"non esiste l'ultimo libro, ma solo il più recente"

 

Piero Scanziani, quasi un Nobel dal suo amore per i cani!

Avevamo già parlato di libri sui cani, ultimamente, per esempio quando abbiamo trattato dell’etologo austriaco Eberhard Trumlerqui l’articolo. Oggi è il caso di farlo ancora andando a scoprire non solo un grande studioso ed appassionato di cani, un cinologo a tutti gli effetti, ma anche e soprattutto un grande scrittore svizzero, Piero Scanziani (1908-2003). Amico, collaboratore di vari scrittori, editori e giornalisti tra cui Sem Benelli, Alberto Mondadori, Indro Montanelli, durante la sua vita avventurosa tra l’Italia, la Svizzera e anche l’Asia. Ad ogni modo offrì un contributo significativo alla cinologia, per esempio fu tra i principali fautori della ricostruzione, nel secondo dopoguerra, della razza dell’antico molosso italiano, cioè il mastino napoletano. Ma rilevante fu il suo contributo come romanziere. Fu infatti candidato per due volte al Premio Nobel per la Letteratura.

Tra le opere sui cani vanno ricordate: Il nuovo cane utile, di Piero Scanziani (Chiasso, Elvetica Edizioni, 1975). Il compendio dei suoi studi di cinologia; un vero e proprio manuale per l’addestratore, con tecniche, esercizi e suggerimenti per la professione. Diventato un libro cult per gli appassionati svizzeri e italiani. L’edizione segnalata è stampata in Svizzera in lingua italiana.

Altri due libri famosi, sullo stesso tema e tra i primi scritti, sono L’addestramento del cane da difesa, di Piero Scanziani (Roma, Edizioni PAN, 1946) e 300 razze di cani, di Piero Scanziani (Roma, Edizioni PAN, 1952). Entrambi rari e ricercati.

Altri libri

Ma Piero Scanziani fu anche romanziere. Molti libri di qualità sono ogni tanto in asta a quotazioni notevoli. Grande la sorpresa, quindi, nel vedere due delle sue primissime opere (la seconda e la terza, per la precisione) – e stiamo parlando delle opere più significative, che anni dopo spiegheranno la sua candidatura al Nobel – in vendita per pochi euro. Oltretutto rarissime. Si tratta di: Felix, di Piero Scanziani (Roma, Gherardo Casini Editore, 1952) e I cinque continenti di Piero Scanziani (Milano, A. Corticelli, 1942).

 

 

Disponibilità dei libri (sempre aggiornato)

 

 

 

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“L’ultimo Samurai” di Helen DeWitt: l’inizio, la fine, tutto quanto

“L’ultimo Samurai” (Einaudi), il romanzo d’esordio di una grande scrittrice americana, Helen DeWitt, compie 20 anni e in Italia si sono un po’ perse le sue tracce.

Una grande biografia di Sergio Pautasso su Vittorini (con dedica a Minnie Alzona)

Bella scoperta, navigando tra le migliaia di titoli dello Studio Bibliografico Stazione di Posta di Scandicci, Firenze. La prima edizione di “Elio Vittorini”, di Sergio Pautasso (Borla, 1967). Il libro è impreziosito da una bella dedica autografa di Pautasso alla scrittrice Minnie Alzona.

Quando presi “La giornata d’uno scrutatore” di Italo Calvino alla Simon Tanner

ROMA LIBRERIA SIMON TANNER – Via Lidia – Sabato 18 Aprile 2020 Confinato in casa per l’emergenza sanitaria in atto, ricordo quando in libreria trovai la prima edizione de “La giornata d’uno scrutatore” di Italo Calvino.

Retrospettiva del giuoco del calcio dal 1919 al 1966. Andria Barletta Bisceglie Cerignola Corato Foggia Manfredonia Molfetta Trani, a cura di Peppino Calò (Molfetta, Mezzina, 1966). Introvabile

  Retrospettiva del giuoco del calcio dal 1919 al 1966. Andria Barletta Bisceglie Cerignola Corato Foggia Manfredonia Molfetta Trani, a cura di Peppino Calò (Molfetta, Mezzina, 1966). Introvabile, Pubblicazione unica, che arricchisce qualunque archivio o...

Qualunque cosa stiate facendo in questo momento, mollate tutto e sentite questa!

Maurizio Sbordoni è un autore di grande talento. Parla pochissimo, scrive ancora meno, e soffre abbastanza. Insomma, sembrano esserci tutti gli ingredienti per un successo assicurato, tanto più che chi lo intervista confessa di non aver mai letto un suo libro (e di voler continuare a starne all’oscuro…)