personale abbia una escalation a causa di un provvedimento legale che ne porti di nuovo il nome sulle prime pagine dei giornali. A quel punto anche gli altri suoi libri potrebbero cominciare ad essere rastrellati. Vi rammento, infatti, che ci sono delle figure “professionali” che si occupano di fagocitare nel vero senso della parola tutti i libri che riguardano un certo personaggio o una certa vicenda di cronaca.
E più è scabrosa e colpisce l’opinione pubblica, più la caccia è forsennata. Cesare Battisti, oltre ai poderosi attacchi mediatici che ha subito e che sta subendo, ha anche avuto dalla sua colleghi che lo hanno difeso a spada tratta, i quali – pur dissociandosi dalla sua condotta passata – hanno comunque presentato i suoi libri, raccolto firme in suo favore e sempre cercato di contestualizzare i crimini di cui veniva incolpato. Tra di loro hanno scritto introduzioni ai suoi libri Giuseppe Genna per Avenida Revolucion e Valerio Evangelisti per L’ultimo sparo. Chiaramente, la posizione instabile dell’autore, la sua tendenza ad essere sempre al centro dell’attenzione, e costituire spesso il seme della discordia nelle relazioni tra l’Italia ed altri stati, rendono potenzialmente interessanti i suoi scritti. Se il governo italiano riuscisse ad ottenere un’estradizione e Cesare Battisti fosse di conseguenza arrestato e riportato in Italia, ci sarebbe una generale caccia ai suoi libri in italiano. Il consiglio è di portare a termine questa minicollezione (cinque libri) finché si è in tempo. Proprio nelle settimane in cui sta andando in stampa il presente libro, la situazione politica brasiliana si sta modificando in negativo per Cesare Battisti, con l’elezione a presidente di Jair Bolsonaro del Partido social liberal (Psl) di estrema destra.

Due libri con dedica autografa di Cesare Battisti

Io sono andato un pochino oltre e ho beccato – negli Stati Uniti e in Canada, dove l’autore – a quanto mi risulta – è virtualmente uno sconosciuto, alcuni suoi libri in francese autografati e perfino con dediche.

I due libri saranno in esposizione al Salone della Cultura di Milano, il 19 e 20 Gennaio 2019 – Via Tortona, 27. Li potrete trovare presso il tavolo dell’Editore Biblohaus.