"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"
Giacomo Matteotti, figlio del Polesine: un grande italiano del Novecento, di Diego Crivellari; Francesco Jori (Adria, Apogeo Editore, 2024).

 

 

 

 

 

Matteotti: istruzioni per l’uso!

 

di Massimiliano Tropeano

 

Un libro scatola che contiene tutte le spiegazioni di una storia fin troppo conosciuta ma di cui pochi ne vedono il risvolto contemporaneo. Il risvolto di un bugiardino prezioso per una medicina conosciuta (soltanto di nome), che nessuno ha più voglia di leggere e si butta via tosto.

Eppure Il nostro “foglietto” (di circa 200 pagine, ben documentato) ci guida attraverso la storia di un principio attivo chiamato Antifascismo, in un Polesine e che ha avuto come sperimentatori i ciceruacchi e gli Andrea Costa, i papaveri come Malatesta e le leghe dei braccianti agricoli. Un Polesine testimone tumultuoso (suo malgrado) dell’involuzione politica del paese, culla di un Matteotti monumentale che si inventa la figura leader del segretario di partito, che stampa e distribuisce da sé un libro che rappresenta da solo (in sole 90 pagine) tutta la sintesi di un’epoca e tutta l’antitesi del metodo politico dominante in quegli anni. Un Matteotti epigono etico ed intransigente di un particolare modo (vecchio?) di concepire la politica.

Una medicina oggi controversa quella dell’antifascismo (che da miele quasi diventa olio di ricino) che noi italiani, con crescente ansia, riusciamo sempre meno a trangugiare e sempre meno a capire se veramente ci aiuterà o no. Molti dicono che è scaduta, vecchia, retorica e senza senso (la medicina…), il cui abuso ha portato all’effetto collaterale del rigetto, che l’antifascismo è superato… ma lo abbiamo superato veramente o lo abbiamo solo accostato sull’autostrada dell’educazione politica?

Epperò si sa che i foglietti allegati ai medicinali sono complicati e difficili da capire dove la distanza tra rigorosa analisi accademica e la leggerezza dei social è siderale. E diciamocelo: non l’abbiamo mai capito fino in fondo questo benedetto bugiardino se è vero, com’è vero, che ci sono ancora i “presenti” a braccio teso per le commemorazioni varie a Roma, o se la città di Salò a quello lì non gli ha mai revocato la cittadinanza onoraria.

A pensarci bene, questo antifascismo ha rappresentato la penicillina del nostro mondo e dei diritti del mondo occidentale negli ultimi 80 anni … ma si sa: le cose scontate, le cose aggratis non hanno valore.

In sintesi, il libro di cui stiamo parlando è un ottimo tonico irrinunciabile, laddove si, Matteotti rappresenta “il socialismo che è mancato all’Italia, lungo il corso del Novecento”, ma resta tuttavia la necessità (ci ha provato Carlo Greppi in un altro bugiardino) di andare più a fondo. La necessità di un’analisi critica della vera rilevanza dell’antifascismo nella società di oggi, multietnica e cibernetica con tre o quattro generazioni successive.

Resto col bugiardino in mano… me lo sfoglio, me lo penso e mi prendo questa medicina: che male non mi farà. Ad utrumque paratus.

 

 

Disponibilità di eventuali copie del libro (sempre aggiornato)

 

 

Su AMAZON

 

Sul sito dell’editore

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

A CACCIA DI LIBRI PROIBITI, di Simone Berni

Nuova edizione che riunisce (in tomo unico) I Nazi-Fascisti e le Scienze del Terrore e Dischi Volanti e Mondi Perduti uscita Marzo 2019 Prezzo: € 42.00 Acquista il libro

Una lettera semi-delirante dell’attore Klaus Kinski alla moglie in vendita in libreria

VIENNA (AUSTRIA) Antiquariat Inlibris Domenica 25 Ottobre 2020 Avvistata una Lettera semi-delirante dell’attore Klaus Kinski (scritta all’incirca nel 1957) alla sua prima moglie, dove si parla di intrighi sessuali ed opere classiche ascoltate fino allo sfinimento.

“Pier Paolo Pasolini” di Dino Pedriali e Janus (1975): le ultime foto in vita

CREMONA, per Librerie, Sabato 13 Maggio 2023. Avvistata una copia di: “Pier Paolo Pasolini”, con fotografie di Dino Pedriali; testo di Janus (Roma, Magma, 1975). Splendidi ritratti di Pasolini che dipinge, scrive, pensa e cammina poche settimane prima della sua morte nel 1975. Libro particolarmente ricercato e di difficile reperimento.

“Un mondo a parte”: come può nascere un editore di culto (e perché)

Tutto nasce dall’aver osservato su eBay una copia del libro “Vacanze di Natale” di Enrico e Carlo Vanzina (Roma, Edizioni Un mondo a parte, 2003) in vendita a caro prezzo (129,99 €). Da lì capisco che…