"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"

 

ROMA PORTA PORTESE Domenica 11 Aprile 2021 Credo di poter tranquillamente affermare che ognuno di noi possegga almeno una copia dei due capolavori dello scrittore, matematico, fotografo, logico e prete anglicano britannico dell’età vittoriana Lewis Carroll (1832-1898), pseudonimo di Charles Lutwidge Dodgson. Mi riferisco ovviamente ai romanzi Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie (1805) e al suo seguito Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò (1872).
Sicuramente non altrettanto penso si possa dire della terza opera letteraria di Lewis Carroll ovvero del poema in versi diviso in canti: La caccia allo snualo (1876), non facile a trovarsi in traduzione italiana.

Ebbene, una domenica, al mercato di Porta Portese, su una bancarella di Via Ettore Rolli, ho avuto la ventura di imbattermi in una copia di quest’opera in italiano. Si tratta di una pregevole edizione (con testo originale a fronte) pubblicata nell’aprile del 2008 dalla casa editrice di Firenze Barbès, a cura di Sara Donegà con disegni in copertina di Roberto Mastai.

Mi permetto di osservare che in questo esempio di quel qenio inglese del nonsense che fu Carroll, il nonsense nasce addirittura prima dello svolgimento del testo, nel titolo stesso: lo snualo è infatti uno snark, parola composta dalla contrazione di shark (pescecane) e snake (serpente), un mostro marino sconosciuto al quale viene data la caccia da un bizzarro ed eterogeneo equipaggio.

Diversi studiosi hanno interpretato in vario modo La caccia allo snualo, anche addirittura alcuni come una allegoria alla ricerca del Santo Graal. Comunque, secondo la quarta di copertina dell’edizione avvistata:

“(…) possiamo leggere questo divertente testo anche puramente e semplicemente come un canto di allegra e profonda intelligenza”.

La copia avvistata, in condizioni di esemplare nuovo, costava 5 euro. (E. P.)

 

Qualche edizione ricercata

 

1° ed. italiana

Si ricorda che la prima edizione italiana di The Hunting of the Snark fu: La caccia allo snarco: agonia in otto sussulti, di Lewis Carrol (sic!); traduzione di Cesare Vico Lodovici; illustrazioni di Ketty Castellucci (e Roma, Magi Spinetti, 1945).

La seconda in ordine cronologica è semi-sconosciuta: Caccia allo sbarco, di Lewis Carroll (Roma, Kane, 1978).

La terza edizione italiana – anch’essa molto difficile da reperire – fu infine La caccia allo snualo, di Lewis Carrol (sic!); traduzione, introduzione e note di Milli Graffi; illustrazioni di Pablo Echaurren, Scorpion e Felix / Karl Marx; traduzione di Giovanna Kormis; introduzione di Gianni Toti; illustrazioni di Friedrich Engels (Matera, Edizioni del labirinto, 1982).

 

 

Disponibilità delle edizioni citate ed affini (sempre aggiornato)

 

 

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Il giorno di “Malacqua” sotto il sole di Porta Portese

ROMA PORTA PORTESE Domenica 30 Ottobre 2022 Se mai c’è stato un libro bramato dai bibliofili (in special modo napoletani) questo è stato “Malacqua” di Nicola Pugliese, avvistato al mercatino. Articolo di Aldo Lo Presti.

Vi ricordate quando nel 2017 nelle librerie c’era “Magnifici malfattori” di Francesco Guccini con un errore?

Si segnala che c’è una tiratura di “Magnifici malfattori” di Francesco Guccini con un errore: manca all’interno il fumetto disegnato da Francesco Rubino. La Baldini & Castoldi ha ammesso l’errore.

Un altro “Strade blu” sopravvalutato. Il caso “Helter Skelter” di Vincent Bugliosi

Vincent Bugliosi scrisse un libro sulla vicenda Manson, dal titolo Helter Skelter (New York, W. W. Norton, 1974). Il libro fu stampato da un grosso editore, pertanto non è raro. Difatti è possibile trovare una prima edizione con sovraccoperta in buono stato per alcune decine di dollari americani. In Italia è uno “Strade Blu” Mondadori.

Sempre raro il controverso “Arcobaleno Beat” di Domenico Celada (1970)

Si tratta della testimonianza di Don Domenico Celada, che nel 1970 fa una vera e propria indagine sociologica sui giovani e sull’omosessualità. Ne viene fuori un affresco però molto goffo e infarcito di luoghi comuni sul mondo gay e su quello della prostituzione giovanile.

“La pittura cinese” di Alberto Giugalino (1959): il libro più importante sull’argomento

Quest’opera è considerato il primo libro importante, serio e documentato sulla pittura cinese pubblicato in Italia. Fu stampata in sole 750 copie numerate.