"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

Destroy, di Isabella Santacroce (Milano, Feltrinelli U. E., 1998)

ROMA MERCATINO DI MONTEVERDE Mercoledì 3 Aprile 2019 – Via dei Quattro Venti, avvistato Destroy di Isabella Santacroce, che venne pubblicato per la prima volta da Feltrinelli a settembre 1996 nella collana I Canguri. La copia avvistata è una prima edizione edita da Feltrinelli però nella Universale Economica a gennaio 1998. Considerato comunque che l’esemplare risulta in perfetto stato e costa 2 €, si ritiene conveniente l’acquisto. Ricordando che questa seconda opera della Santacroce diventò un vero caso letterario, si evidenzia che il nome della scrittrice di Riccione venne accostato a quello degli autori del gruppo dei Giovani Cannibali; termine che venne attribuito a un gruppo di intellettuali che, dell’efferato e crudo realismo e dell’arte colta e popolare insieme, ne fece il proprio credo letterario. (E. P.)

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Il futuro di Hong Kong: le letture per chi vuole capire una città unica al mondo

Angelo Paratico segnala i libri più interessanti e utili per chi vuole rendersi conto di cosa sia davvero Hong Kong, il “porto profumato” d’Oriente, in un momento cruciale della sua storia.

Sempre raro il controverso “Arcobaleno Beat” di Domenico Celada (1970)

Si tratta della testimonianza di Don Domenico Celada, che nel 1970 fa una vera e propria indagine sociologica sui giovani e sull’omosessualità. Ne viene fuori un affresco però molto goffo e infarcito di luoghi comuni sul mondo gay e su quello della prostituzione giovanile.

Biancardi o Bianciardi? Quando una lettera sbagliata in un titolo può cambiare tutto

“Bianciardi com’era” di Mario Terrosi (Il paese reale, 1974): un libro già molto raro di per sé, che si fa introvabile grazie a una lettera sbagliata – storia curiosa di un libro curioso, su di un autore che è un mito consolidato del ‘900.

L’unico libro su Luigi Tenco che non si riesce a trovare: quello scritto dai suoi fan nel 1968

Non sappiamo se tecnicamente la definizione instant book si possa applicare a questo libretto (117 pagine) di ricordi scritti pressoché a caldo sul celebre cantautore di Cassine dai suoi fan, visto che era passato un anno dalla morte (avvenuta al Festival di Sanremo il 27 Gennaio del 1967). Ad ogni modo ne ha praticamente tutti i requisiti. Non ha un editore “istituzionale”, testi scritti da appassionati e sostenitori, impaginazione e grafica non eccelsa, per non dire artigianale.