"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

Un piccolo mistero datato 1967

A spasso per Roma può capitare di imbattersi, magari durante le cosiddette calde “ottobrate romane”, in piccoli misteri che però stimolano il nostro intelletto e talvolta l’amor proprio. In compagnia del fido E. P. compagno di varie cacce, e inviato speciale in quel di Porta Portese, troviamo alla Libreria Coliseum di via Teatro della Valle una copia in perfetto stato de Le forche caudine di Enzo Tortora. No, non si tratta del racconto della triste vicenda del noto presentatore di Portobello; il titolo lo potrebbe quasi lasciar supporre. Bensì di un simpatico libretto dell’editore Bietti di Milano in cui Tortora si diverte, secondo il suo inconfondibile stile, a prendere bonariamente in giro i divi del momento (siamo nel 1967), e cioè Mina, Celentano, Gaber, Rita Pavone, Gigliola Cinquetti ecc.

Scorrendo la disponibilità sui portali internet – anche per avere una conferma della disponibilità del titolo – ci imbattiamo in altre due copertine dello stesso libro, per lo stesso editore e stampate nello stesso anno, il 1967. Tra l’altro, quasi ogni libraio o venditore è convinto che la “sua copia” sia la prima edizione, praticamente infischiandosene di quelle degli altri. E devo dire che, allo stato attuale, è arduo potersi pronunciare in maniera definitiva in materia.

Non ci sono elementi, o non ne ho visti di rilevanti, che possano mettere in fila – cronologicamente parlando – le tre edizioni. La galleria fotografica che segue presenta le tre copertine nell’ordine cronologico più probabile:

 

Qualche spiegazione?

Ripeto. Difficile averne di chiare e incontrovertibili. Ho l’impressione che l’edizione di 180 pagine possa essere la prima. Meno pagine di testo (anche se, va detto, il formato è diverso), una copertina più “primitiva”, l’appartenenza a una collana diversa (Il picchio, contro Humor). Nell’anno 1967 la Bietti mise in commercio oltre 100 libri. La collana Humor era diretta da Carlo Silva. Così come la collana Il picchio. Altra stranezza. La Libroteka di Trento ed E. P. di Roma mi confermano, separatamente, che c’è una sovraccoperta in acetato trasparente a protezione della copertina telata dell’edizione Humor (immagine n. 2 della galleria fotografica). A quanto sembra, però, la quasi totalità delle copie in vendita ne sarebbe sprovvista.

Le forche caudine non è stato mai ristampato (in forma di libro) dal 1967. Tuttavia, nell’estate del 2017, la rivista di umorismo e satira Buduàr, mensile online che si sfoglia come un giornale, lo ha riproposto a puntate. Ricordo che i racconti-ritratti di Enzo Tortora pubblicati sul libro erano a loro volta originariamente apparsi sulla rivista di arte, scienze e lettere La Parrucca (1953-1965), che aveva Montanelli, Tortora, Arbasino, Erba, Raboni tra i collaboratori. Sull’argomento è obbligatorio leggere il saggio Storia di una rivista inesistente: La Parrucca, di Alvaro Strada (Milano, Viennepierre, 2005).

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Rarissimo e mai visto prima: “Una giornata in riva al mare raccontata da Cecchino” di Anna Sirtorio (anni ’30)

Tra i libri per bambini, veramente un pezzo unico, posseduto dalla sola Biblioteca del Centro APICE di Milano.

“Bibbia copta” del 1850 illustrata in asta sottoprezzo – 160 euro

manoscritto del XIX secolo illustrato con bellissime icone e scritto su pelle di capra; trattasi di una Bibbia / libro di preghiere, scritta nella lingua Ge’ez.

Volete un vero libro sul Natale? C’è “Un presepio con molte sorprese” di Chiara Frugoni (Mauvais Livres, 2020)

Ha un anno ma non lo dimostra Il nuovo nato delle piccole edizioni Mauvais Livres, “Un presepio con molte sorprese” di Chiara Frugoni è l’occasione per una rivisitazione della tradizione del presepio e per incontrare un San Francesco su cui non mancano zone d’ombra e lacune storiche.

“Salò o le 120 giornate di Sodoma: l’ultima sfida di Pasolini alla censura” (Edigramma, 1975): un raro pezzo di Pasoliniana

Il produttore Alberto Grimaldi subì processi per oscenità e corruzione di minori e nel 1976 fu decretato il sequestro della pellicola, che scomparve dagli schermi prima di essere rimessa in circolazione nel 1978. Il volume ripercorre quelle vicende e riporta le critiche che subì il film di Pasolini.

Il giorno di “Malacqua” sotto il sole di Porta Portese

ROMA PORTA PORTESE Domenica 30 Giugno 2024 Se mai c’è stato un libro bramato dai bibliofili (in special modo napoletani) questo è stato “Malacqua” di Nicola Pugliese, avvistato al mercatino. Articolo di Aldo Lo Presti.