"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

anticipazioni da Nuovi casi per il cacciatore di libri

Quando a Prato c’era la Viridiana di Raffaello Pecchioli

Tutto nacque su una bancarella. Per chi ama le frasi fatte si potrebbe quasi dire che: “tutto nasce sempre in una bancarella”. Si passeggia, si osserva, poi l’occhio va a cadere su una copertina, su un particolare, chissà perché proprio lì e non cinque centimetri a lato. Si realizza che sotto c’è un libro, lo si prende in mano e in un attimo il piccolo fulminetto dell’amore ci colpisce indolore, ma con grande effetto. La mia copia di L’America in preda al Vietnam di autori vari (Prato, Casa Editrice Viridiana, marzo 1967) – con prefazione di Giorgio La Pira – la trovai con queste modalità all’appuntamento mensile della Fortezza da Basso di Firenze, quando si era trasferita alle Cascine. In passato questa copia è passata dalla mitica Libreria Veronese di Bologna, lo prova un bollino sul retro. Mi piacciono le copie che hanno una storia dietro! Questo è il primo libro uscito per una casa editrice, il che è sempre una cosa particolare.

Due parole al volo – però – sulla Libreria Veronese. Rimasta la libreria antiquaria più antica di Bologna fino al giorno di cessazione dell’attività, nel luglio del 2012, dopo aver attraversato un secolo intero e un po’ di più (fondata nel 1888 da Francesco Veronese). Le etichette sui libri non sono mai simpatiche, ma stavolta è risultata quanto mai preziosa per stabilire un percorso. Più avanti (Capitolo 20. I segreti del cacciatore, parte III) parleremo di come un libro è essenzialmente una vita, un percorso. Conoscerlo rende tutto più prezioso.

Ma occupiamoci dell’editore, il quasi sconosciuto Viridiana. Sconosciuto ai più, certo, ma quei pochi che invece sanno di lui, lo considerano una sorta di mito dei nostri tempi. Stiamo parlando del fondatore della casa editrice, il giornalista, poeta e scrittore Raffaello Pecchioli di Prato, scomparso pochi anni fa, che proprio nel 1967 aveva fondato la sua creatura dandole un nome ispirato al celebre film spagnolo Viridiana del regista dissacratore per antonomasia, Luis Buñuel, un film di eccezionale valore, ma avvelenato da una storia incestuosa che sgomenta lo spettatore dell’epoca. E nome omen, si sa. Difatti l’editore si dimostra unclamoroso pungolo e un provocatore di idee e sentimenti, non avendo paura di mettere alla luce i vizi del nostro tempo. Suo è infatti il primo libro uscito in Italia dove si parla senza timore di sfidare le convenzioni (…)

continua su Nuovi casi per il cacciatore di libri, di Simone Berni, uscito a dicembre 2018

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

A caccia di “Taschinabili” Fahrenheit 451 al mercatino

ROMA PORTA PORTESE Domenica 3 Giugno 2018 – Avvistati alcuni interessanti “Taschinabili” per Fahrenheit 451, tra cui “Vocazione di vento” di Maria Guerra (2000), “Poco più di cento rapidi racconti” Eliana Elia (2002) e “Ancora altri rapidi racconti” (2014).

Quando al mercatino ci si imbatte nella storia dell’editore Barbera di Firenze

ROMA MERCATINO DI MONTEVERDE Via dei Quattro Venti Sabato 17 Febbraio 2024 La casa editrice Barbèra è stata fondata da Gaspero Barbèra a Firenze nel 1854. Ha come marchio la rosa e l’ape col motto “non bramo altr’esca”, tratto da un verso di Petrarca.

Sconto eccezionale: 18,55 € anziché 48,93 € per il “Manuale del cacciatore di libri”: 9 copie rimaste!

Su Amazon sconto del 62% sul Manuale del cacciatore di libri di Simone Berni – al momento ci sono rimaste solo 9 copie.

Tamaro, o delle rarità bibliografiche (alla nostra portata)!

Spulciando tra la produzione di Susanna Tamaro, tra preziose edizioni in cofanetto o popolari allegati a Famiglia Cristiana, stavolta ne viene fuori uno spaccato tutto al femminile: la bibliofilia a volte ha bisogno di pause di riflessione, di occhi bendati e di procedere solo dove ci porta il cuore. Articolo di Aldo Lo Presti.

Cronistoria del II Campionato Mondiale di Calcio: un cimelio che dovrebbe stare in un Museo

La pubblicazione commemorativa – a cura della FIGC – della Coppa del mondo di calcio del 1934, vinto dall’Italia sotto l’egida fascista, ma che non può fare a meno di arricchire il palmarès italiano, è colpevolmente assente da ogni biblioteca pubblica. Un collezionista privato ci svela per la prima volta alcune pagine.