"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

128 legione camicie nere: documentario fotografico dell’attività svolta durante la campagna per la conquista dell’Impero Fascista, luglio 1935-13. E. F.-giugno 1937-15. E.F (Milano, Alfieri e Lacroix, 1937).

Molto interessante; presente in appena una quindicina di biblioteche aderenti all’OPAC SBN.

 

IL LIBRO IN ASTA – L’asta chiuderà alle ore 20:00 circa del 20 Agosto 2022

 

 

 

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“L’uomo come potenza” di Julius Evola (edizioni Atanòr); una rara copia con timbro Circolo Pro Cultura Fascista

L’edizione qui segnalata è tra le più rare di questo classico del pensiero di Evola; parte del suo interesse deriva dalla constatazione che la copia apparteneva al disciolto Circolo Pro Cultura Fascista “Teodoro Capocci” di Napoli, quartiere Vomero, già noto per i suoi “Quaderni”.

IL KITSCH ANTOLOGIA DEL CATTIVO GUSTO di GILLO DORFLES – MAZZOTTA 1968. 35€

Uno dei libri-simbolo dell’attività culturale di Gillo Dorfles (1910-2018), critico d’arte, pittore, filosofo e accademico triestino. Ricercata la prima edizione.

“Il grande Houdini” di Massimo Polidoro in bancarella!

MILANO FIERA DI SINIGAGLIA Sabato 28 Luglio 2018 Avvistata una copia de “Il grande Houdini”, di Massimo Polidoro (Piemme, 2001). Il grande mago fu anche un precursore del CICAP.

Quando in bancarella presi “Mio marito Guglielmo” di Maria Cristina Marconi

ROMA BANCARELLA A LARGO ENRICO FERMI IN ZONA MARCONI Giovedì 21 Maggio 2020 – “Mio marito Guglielmo”, di Maria Cristina Marconi (Rizzoli, 1995) una biografia scritta dalla consorte di uno dei più grandi italiani del XX secolo.

“Mario Giacomelli” di Arturo Carlo Quintavalle (1980): lo studio principale sul grande fotografo di Senigallia

Importante volume sull’opera del grande fotografo Mario Giacomelli arricchito da moltissime fotografie con apparato critico curato da Carlo Quintavalle. Il lavoro di Giacomelli è particolarissimo e molto personale – essendo anche tipografo – e la sua arte non la esprime soltanto “sul campo” ma anche in camera oscura, dove le sue opere prendono effettivamente vita.