"Ogni libro par che dorma, eppur sua è ogni orma"
Anteprime | News  /  
23 Settembre 2019

Aperta la raccolta-fondi per la ristampa di “I topi del cimitero” di Carlo H. De’ Medici (Cliquot)

Già nel Febbraio 2018 ci eravamo occupati in queste pagine del misterioso scrittore Carlo Hakim De’ Medici di cui – con un’operazione di crowdfunding – la benemerita casa editrice romana Cliquot aveva ristampato il romanzo esoterico Gomòria, in copia conforme all’originale del 1921. Vedi qui l’articolo su Gomòria.

I topi del cimitero, di Carlo H. De’ Medici (Trieste, Bottega d’Arte, 1924)

I topi del cimitero o Crudeltà?

Ma le sorprese sono destinate ad aumentare. La stessa casa editrice ci informa che è iniziata la raccolta-fondi per la ristampa di un altro libro del misterioso autore. Stavolta la scelta è caduta sulla raccolta di racconti I topi del cimitero. Ma non è tutto. Nella collezione sconfinata di un noto collezionista di fantastico della Capitale, è saltato fuori un titolo dello stesso autore sconosciuto ad ogni biblioteca. Si tratta di Crudeltà (Milano, La Sfinge, 1927). All’inizio sembrava la stessa raccolta di racconti I topi del cimitero, a cui un altro editore aveva cambiato titolo. Un esame più accurato ha invece rivelato che si tratta di una serie più completa, con quattro racconti inediti e con delle versione aggiornate e fortemente modificate della raccolta precedente. Una vera e propria scoperta, quindi.

Ma chi era Carlo Hakim De’ Medici?

Chi fosse Carlo Hakim De’ Medici è materia per pochi. Di lui si ricordano altri romanzi e racconti ascrivibili oggi al genere fantastico, tra cui Nirvana d’amore (Trieste, Bottega d’Arte, 1925) e I topi del cimitero (Trieste, Bottega d’Arte, 1924); quest’ultima è una straordinaria raccolta di racconti.
L’autore fu probabilmente friulano. Si ricordano infatti scritti come Leggende friulane (Trieste, Bottega d’Arte, 1924; stampata ad Udine). Secondo la ricostruzione biografica di Guido Andrea Pautasso nella postfazione di Gomòria, dal titolo Il mistero iniziatico di Gomòria, si evince che Carlo Hakin De’ Medici sarebbe nato a Parigi nel 1887, interessandosi precocemente all’esoterismo iniziatico e sviluppando poi una letteratura erotica-esoterica, sia pur marginale, che comunque seguì il gusto raffinato dei tempi.

 

I topi del cimitero: racconti crudeli, di Carlo H. De’ Medici (Roma, Cliquot, 2019) / prova di copertina

Come sarà il nuovo libro della Cliquot

Il libro che ci proporrà la Cliquot porterà il titolo de I topi del cimiteroCollana Fantastica n. 4 – e conterrà: tutta l’edizione originale de I topi del cimitero (14 racconti); tutti i racconti che in Crudeltà uscirono come inediti (4 racconti); tutte le illustrazioni dell’autore, comuni ai due libri; una prefazione in cui si racconta la storia della riscoperta delle opere di Carlo H. De’ Medici.

Dell’opera in questione, così come della precedente, saranno disponibili due versioni, una Classica ed una Deluxe. L’edizione Deluxe conterrà in più rispetto all’edizione Classica: tutti i racconti di Crudeltà da considerarsi versioni alternative rispetto a quelle uscite ne I topi del cimitero (5 racconti); due apparati critici extra: uno nuovo e uno coevo all’uscita dei libri; una illustrazione extra realizzata dall’autore, che si accompagnerà alla dicitura di edizione limitata con il numero dell’esemplare timbrato a mano.

Per chi volesse partecipare al crowdfunding e prenotare una copia può procedere qui.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Quando lo pseudonimo di uno scrittore è un mistero e rimangono solo i suoi libri…

Due scrittori misteriosi di cui ci rimangono soltanto gli pseudonimi: Darius Caasy e Michele Car – i loro libri-feticcio sono ricercati dai collezionisti come fossero mascherine in tempo di Coronavirus…

“Gli angeli mi disturbano”, il libro d’artista di Roberto Sanesi con 9 acqueforti di Masuo Ikeda (Upiglio, 1969)

Opera realizzata in 99 esemplari numerati (su 135 totali) da Roberto Sanesi e Masuo Ikeda, ricercata e valutata.

Volete conoscere bene Giampiero Mughini? Allora dovete essere amici di Biblohaus…

Stampate solo 20 copie della plaquette “Giampiero Mughini: l’homme à papier”, di Massimo Gatta (Biblohaus, 2020), ritratto di un bibliofilo scritto da chi lo conosce bene – ma non sarà facile averne una copia!

“Costretti a sanguinare” di Marco Philopat: ma qual è l’edizione giusta?

Il romanzo è uno dei capisaldi della letteratura underground italiana ed è l’affresco del punk milanese degli anni 1977-84 più autentico e riuscito. La prima edizione del libro è del 1997 ma ne seguirono altre; cerchiamo di mettere ordine in questa controversa cronologia.

“Nientre altro che la verità” di Duilio Poggiolini: il libro scomparso!

Risulta pressoché scomparso il libro “Niente altro che la verità” di Duilio Poggiolini (L’Airone, 1995) l’ex dirigente farmaceutico che negli anni ’90 fu coinvolto in Tangentopoli e nello scandalo degli emoderivati (da cui è stato in seguito assolto).