"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"

Sotto il segno della pecora, di Haruki Murakami (Milano, Longanesi, 1992) – prima edizione italiana

Sempre più rara la prima edizione di Sotto il segno della pecora di Haruki Murakami (Milano, Longanesi, 1992), ma una copia alla fine è spuntata su eBay.

Sotto il segno della pecora di Longanesi è la prima ed unica edizione con questo titolo. A partire dalla seconda edizione, infatti, cambierà in: Nel segno della pecora (Torino, Einaudi, 2010). Altre edizioni, sempre di Einaudi, sono uscite nel 2011 e 2013.

La prima edizione italiana, invece, è da anni pressoché scomparsa, e molti lettori la cercano in rete come fosse il Sacro Graal. In molti forum e nei blog di lettura si trova traccia di questa forsennata ricerca, quasi sempre vana. Le tre edizioni che hanno, per così dire, riempito il vuoto, almeno per il lettore non bibliofilo, poco hanno aggiunto per chi brama il possesso del libro della Longanesi.

Il risultato più evidente dell’ingresso di Einaudi nelle sorti di questo libro è stata una moltiplicazione di copertine diverse, che però non devono far perdere la testa. Tutto è chiaro e di facile lettura. Diciamo che è prassi che l’editore nuovo stravolga un po’ le cose. Infatti ha cambiato la traduttrice, perché si è passati dalla versione di Anna Rusconi a quella di Antonietta Pastore; poi c’è stato il mutato abito e infine una distribuzione più adeguata della quale ne avranno beneficiato le vendite, viste le ben tre edizioni in tre anni.

Ma di cosa parla questo libro? Forse dell’epopea dei samurai e del Bushido o dei tramonti rossi che infiammano l’isola di Hokkaido? O magari di un mistero che avvolge la preparazione segreta del sushi di pesce palla? No, parla di un Giappone più occidentale e più corrotto (politicamente e moralmente) di quanto ci saremmo mai aspettato. Parla di una terra sfatata dai tabù tutti occidentali e vivisezionata con arrogante superbia e noncuranza procedurale. Parla di una vita ripiegata su se stessa e incredibilmente ancorata a punti fermi tutti poco orientali, a ben vedere. Insomma, avete fra le mani un libro geniale e inaspettato. Da leggere e assorbire.

Nel segno della pecora (羊をめぐる冒険), di Haruki Murakami ( 村上 春樹 ) (Tokyo, Kōdansha, 1982). Prima edizione giapponese con fascetta editoriale.

La prima edizione giapponese è invece di ben dieci anni più vecchia, del 1982, e ha valutazioni fino a circa 10.000 yen (circa 75€, cambio al gennaio 2018) sul mercato dei libri di seconda mano nel suo paese. Il libro non può considerarsi raro in Giappone, anche se c’è una valutazione sostenuta (ma solo sulla prima edizione).

 

Ultim’ora 2020

Una copia del libro in vendita su eBay

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Il nome della rosa” di Umberto Eco, l’edizione più rara non è la prima!

Ci si chiede il perché, a pochi anni dall’uscita dell’edizione riveduta e corretta de “Il Nome della Rosa” di Umberto Eco (Bompiani, 2012) questo libro sia già scomparso. Ma il punto è un altro: si tratta ormai dell’edizione più rara di tutte, anche della prima del 1980. Le sue valutazioni si stanno sempre più alzando. E poi c’è l’edizione alfabetica…

Intervista Simone Berni – Radio Street Messina

26 Giugno 2009 / Intervista a Radio Street Messina, La Trasmissione di Morelli. http://www.escualotis.com/ltdm/caso-imprimatur-simone-berni-intervista/ Ospite del giorno della “Trasmissione di Morelli” è Simone Berni, autore de Il caso Imprimatur, cronaca di un...

“La mummia che sanguinava”: da un inedito di Marinetti si aprono tanti misteri

Appena uscita la traduzione italiana di una delle prime opere (per la precisione il terzo libro in ordine cronologico) di Filippo Tommaso Marinetti, dal titolo “La mummia che sanguinava”. Intervistiamo il curatore Guido Andrea Pautasso.

“I nemici di Francesco” di Nello Scavo al mercatino: dietro le quinte del Vaticano

ROMA PORTA PORTESE Domenica 28 Febbraio 2021 Piccoli ritrovamenti al mercatino dell’usato più grande di Roma, dove ci si imbatte in libri e inchieste reperibili al momento ma che potrebbero farsi ricercate fra qualche anno.

“Libro illeggibile n. XXV” di Bruno Munari (1959): una copia in asta

Nel 1949 Bruno Munari progetta per la prima volta una serie di “libri illeggibili”, opere che definitivamente rinunciano alla comunicazione testuale a favore della sola funzione estetica. Alcuni esemplari sono esposti al MoMA di New York. Tra di questi, l’esemplare XXV, prodotto in appena 300 copie, è particolarmente raro.