"Ogni libro par che dorma, eppur sua è ogni orma"
segnalazione flash  /  
24 Giugno 2020

Esce “Nel nome di Dio”, il libro che racconta il fallito attentato a Henry Kissinger

Un libro rimasto occulto per decenni ed oggi finalmente “libero”

Nel nome di Dio, di Sarkis Abu Zeid , Adel Beshara e Antoine Francis (Verona, Gingko Edizioni, 2020)

Nel nome di Dio: Hilarion Capucci, l’arcivescovo cattolico che armò l’Olp di Sarkis Abu Zeid, Adel Beshara e Antoine Francis (Verona, Gingko Edizioni, 2020). Esce dall’oblio un manoscritto redatto da due giornalisti che avevano intervistato l’alto prelato Hilarion Capucci nel 1979, a proposito di un suo presunto coinvolgimento – cinque anni prima – nel fallito attentato a Henry Kissinger (nato nel 1923) il potente ex Segretario di Stato per gli Stati Uniti durante le presidenze Nixon e Ford.

Dalla scheda editoriale:

Nel 1974, Israele arrestò e condannò a 12 anni di carcere l’arcivescovo di Gerusalemme, Hilarion Capucci (Aleppo, 1925 – Roma, 2017) perché aveva contrabbandato armi per i guerriglieri palestinesi in Cisgiordania, fra cui due razzi Katjuša che avrebbero dovuto far saltare in aria Henry Kissinger, nel Maggio 1974 quanto stava alloggiato al King David Hotel. Ma non riuscirono a farli partire.

Scontò 3 anni di carcere duro e poi, grazie all’intercessione di Papa Paolo VI, presso il presidente israeliano Ephraim Katzir, fu rilasciato. Poco dopo la scarcerazione e il trasferimento a Roma, Capucci venne raggiunto dai giornalisti Sarkis Abu Zeid e Antoine Francis, i quali gli chiesero di collaborare alla stesura di una sua biografia, che avrebbe mostrato le sue imprese e il suo coraggio. Capucci accettò e, in una serie di interviste registrate a Roma nel 1979, raccontò in un modo estremamente franco le proprie esperienze. L’unica condizione che pose fu che gli intervistatori gli consentissero di visionare il manoscritto prima della pubblicazione, cosa che fecero. Verso la fine del 1979, una casa editrice francese accettò di pubblicare il libro con il titolo L’Archevêque Revolutionnaire. Poco prima della pubblicazione, tuttavia, Capucci cambiò idea e chiese ai due giornalisti di sospendere l’uscita, adducendo non meglio precisate ragioni che esulavano dalla sua volontà. Il Vaticano, venuto a conoscenza del libro, per timore di guastare le delicate relazioni con Israele aveva esercitato pressioni sull’arcivescovo, affinché abbandonasse il progetto.

L’arcivescovo accettò la richiesta del Vaticano e, a sua volta, i due giornalisti rispettarono la volontà di Capucci. Il manoscritto rimase custodito “in una vecchia scatola di legno” per trentotto anni, dalla quale è stato tolto pochi mesi fa e pubblicato in lingua inglese e italiana.

Il libro si compra direttamente dall’editore

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“I misteri di Montecitorio” di Ettore Socci al mercatino

ROMA MERCATINO DELLA GARBATELLA Venerdì 3 Gennaio 2020 Al mercatino è stato avvistato un libro di Ettore Socci dal titolo: “I misteri di Montecitorio”, (Studio Garamond, 2014).

Un tesoro del ‘900 letterario per le Nozze Bompiani Torrani 1956!

Interessante libretto per nozze, come si usava a fine ‘800 e inizio ‘900 (e infatti ci sono precedenti illustri). “Nozze di Emanuela Bompiani con Emanuele Torrani”. L’evento si tenne il 30 Maggio 1956. Emanuela era la figlia dell’editore Valentino Bompiani ed Emanuele Torrani faceva parte della stessa casa editrice.

Su Amazon c’è “Wimbledon Sessant’anni di storia” di Gianni Clerici ma…

“Wimbledon, Sessant’anni di storia del più importante torneo del mondo” del giornalista e scrittore Gianni Clerici (Mondadori, 2013) è già esauritissimo. Il libro non sembra più reperibile in Italia; ma su Amazon Canada appare una copia in vendita per oltre 900 Dollari; un fenomeno tipico di Internet.

Amerigo Dumini – 17 colpi – rarissimo con autografo e dedica – fascismo, 60 €

Diciassette colpi, di Amerigo Dumini (Milano, Longanesi, 1958). Primo libro di memorie dello squadrista fascista a capo della squadra che uccise Giacomo Matteotti nel 1924. Libro in asta su eBay

I libri da cercare sul fenomeno dei “preti operai” degli anni ’50 e ’60

Il fenomeno dei cosiddetti “preti operai” nacque in Francia nel secondo dopoguerra, per poi diffondersi in Italia e in altri paesi europei. In Italia, delineato nel 1955 dal giovane filosofo Claudio Cesa in un suo famoso libro, il fenomeno coinvolse per primi alcuni preti toscani, tra tutti Bruno Borghi e Sirio Politi. Andiamo alla ricerca di alcuni “diari di bordo”, uno particolarmente raro.