"Sull'inutilità di certi libri sarebbe utile scrivere un libro"
Focus | Speciali  /  
22 Giugno 2020

La Camera del Sud: un editore degli anni ’80 con all’attivo solo un libro!

Un “Van Gogh” che potrebbe andare all’asta…

di Silvano Zingoni

La Camera del Sud, meglio conosciuto come Pleiadi del Sud, è un ammasso stellare estremamente luminoso, il più brillante dell’emisfero australe, facente parte della costellazione della Carena. Ma La Camera del Sud è stato anche il nome di una piccola casa editrice pirata romana, anzi piccolissima, visto che pubblicò solo un testo.

Edizioni del “sole nero” e “della luce”

Fondata da “Cristiano” nel 1983, La Camera del Sud doveva avere, nelle intenzioni del suo ideatore, uno spirito positivo, utopistico, idealista, in contrapposizione a quello fortemente nichilista della sua sorella maggiore di mamma maldororiana, che aveva dato vita a già tante perle nere grazie alla visionarietà editoriale di Raskolnikov e dei suoi compagni. La luce in opposizione al buio. Due personaggi, due personalità antitetiche, due proposte editoriali con messaggi totalmente differenti. Se le Edizioni del Sole Nero pubblicano Per farla finita col giudizio di Dio di Artaud, testo nicciano e blasfemo, La Camera del Sud propone, dello stesso autore, Van Gogh il suicidato della società, dal tutt’altro significato. Un testo di esaltazione di un pittore illuminato e incompreso, di redenzione e di critica sociale. Il circolare contro il lineare. Cristiano prese il testo dalla lettura preparata da André Almuro per Maria Casares e Roger Blin, riducendolo e facendosi aiutare per la traduzione da Sabina Cuneo e Giovanna Arena.

Libro e “spettacolo dal vivo”

La traduzione è molto spigolosa e grezza – soprattutto rispetto a quella di Adelphi, che avrebbe pubblicato il testo integrale più tardi – ma comunque raffinata e ben rispondente a quell’immagine di Van Gogh minatore che Cristiano volle riprodurre nella rappresentazione scenica. Già perché di questa breve lettura se ne fece anche uno spettacolo dal vivo, come racconta Giuseppe Casetti ne Il Re Libraio, andata in scena all’interno di un garage. Al fine di riprodurre emotivamente il buio e il rumore della miniera, e riprendendo il concetto di Teatro della Crudeltà di Artaud, dove palcoscenico e pubblico si fondono, Casetti rinuncia alla Sala Borromini offertagli dall’illuminato assessore Nicolini e mette in scena il suo Van Gogh all’interno di un’autorimessa in funzione, con tanto di automobili in movimento, di clacson e di tubi di scappamento. Così all’avanguardia da non poter essere replicata il giorno successivo per motivi di sicurezza.

Il sogno se ne va con la Renault 4

Ma perché La Camera del Sud pubblicò un solo testo? Di cui tra l’altro circolano pochissime copie superstiti? Si racconta che tutte le copie stampate si trovavano nella Renault 4 di Cristiano che, mancante di assicurazione, fu sequestrata dai Carabinieri. La macchina non fu mai recuperata e con essa tutti gli esemplari del Van Gogh. Bastò questo, in quel periodo in cui tutto appariva e scompariva velocemente, in cui tutto nasceva e moriva in modo magico e surreale (del resto era la Roma dei primi anni ’80), a interrompere questo piccolo sogno editoriale. Come le stelle principali dell’omonimo ammasso, le copie superstiti del Van Gogh de La Camera del Sud sono poche, ma, come ho potuto verificare personalmente nella Libreria Museo del Louvre, brillano ancora di una luce intensa e visionaria.

 

Condividi:

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Una copertina sconosciuta per “L’orsacchiotto Ninni Puf” di A. A. Milne

Viene segnalata una copertina sconosciuta della prima edizione di “L’orsacchiotto Ninni Puf” (Winnie the Pooh) di Alan A. Milne (Milano, Genio, 1936). Potrebbe trattarsi di una ricopertinatura non annunciata dall’editore o di una edizione pirata.

Condividi:

Sparisce e poi riappare il raro “Il Natale ha 5000 anni” di Francesco Saba Sardi

Libro “scomunicato dalla Chiesa”, praticamente scomparso da anni, fu pubblicato nel 1958 e subito entrò nell’occhio del ciclone. Ad attaccarlo fu in particolare “La Civiltà Cattolica”, la rivista dei Gesuiti diretta da Padre Enrico Rosa.

Condividi:

“Storie di libri” di Giovanni Casalegno: ancora una perla di bibliofilia da segnalare

“Storie di libri: amati, misteriosi, maledetti”, a cura di Giovanni Casalegno (Einaudi, 2011) è una corposa raccolta di racconti aventi per protagonista “il libro”, e che va a completare degnamente le segnalazioni dell’ultima settimana sul blog relative ad occasioni di bibliofilia su IBS e Libraccio. Articolo di Enrico Pofi.

Condividi:

In cerca del libro dell’estate? E e se fosse quello di Milo Manara?

Lockdown Heroes, di Milo Manara (Milano, Feltrinelli, 30 luglio 2020). Procuratevi la copia autografata!

Condividi: