"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

Il fungo sacro e la Croce, di John Marco Allegro (Roma, Cesco Ciapanna, 1980)

Il fungo sacro e la Croce, di John Marco Allegro (Milano, Ghibli, 2017)

Dopo decenni di censura e messa al bando, un casa editrice di Milano di nome Ghibli ha ripubblicato un libro che a suo tempo (nel 1970), venne ritirato dal commercio in alcuni paesi, suscitando sdegno e indignazione, tale per cui il suo autore l’inglese John Marco Allegro (1929-1988) venne tacciato di blasfemia e addirittura pazzia e vide compromessa la sua carriera. Il libro s’intitola: Il fungo sacro e la croce; in esso si sostiene che Gesù non è mai esistito e che il Cristianesimo trae la sua origine da riti e culti sessuali e uso di droghe (!). Inutile dire che il libro nella sua prima edizione italiana del 1980 è piuttosto raro [E. P.].

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Olivetti (1908-1958): fotografie di Roiter, Mulas e Schultess

Uno straordinario libro fotografico per il 50° anniversario dell’azienda Olivetti di Ivrea: immagini d’autore di Fulvio Roiter, Ugo Mulas ed Emil Schultess. In asta su Catawiki.

Una bozza non corretta di “Petropolis” di Anya Ulinich

Su eBay si segnala una interessante copia del romanzo “Petropolis”, di Anya Ulinich (Garzanti, 2007). La copertina è una cosiddetta “variant”, si tratta di una bozza fuori commercio non corretta.

“Enciclopedia degli scrittori inesistenti” di Marino e Putignano!

ROMA PORTA PORTESE Domenica 7 Aprile 2019 Avvistato il meraviglioso “Enciclopedia degli scrittori inesistenti”, a cura di Giancarlo Marino e Aldo Putignano (Homo Scrivens, 2012).

“Opera aperta” (Bompiani, 1962): che sia questo il libro più bello di Umberto Eco?

Il concetto di opera aperta proviene dal saggio omonimo di Umberto Eco del 1962, approfondito poi con Il ruolo del lettore, ma anche dalla distinzione di Roland Barthes tra testi leggibili e scrivibili, trattati nel saggio del 1967 “La morte dell’autore”.