"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

Chi era Charles Ponzi?

Charles Ponzi (1882-1949), italo-americano, nato Carlo Ponzi a Lugo di Romagna, è passato alla storia come uno dei più grandi truffatori del XX secolo.

Divenne famoso per aver utilizzato su larga scala una tecnica da lui stesso ideata – che gli americani chiamarono Schema Ponzi –  basata sull’acquisto di buoni postali in Italia da inviare negli Stati Uniti per cambiarli in francobolli americani che poi venivano venduti generando profitto; il tutto giocando evidentemente sul cambio estremamente favorevole al dollaro.

Fonda una società, la Securities Exchange Company e promuove il suo sistema. Attira molti investimenti e promette margini di interesse più alti delle banche. In realtà paga gli interessi ai nuovi investitori con i fondi versati dei primi confezionando una struttura che genera indebitamenti costanti, fino al collasso. La sua parlantina, il suo aspetto piacente e incantatore, riescono ad avere la meglio per molto tempo sulla iniziale diffidenza degli investitoti e anche i quotidiani americani all’inizio sembrano persuasi del suo metodo. Le sue truffe ebbero perciò una notevole risonanza sui mezzi d’informazione.

Alcuni biografi lo definiscono coma una carismatica canaglia che ha lanciato la truffa più famosa e straordinaria negli annali della finanza americana. Lui vendeva il “sogno americano” ante litteram. Un sogno dove tutto sembrava possibile: ricchezza istantanea, fama scintillante, lusso da mille e una notte – e questo semplicemente con il potere delle parole, promettendo di raddoppiare il denaro degli investitori in tre mesi.

Ponzi, tra l’altro, aveva ideato una sorta di “Guida del commerciante“. La guida conteneva le pubblicità e gli indirizzi di una serie di inserzionisti, di tutti i generi merceologici. Il volume viene spedito agli interessati, su richiesta. La Guida passò pressoché inosservata nonostante il progetto potesse avere delle buone potenzialità, come l’avvento delle celebri “Pagine gialle” dimostrò nel settore della pubblicità commerciale. La Guida del commerciante di Ponzi – credo sia praticamente introvabile. Non è neppure noto come si chiamasse di preciso.

Tornò in Italia nel 1934, ebbe perfino un prestigioso e delicato incarico governativo da parte di Benito Mussolini – tramite la raccomandazione di un parente – ma le cose finirono quasi subito, egli si dimostrò inadeguato al ruolo che gli era stato affidato. Continuò perciò a viaggiare.

Gli ultimi anni di Charles Ponzi, sublimarono tutta una vita di spericolate “avventure”, tra arresti, lunghi periodi di detenzione in vari carceri di vari paesi, un matrimonio naufragato, un amore mai finito ma tormentato. L’ultima riparazione fu in Brasile, a San Paolo (dove morirà in povertà nel 1949), non gli fu mai concessa quella cittadinanza americana alla quale aspirava.

 

L’autobiografia: una perla rara e ambita!

Di lui ci rimane soltanto un libro di memorie, praticamente una autobiografia, che egli pubblicò privatamente nel periodo romano (ma probabilmente fatta stampare a New York): The Rise of Mr. Ponzi [trad. “L’ascesa di Mr. Ponzi“] di Charles Ponzi (New York (?), Published by Charles Ponzi, Publisher; Via Bormida 2, Rome Italy, 1937). Questa è la prima edizione di un libro veramente rarissimo, di cui sono conservate solo un paio di copie nel Sistema Bibliotecario Nazionale, ed esattamente alla Biblioteca Paolo Baffi della Banca d’Italia a Roma e alla Biblioteca dell’Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano.

Va rilevato che il primo titolo scelto per il libro fu Meet Mr. Ponzi [Conosci Mr. Ponzi]. Quello compare infatti nel Catalog of Copyright Entries. Part 1. [B] Group 2. Pamphlets, Etc. New Series (1935).

 

Questo libro ha valutazioni molto alte. Le poche copie che sono venute alla luce negli ultimi decenni sono state vendute a prezzi da asta prestigiosa. Ci sono invece svariate edizioni del libro (in inglese) successive a quella del 1937. E vari altri libri (sempre in inglese) su di lui e sullo “Schema Ponzi”.

 

Ed in italiano?

Non sembrerebbe esistere alcuna traduzione in italiano dell’autobiografia di Charles Ponzi. Il libro più recente sul caso Ponzi o comunque quello più autorevole ed esaustivo – nella nostra lingua – è Ponzi: Il grande truffatore, di Donald H. Dunn (Milano, Sperling & Kupfer, 1976).

 

 

 

Disponibilità del libro & altri attinenti (sempre aggiornato)

 

The Rise of Mr. Ponzi, Ponzi, Charles. Published by Charles Ponzi, Publisher; Via Bormida 2, Rome, Italy, New York City, 1937

EUR 7.000,00 circa
Disponibile su ABEBOOKS
Compralo Subito per: EUR 7.000,00 circa
Compralo Subito

 

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“La Banda della Magliana” di Gianni Flamini in offerta al mercatino

ROMA MERCATINO DELLA GARBATELLA Giovedì 17 Ottobre 2019 Avvistato “La banda della Magliana – Storia di una holding politico-criminale” di Gianni Flamini (Kaos, 1994).

“La stirpe del serpente” di Serafino Masssoni: libro proibito e “cult”

“La stirpe del serpente” di Serafino Massoni (Aliberti, 2008) è un romanzo/saggio che sul web è stato fatto oggetto di derisione, ma sul quale editori importanti hanno creduto. Il caso è molto particolare.

“La quiete sotto la pelle” di F. Anibaldi Cantelli: da dove è nata la serie SanPa

La quiete sotto la pelle, che uscì per l’editore Frassinelli nel 1996, è un romanzo in parte autobiografico che è servito da documentazione, assieme ad altro materiale, per mettere in piedi la serie SanPa targata Netflix, sulla comunità di San Patrignano.

Tre libri rari: da Stefano Terra ad Amleto Vespa fino a Luciano Bianciardi

Una rara raccolta di racconti di Stefano Terra stampata a Belgrado; il libro che causò la morte di Amleto Vespa, la spia italo-cinese che veniva dal freddo; le condizioni dei minatori della Maremma in un’inchiesta di Carlo Cassola e Luciano Bianciardi.