"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"

 

I tre pugnali, di Pietro Mormino (Edizioni SO, 2021); introduzione di Simone Berni; postfazione di Domenico Cammarota.

 

Il giornalista Pietro Mormino negli anni fra il 1937 e il 1943 si dedica a tempo pieno alla narrativa, scrivendo un enorme numero di romanzi gialli e d’avventura, dallo stile popolare alla Edgar Wallace, diventando una firma assai nota fra gli appassionati del genere. La sua vita terminerà tragicamente, quel 12 luglio del 1944, fucilato dai tedeschi nella strage di Cibeno.
Preziosa la riscoperta di uno dei suoi romanzi più riusciti, I tre pugnali, caratterizzato dalla realistica ambientazione in una Roma degli anni trenta, che di sicuro meritava d’essere sottratto all’oblio e ripresentato in una veste libraria più degna.

 

Il giallista siciliano fucilato dai nazisti e un romanzo che sorprenderà il lettore

 

I tre pugnali, di Pietro Mormino (Edizioni SO, 2021); introduzione di Simone Berni; postfazione di Domenico Cammarota.

Dobbiamo alla cura certosina e all’attenzione nella ricerca da parte di Roberto Pirani se oggi noi sappiamo, sia pur parzialmente, chi è e cosa ha fatto Pietro Mormino.
Un giovane uomo che rischiava altrimenti di passare alla storia solo come una delle vittime del Fascismo. Fu infatti fucilato a soli trentasette anni, quel 12 luglio del 1944, nel tragico massacro di Cibeno da parte delle SS tedesche, assieme ad altri 66 compagni di sventura, già da tempo reclusi nel campo di concentramento di Fossoli.

I dati biografici relativi a Piero Mormino non sono comprovati. Si sa che era siciliano, di Palermo, ma sulla data precisa di nascita ci sono solo supposizioni e calcoli, in mancanza di un atto ufficiale che non è stato ancora trovato.

Pietro Mormino era uno scrittore di romanzi polizieschi – i cosiddetti ‘gialli’ – con all’attivo diverse decine di libri. Molti di questi li aveva firmati con vari pseudonimi in stile americano, espediente assai in voga all’epoca, un po’ perché il lettore medio prediligeva autori stranieri e atmosfere d’oltre frontiera, un po’ perché molti autori italiani si vergognavano di legare il proprio nome a romanzetti popolari che non erano certo considerati scrittura di alto livello dagli addetti ai lavori e potevano nuocere a una eventuale carriera letteraria.

Mormino scrisse per Sonzogno, Paravia, Nerbini e tante altre case editrici minori. Non solo romanzi e racconti ‘gialli’ ma anche romanzi d’avventura, per mare e per terra. E persino un manuale tecnico per il ballo, sua grande passione.

La produzione narrativa è alquanto dispersa, proprio a causa dei molti pseudonimi usati. Sembra però assodato che nickname come P. M. Arcoleo, Otto Hamon, Harold Jefferson, Henry Madeson, P. Mormin, Louis Ritter e Ramon de Vargas siano riconducibili a Pietro Mormino.

Se alcune sue storie riecheggiano lo stile di Edgar Wallace, muovendosi in metropoli dalla geografia incerta, fatte più di luoghi immaginati che reali, cosa diversa è per i racconti ambientati in Italia, soprattutto a Roma, dove le descrizioni sono precise e dettagliate, i palazzi, i locali, le vie, perfino i nomi di banche e uffici sono tutti attinenti al vero o comunque ben identificabili.
Da questo mare di storie, un giorno è spuntato I tre pugnali, libro di cui sono rimaste pochissime copie in circolazione, appena un paio in biblioteche pubbliche.

Romanzo avvincente, scritto con sapienza, con maestria, che può essere letto ai giorni nostri come ottant’anni fa, quando uscì nella ‘Romantica Economica’ (Serie Gialla) della Sonzogno.
La lettura illuminante del testo, le atmosfere di una capitale immortalata durante il ventennio, rese sapientemente, in un’epoca in cui gloria e speranza si alternavano a dolore e preoccupazione per le sorti future della nazione, a seconda di chi osservava, hanno acceso improvvisamente la luce. Un viaggio indietro nel tempo al costo di un cinematografo, come si diceva allora.
Non aggiungo altro, se non che questo romanzo vi sorprenderà.

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

 

Su AMAZON

 

 

 

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Esce “1936 Le olimpiadi di Hitler: i fatti” di John Webb per Gingko Editore

Esce per le Edizioni Gingko di Verona il seguente titolo:”1936 Le olimpiadi di Hitler: i fatti”, di John R. Webb (Gingko, 2019).

“Gli intellettuali e il caso Moro” di Giampiero Mughini: tutti lo vogliono ma…

“Gli intellettuali e il caso Moro” di Giampiero Mughini (Libreria Feltrinelli, 1978) fu in pratica censurato dall’editore Feltrinelli perché il libro propugnava la tesi che gli intellettuali di sinistra erano dalla parte delle Br. Uscì in circa 200 copie e poi scomparì. Da anni viene costantemente rastrellato.

“Ladri di sogni” di Victor Osborne (Mondadori, 1992): eccolo qua!

Mi sorprendo nel vederne alcune copie in vendita su eBay a prezzi molto contenuti e spesso in condizioni perfette. A volte non è necessario spendere una fortuna per procacciarsi qualcosa di raro e ricercato!

“Los Platillos Voladores”, di J. M. Díez Gómez, il primo libro sugli UFO uscito in Spagna (1950)

Un libro spagnolo rarissimo sui dischi volanti è “Los Platillos Voladores”, di J. M. Díez Gómez, (Editorial Molino, 1950), che viene sottovalutato e non inserito nelle bibliografie ufficiali dell’Ufologia.

La prima edizione de “I ventitré giorni della città di Alba” di Beppe Fenoglio

Raccolta di racconti. La pubblicazione della raccolta, avvenuta nel 1952, segna l’esordio letterario di Fenoglio. La raccolta era originariamente intitolata Racconti della guerra civile, ma fu rifiutata per l’opposizione dell’Editore Einaudi. La definizione ‘guerra civile’ aveva ormai stancato l’Italia e gli italiani, e non la si voleva riproporre in un titolo.