"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

L’abito non fa il monaco

 

di Carlo Ottone

 

Nell’articolo pubblicato il 2 gennaio2022 Papa “Petrus Secundus” di Harold J. Frysne e la recensione di Curzio Malaparte: W il Papa, lunga vita al Papa, riporto l’entusiastica recensione al libro effettuata da Curzio Malaparte sul settimanale Tempo.

L’autore del libro è tal Harold J. Frysne, che nel risvolto di copertina viene indicato come un monaco benedettino, nato negli Stati Uniti, a Philadelphia nel 1893, fece il noviziato nel monastero benedettino di Monte Cassino, ma non prese i voti.

 

Si segnala altresì che fu autore di saggi su Antonio Rosmini e Gioacchino da Fiore, nonché autore di una The directives of Faith in History. Eppure, di nessuno dei testi citati ho trovato traccia nel Servizio Bibliotecario Nazionale.

Malaparte scrive che Harold J. Frysne è:

[…] Considerato negli Stati Uniti il più vivace, il più polemico, e il più originale fra gli scrittori cattolici americani […].

Non sappiamo se e quanto Malaparte fosse sincero nello scrivere queste parole, di sicuro c’è che Harold J. Frysne, monaco benedettino e scrittore vivace e polemico, non è mai esistito (o almeno non con le credenziali fornite) come mi conferma la dottoressa Mariavittoria Oliva della segreteria dell’Abate Ogliari del Monastero di Monte Cassino che in una email del 10 gennaio scorso mi scrive:

[…] Dalle ricerche eseguite presso l’Archivio Abbaziale non risultano novizi nati a Philadelphia nel 1893.

 

Galleria di immagini:

 

 

E allora, la soluzione?

L’amico Silvano mi suggerisce che il libro potrebbe averlo scritto lo stesso Malaparte, chiedo così a Giordano Bruno Guerri, bibliografo di Curzio Malaparte, il quale mi scrive con e-mail in data 8 gennaio:

[…] Non ho risposte nette da darle […] Ma un impressione netta: Malaparte non era un uomo tale da tenere a lungo nascosto che era lui l’autore di un libro […].

Va ricordato che l’attendibile e seria Civiltà Cattolica (1955) recensì il libro, così come una recensione apparve sull’autorevole Archivium Historiae Pontificiae (1978).

Come nei migliori gialli il cerchio si stringe. Andiamo con ordine: il cacciatore di testi mi segnala che il traduttore, che cura anche l’introduzione, è Luigi Cripta pseudonimo di Gino Sottochiesa (gioco di parole Cripta-Sottochiesa), nato nel 1893, deceduto nel 1963, filosofo.

Chi era Gino Sottochiesa, insomma? Non si trovano molti riferimenti in rete, ma i pochi sono significativi.

Il Petrus Secundus è un libro da guerra fredda che, negli anni in cui era stato scritto, rientrava nella propaganda anticomunista; nella corposa bibliografia di Sottochiesa si trovano alcuni libri di tale argomento: Canto antibolscevico (Edizione dell’illustrazione romana, 1941); Il mostro bolscevico (Quaderni nazionali, 1942) più altri di agiografia del fascismo, del cristianesimo e razzistici.

Nel Servizio Bibliotecario Nazionale risultano 66 libri, scritti a partire dal 1911, poesie giovanili, fino alla caduta del fascismo.

Ma gli scritti di Sottochiesa appaiono anche su La difesa della razza (1938-1943), il periodico antisemita del regime fascista, destinato a promuovere le leggi razziali del 1938.

Di Sottochiesa si legge nel numero dieci, anno II, 20 marzo 1939, Bibliografia essenziale del razzismo; sul numero diciotto anno II, 20 luglio 1939, La razza italiana nella preistoria.

 

…e alla fine…

Sotto l’abito del monaco potrebbe quindi celarsi proprio Gino Sottochiesa che non aveva ancora smaltito il suo livore razzista e anticomunista.

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

 

Su AMAZON

Su COMPROVENDOLIBRI

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Tre libri di Biblohaus che spaziano da Leonardo, al Sidereus Nuncius fino a Wuz

Biblohaus di Macerata offre tre produzioni limitate e numerate su argomenti di nicchia ma singolari perfino per i bibliofili più smaliziati: la biblioteca di Leonardo, il caso del falso Sidereus Nuncius di Galileo, fino alla storia della rivista WUZ.

Sposerò (o farò divorziare) Simon Le Bon? Ai posteri l’ardua sentenza…

Due copie dei libri cult “Sposerò Simon Le Bon” di Clizia Gurrado e “Farò divorziare Simon Le Bon” di Letizia Mottica sono segnalati su eBay; ne approfittiamo per farne un po’ di storia.

Le controversie sullo scienziato che ha cercato di salvare la fusione fredda

Eugene Franklin Mallove (1947-2004) è stato uno scienziato e scrittore scientifico convinto sostenitore della fusione fredda; molte delle sue ricerche sulle energie alternative sono state bollate come “scienza marginale”. Mallove ha scritto “Fire from Ice”, un libro che descrive in dettaglio il noto rapporto del 1989 sulla fusione fredda di Stanley Pons e Martin Fleischmann.

Non si placa la sete per “Unico indizio la luna piena” di Stephen King

Davvero non deludono mai le quotazioni su eBay di Unico indizio la luna piena di Stephen King (Milano, Longanesi, 1985).

Il primo libro di Luciano Bianciardi (1956) e l’origine del suo impegno sociale e politico

Bianciardi, originario di Grosseto, venne profondamente colpito dalla tragedia della miniera di Ribolla, dove perserp la vita ben 43 lavoratori, a causa di un’esplosione di gas. L’evento, definito come una “fatalità”, portò l’autore ad impegnarsi fortemente nel campo sociale e politico.