"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

Il ragazzo che trasformava le cose, di Sabina Colloredo (testo); Gianni De Conno (illustrazioni) (Milano, Carthusia, 2014).

 

Nell’opera “Il ragazzo che trasformava le cose“, Sabina Colloredo accompagna i giovani lettori in un viaggio alla scoperta del design attraverso una quotidiana avventura di due fratelli.

Il ragazzo che trasformava le cose” è un’opera originale che si presta a un duplice approccio: racconta, da un lato, la storia di due bambini creativi che giocano con la loro immaginazione; dall’altro, presenta il design come arte e mestiere che caratterizza la cultura italiana. La struttura del libro stesso rispecchia il contenuto con una pieghevolezza che ne fa un oggetto di design al servizio della narrazione.

Le illustrazioni ironiche di Gianni De Conno aggiungono ulteriore valore a questo volume, il cui scopo è far comprendere ai ragazzi quanto l’espressione della creatività possa essere gratificante, specie se inserita in un contesto professionale, quale quello del design.

L’autrice sa rendersi vicina all’esperienza quotidiana dei giovani lettori, proponendo una trama semplice incentrata su un episodio familiare: il maldestro rompersi di un telecomando e la scoperta delle infinite possibilità di trasformazione.

Sebbene la storia non possegga una trama mozzafiato, il messaggio dell’autrice è stimolante: incoraggiare i ragazzi a rompere gli schemi, a cimentarsi nella trasformazione di materiali e oggetti, abbinando l’immaginazione più sfrenata al senso pratico per rendere il mondo più bello e divertente.

È un piccolo libro, sì, ma che merita in pieno l’attenzione dei giovani lettori, volto a incoraggiare la scoperta del design e a sottolineare l’importanza della creatività nella vita di tutti i giorni. L’autrice e l’illustratore sanno trasmettere con leggerezza e ironia un’arte e un mestiere che spesso rimane ignoto al grande pubblico, stimolando la curiosità e l’interesse dei giovani lettori.

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

 

Su AMAZON

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Due orfanelle: Venezia e Firenze” di Alberto Arbasino (1968): raro e ricercato

Interessante saggio del grande scrittore iriense Alberto Arbasino (1930-2020) che fu pubblicato dalle edizioni Libreria Feltrinelli, che di solito hanno dato alla luce titoli molto interessanti stampati quasi sempre in un numero esiguo di copie,

I migliori libri in italiano sulle voci britanniche del momento: Adele, Ed Sheeran e Lewis Capaldi

Adele, Ed Sheeran e Lewis Capaldi, le tre tre voci britanniche del momento nella musica pop, soul e folk. A caccia dei libri che li riguardano. Tra di loro, qualche pezzo che con il tempo si farà sempre più raro e ambito.

L’iconico n. 1 della rivista Provoke (1968): il progetto che ha influenzato la fotografia giapponese moderna

Provoke (Purovōku), fu una rivista sperimentale fondata dai fotografi Yutaka Takanashi e Takuma Nakahira, dal critico Koji Taki e dallo scrittore Takahiko Okada nel 1968. Provoke è durato solo tre numeri con una piccola tiratura, ma è stato estremamente influente nella fotografia contemporanea.

“Come si fermò la Terra” di Calogero Ciancimino (1936): le copertine che hanno aperto un’epoca. RARO E RICERCATO

Come si fermò la Terra: romanzo fantastico, di Calogero Ciancimino (Milano, Le Grandi Avventure, 1936).

Quando il successo delle “saghe” bisogna annusarlo all’inizio: il caso Blackwater di Michael McDowell

Su Cacciatore di Libri non si scandaglia solo il passato ma anche il futuro. Cercando di capire se tra le mille e millanta pubblicazioni giornaliere spunta per caso il libro da collezionare, da mettere da parte, da far stagionare quel poco o quel tanto per farne un pazzo raro.