"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"

anticipazioni da Nuovi casi per il cacciatore di libri

Tutto il pubblicato di Toussaint

Tra le meteore che però hanno lasciato una scia bellissima c’è senza dubbio l’editore Barbès di Firenze. Dunque, sto pensando a come mi ci sono imbattuto.
Ah, ecco, ci sono! Stavo raccogliendo tutto il pubblicato di Jean-Philippe Toussaint. “Tutto il pubblicato” è una delle espressioni più impertinenti e piene di sé che io conosca. Presuppone conoscenza assoluta, di un argomento o di un autore, al punto da poter scrivere con malcelata estasi mistica: “io posseggo tutto il pubblicato di, che so, Dino Buzzati o Amilcare Squadrella”. A parte il fatto che il libricino sconosciuto, la plaquette in venti copie numerate, la copia ad personam, sono entità non tanto improbabili in campo bibliofilo e di cui non possiamo mai scartarne a priori l’esistenza. E già questo dovrebbe far riflettere. Ma veniamo a noi. Tutto il pubblicato di Toussaint, stavo dicendo. Un grande scrittore belga, da me inseguito e apprezzato. Da tempo avevo notato che stava diventando sempre più importante e conosciuto, così mi sono volto a considerare i suoi libri. Ho quindi constatato, un po’ sorpreso e un po’ no, che le sue opere erano (…)

continua su Nuovi casi per il cacciatore di libri, di Simone Berni, uscito a dicembre 2018

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Incursioni librarie nella Roma al tempo di Giacinto Gigli

Una visita alla Libreria Coliseum di Roma è il pretesto per parlare di un pregevole libro di memorialistica romana, “Diario di Roma” di Giacinto GIgli (Tumminelli, 1958), sempre più difficile da trovare e apprezzato non solo dal lettore romano. Articolo di Enrico Pofi.

“Fascino muliebre”: scritto quasi sconosciuto di Matilde Serao, influencer ante litteram per la ditta Bertelli & C.

Percorrendo, a ritroso, la storia d’Italia è possibile arrivare ad individuare qualche proto-influencer, la cui azione era limitata dai modesti “media” disponibili. Una di queste fu Matilde Serao (1856-927), scrittrice e giornalista, è ricordata per essere stata la prima donna a fondare e dirigere un quotidiano. Articolo di Alessandro Zontini.

L’introvabile “I cavalieri del nulla”, di Giovanni Bruno Solaro

Un libro veramente scomparso nel nulla. Oltretutto si tratta di un titolo con falso luogo di stampa: primo dato curioso. Si allude al romanzo “I cavalieri del nulla”, dello scrittore e anarchico Giovanni Bruno Solaro (Parigi, Edizioni Scrittori d’Avanguardia, 1957) [ma Roma, Tipo-Lito Dapco, 1957].

Dedalus (Umberto Eco) “Ammazza l’uccellino” (Bompiani 1973) prima ed. a 39,50 €, illustrata da Sangberg

Interessante famosa prima edizione di Umberto Eco (che qui si firma con uno pseudonimo) ad uso dei bambini di oggi. Irriverente, curiosa, dilettevole opera.

Sherlock Holmes e lo strano caso: quando Roland Topor e la Renault uniscono le forze

“Sherlock Holmes e lo strano caso” di Roland Topor (Renault Italia, 1982) è un rompicapo psicologico, perché il giocatore, dalla disposizione che darà alle figure sul piano, potrà ricavare un ritratto del proprio io davvero sorprendente. La cosa divertente (e alienante) è che ogni giocatore può giocare una sola volta nella vita. Articolo di Alessandro Brunetti.