"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"

Sotto il segno della pecora, di Haruki Murakami (Milano, Longanesi, 1992) – prima edizione italiana

Si era fatta sempre più rara la prima edizione di Sotto il segno della pecora di Haruki Murakami (Milano, Longanesi, 1992), ma negli ultimi tempi alcune copie sono spuntate su eBay.

Sotto il segno della pecora di Longanesi è la prima ed unica edizione con questo titolo. A partire dalla seconda edizione, infatti, cambierà in: Nel segno della pecora (Torino, Einaudi, 2010). Altre edizioni, sempre di Einaudi, sono uscite nel 2011 e 2013.

La prima edizione italiana, invece, è da anni ricercata e ambita, e molti lettori la cercano in rete quotidianamente in cerca dell’affare. In molti forum e nei blog di lettura si trova traccia di questa forsennata ricerca, e si leggono racconti di emozionanti ritrovamenti. Le tre edizioni che hanno, per così dire, riempito il vuoto, almeno per il lettore non bibliofilo, poco hanno aggiunto per chi brama il possesso del libro della Longanesi.

Il risultato più evidente dell’ingresso di Einaudi nelle sorti di questo libro è stata una moltiplicazione di copertine diverse, che però non devono far perdere la testa. Tutto è chiaro e di facile lettura. Diciamo che è prassi che l’editore nuovo stravolga un po’ le cose. Infatti ha cambiato la traduttrice, perché si è passati dalla versione di Anna Rusconi a quella di Antonietta Pastore; poi c’è stato il mutato abito e infine una distribuzione più adeguata della quale ne avranno beneficiato le vendite, viste le ben tre edizioni in tre anni.

Ma di cosa parla questo libro? Forse dell’epopea dei samurai e del Bushido o dei tramonti rossi che infiammano l’isola di Hokkaido? O magari di un mistero che avvolge la preparazione segreta del sushi di pesce palla? No, parla di un Giappone più occidentale e più corrotto (politicamente e moralmente) di quanto ci saremmo mai aspettato. Parla di una terra sfatata dai tabù tutti occidentali e vivisezionata con arrogante superbia e noncuranza procedurale. Parla di una vita ripiegata su se stessa e incredibilmente ancorata a punti fermi tutti poco orientali, a ben vedere. Insomma, avete fra le mani un libro geniale e inaspettato. Da leggere e assorbire.

Nel segno della pecora (羊をめぐる冒険), di Haruki Murakami ( 村上 春樹 ) (Tokyo, Kōdansha, 1982). Prima edizione giapponese con fascetta editoriale.

La prima edizione giapponese è invece di ben dieci anni più vecchia, del 1982, e ha valutazioni fino a circa 10.000 yen (circa 73 €, cambio all’agosto 2022) sul mercato dei libri di seconda mano nel suo paese. Il libro non può considerarsi raro in Giappone, anche se c’è una valutazione sostenuta (ma solo sulla prima edizione).

 

 

 

 

 

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Linus: storia di una rivoluzione nata per gioco” al mercatino

ROMA PORTA PORTESE Domenica 29 Dicembre 2019 avvistato “Linus: storia di una rivoluzione nata per gioco” di Paolo Interdonato, dove (anche) Umberto Eco racconta l’epopea di Linus.

Alcune edizioni dei libri di Tolkien attualmente molto osservate su eBay

Basta dire “Tolkien” e subito si apre un mondo di prime edizioni, di prime stampe, di trilogie incomplete e ricercatissime, di telate verdi, blu e pelli marroni. Cosa bolle in pentola su ebay al momento?

L’ultimo romanzo di Jeanine Cummins spacca l’America. E da noi?

“American Dirt” – in Italia “Il sale della Terra” – di Jeanine Cummins sta dominando la scena americana in questo fine Gennaio 2020, perché secondo i detrattori avrebbe trattato superficialmente un problema delicato: l’immigrazione messicana.

“La verità sull’editoria” di Sir Stanley Unwin (Garzanti, 1958): con la rarissima sovraccoperta!

Un testo meraviglioso per chi ama i libri e il mondo dell’editoria, che aiuta nel conoscere tutti quei mestieri collegati e che oggi, nell’era dell’informatica, sono ormai dimenticati.

Storie di spie, tra ammiragli, codici segreti, donne misteriose e libri ritirati dal commercio

Lo spionaggio e le biografie delle grandi spie da sempre sono terreno fertile per il bibliofilo ma soprattutto per il cacciatore di libri proibiti, scomparsi e ritirati dal commercio. Da Verità Poeta, a Lais, a Hyde fino alla misteriosa e conturbante “Cynthia”. Articolo di Alessandro Brunetti.