"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"

Un mandarino marcio, tanti mandarini marci

 

 

Il Mandarino è marcio. Terrorismo e cospirazione nel caso Moro, di Mimmo Scarano e Maurizio De Luca (Roma, Editori Riuniti, 1985) è un libro sull’affare Moro che fino a qualche tempo fa era piuttosto raro, ricercato e, in un periodo ben preciso, del tutto introvabile.

Su eBay però recentemente c’è stata una vera e propria moltiplicazione di “Mandarini”, offerti in asta a prezzi variabili, anche se sempre abbastanza sostenuti. Il libro è stato rastrellato negli ultimi anni e i venditori più noti del celebre sito d’aste sanno evidentemente quanto farselo pagare. Analogo il discorso spostato sul sito concorrente Comprovendolibri. Il libro sembra riguardare maggiormente i venditori privati e poco, o marginalmente, le librerie e gli studi bibliografici.

Il libro però è effettivamente molto interessante. Dalla quarta di copertina:

Sei anni dopo l’affare Moro, due giornalisti ricostruiscono il più complesso delitto politico della nostra storia contemporanea.
Per la prima volta, sulla base di documenti e testimonianze prodotte nell’arco di un decennio, viene ricomposto con pazienza pari all’attendibilità lo scenario nel quale si sono mossi i protagonisti di una vicenda che ha modificato il corso della storia italiana.
L’inchiesta individua i “punti oscuri”, li ordina in un contesto logico e cronologico, e rivela il perché di tanti silenzi o reticenze fuori e dentro lo Stato, dentro e fuori l’Italia.
Due le domande essenziali a cui il libro, quasi una guida nel labirinto dei misteri dell’affare Moro, risponde: perché fu rapito e ucciso il presidente della Dc?
Quali poteri e quali interessi hanno tratto vantaggi dalla presenza del terrorismo?

Ma perché proprio “Il mandarino è marcio“? Perché questa era la parola in codice dei brigatisti per comunicare via radio dell’avvenuta uccisione di Aldo Moro.

“La frase annunciava la morte di Moro e significava (anagramma) “il cane morirà domani”. Un parroco piemontese la trasmise ai carabinieri che la comunicarono a Roma. La stampa non ha parlato di questi messaggi. Rimane un buco anche in commissione parlamentare.” (fonte: www.fondazionecipriani.it)

Il libro fu presentato nel marzo 1985, in anteprima, presso la Sala della stampa estera di via della Mercede a Roma, presenti gli autori, l’allora ministro della Giustizia Mino Martinazzoli e Giampaolo Pansa, il quale così si espresse:

“Il libro lascia interdetti e angosciati; non ha tesi precostituite ed elenca i molti attori e gli scenari che ancora non sono stati messi in luce”. (fonte: La Repubblica)

Per i cultori delle cospirazioni e per i collezionisti di libri sugli anni di piombo, Il mandarino è marcio è assolutamente un must.

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

 

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Quelle 7 cose che un amante dei libri non potrà mai dimenticare

Situazioni idilliache e scenari da incubo. Sette momenti che scolpiscono la memoria dell’amante dei libri, nel bene e nel male. Certo che la numero sette…

“Omicidi in Appennino” di Sandro Antonini: il libro che racconta un mistero irrisolto

Il mistero del serial killer di Bargagli, con una lunga serie di omicidi irrisolti, sono il tema di un libro del 2011 di Sandro Antonini, non più reperibile.

A caccia del primo libro di Niccolò Ammaniti: Branchie (Ediesse, 1994)

Una copia di “Branchie” di Niccolò Ammaniti nell’edizione Ediesse del 1994 è sempre molto ricercata. Si tratta del primo libro in carriera dello scrittore che già l’anno successivo migrerà in Mondadori.

“Ventiquattro prose d’arte” di Leonardo Sinisgalli

ROMA LIBRERIA PUGACIOFF Via Andrea Busiri Vici – TEMPO FA – Ai tempi del Coronavirus non ci rimane che ricordare i giorni di fortunati ritrovamenti, sperando che tornino il più presto possibile. Partiamo da un bel libro di Leonardo Sinisgalli.