"Ogni libro par che dorma, eppur sua è ogni orma"
Senza categoria  /  
15 Ottobre 2009

Interviste – Simone Berni – Dispenser Radio RAI 2

Giovedì 15 OTTOBRE 2009 – Federico Bernocchi del programma di Radio RAI Due “Dispenser” intervista Simone Berni su “Libri scomparsi nel nulla”.

Le tre domande fatidiche:

 

1) Da dove nasce questa sua passione per i libri introvabili?

Nasce principalmente dalla constatazione che alcuni libri non seguono un iter, per così dire, naturale, ma scompaiono più o meno misteriosamente dopo poche settimane dall’uscita. Il primo libro che anni fa attrasse la mia attenzione fu “Mundiagate” di Roberto Chiodi e Oliviero Beha, sullo scandalo della presunta combine tra le federazioni calcistiche di Italia e Camerun ai mondiali di calcio del 1982. Mi colpì soprattutto che il primo editore, Feltrinelli, si fece repentinamente da parte e non fece arrivare il libro (già stampato) nelle librerie. Lo fece invece il coraggioso editore napoletano Tullio Pironti nel 1984, ma i due autori (Beha soprattutto) furono osteggiati e mobbizzati per anni.

2) Ci spiega i motivi, anche curiosi, per cui un libro a un certo punto scompare?

Un libro scompare – quando non lo fa per cause naturali – essenzialmente per tre motivi:

a) perché va contro poteri forti (politici e d’immagine);

b) perché tratta argomenti scabrosi;

c) perché diventa un oggetto di culto.

Nel primo caso si annoverano i libri scritti contro una parte politica, o contro una multinazionale. Mi vengono in mente i libri scritti contro Berlusconi, tra cui il celebre “Berlusconi. Inchiesta sul Signor Tv” di Mario Guarino e Giovanni Ruggeri (1987), rastrellato da mani ignote a pochi giorni dall’uscita, o i libri pubblicati negli anni ’70 contro la Nestlé sul caso del famigerato Lactogene e delle morie di bimbi in Africa. Nel secondo caso si contemplano i casi di libri che svelano scandali, vizi privati e segreti inconfessabili di personaggi in vista. Basti pensare ai libri scritti sulla tragica fine di Lady Diana o quelli sulle sventure giudiziarie di Michael Jackson dal 1993 (il suo “Bad Year”) in poi. Nel terzo caso – quello dei libri diventati oggetti di culto – ci sono quei libri che diventano dei cimeli, a volte loro malgrado. Posso citare, tra tanti, “Sposerò Simon Le Bon” di Clizia Gurrado e della sua smisurata passione per il leader storico dei Duran Duran, icona-pop degli anni ’80.

3) Qual è il suo grande “introvabile”, il libro che farebbe carte false pur di avere?

Beh, il mio “sogno proibito” è “Su Onda 31 Roma non risponde” di Franco Tabasso. Si tratta di un libro del 1957, che fu fatto requisire dalla Polizia per il suo contenuto scomodo (si dettagliava sul carteggio fra Mussolini e Churchill mettendo di mezzo molte personalità intoccabili in ambito militare). Difficile trovarne una copia, è molto raro.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Libri di macchinine da corsa a Porta Portese e in libreria: che passione!

ROMA PORTA PORTESE Domenica 28 Giugno 2020 Oggi si parla di modellini di auto in scala, sia ricordando ritrovamenti fortunati a Porta Portese, che in varie librerie della Capitale, per quella che è una “passione senza età e senza tempo”.

Il primo e ultimo libro di un promettente giovane poeta: Luca Vannucchi: Guanda ci credeva!

Compare una copia di “Poesie di Luca”, di Luca Vannucchi (La Nuova Guanda, 1985), un libricino di un giovane poeta morto a 27 anni in un incidente automobilistico, di cui poco si sa. Ma la sua storia smuove qualcosa in noi.

MANUALE DEL CACCIATORE DI LIBRI, di Simone Berni

Nuova edizione del Manuale del cacciatore di libri introvabili (anche detto "Questo è Berni") uscita Marzo 2019 Prezzo: € 40.00 Acquista il libro

“L’uomo come potenza” di Julius Evola (edizioni Atanòr); una rara copia con timbro Circolo Pro Cultura Fascista

L’edizione qui segnalata è tra le più rare di questo classico del pensiero di Evola; parte del suo interesse deriva dalla constatazione che la copia apparteneva al disciolto Circolo Pro Cultura Fascista “Teodoro Capocci” di Napoli, quartiere Vomero, già noto per i suoi “Quaderni”.