"Ogni libro par che dorma, eppur sua è ogni orma"
segnalazione flash  /  
19 Febbraio 2021

Le “Osservazioni astronomiche e fisiche” di Schiaparelli (1910) sul pianeta Marte con le tavole dei “canali marziani”

 

Osservazioni astronomiche e fisiche sulla topografia e costituzione del pianeta marte fatte nella specola reale in milano coll’ equatoriale di merz-repsold durante l’opposizione del 1890. Memoria settima, di Giovanni Virginio Schiaparelli (Roma, Tipografia dell’Accademia dei Lincei, 1910).

 

L’esemplare in vendita 

 

Importante opera astronomica con le fondamentali tavole frutto delle osservazioni al telescopio della Specola di Brera del pianeta Marte fin dal 1877, ad opera dell’astronomo piemontese Giovanni Virginio Schiaparelli (1835-1910). La presente opera è quella con le tavole più aggiornate tra quelle prodotte negli oltre 30 anni di studi dall’illustre scienziato.

 

Dalla scheda del venditore:

“Estratto dai Rendiconti dell’Accademia dei Lincei, in brossura editoriale (cm 31 x 22 ) pagine pag 101-156 + 5 tavole litografate con i disegni originali dei celebri canali marziani. Completo di tutte le carte e di tutte le tavole.

Brossura con alcune usure, le tavole e il piatto posteriore sono staccati dal resto del fascicolo. Interno ottimo, parzialmente intonso, a pieni margini. Due tavole presentano macchiette d’ossidazione su un margine, lontano dalle illustrazioni.

Settima e ultima comunicazione del celebre astronomo Schiaparelli (che morirà proprio nel 1910) all’Accademia dei Lincei. Fin dal 1878, in occasione delle opposizioni con il pianeta Marte, Schiaparelli soleva attuare lunghe osservazioni del pianeta col telescopio della Specola di Brera. Il frutto di queste osservazioni veniva poi esposto alla comunità scientifica tramite queste pubblicazioni.

Queste comunicazioni occupano un posto di rilievo nella storia dell’astronomia, ma anche della fantascienza,  per due motivi:

1) contengono le prime mappe dettagliate del pianeta, così importanti che ancora ai giorni nostri la topografia marziana usa la bellissima nomenclatura latina ispirata alla mitologia greca creata da Schiaparelli (un nome per tutti, il celebre Mons Olympus).

2) in esse per la prima volta si fa cenno e si illustrano i celebri canali marziani, così importanti per l’immaginario fantascientifico del XIX e XX secolo da arrivare, attraverso Percival Lowell, H. G. Wells e la sua La guerra dei mondi (e la sua riduzione per la radio a opera di Orson Wells) fino a giorni nostri. Se dopotutto gli extraterrestri li chiamiamo spesso “marziani”, e non gioviani o venusiani, lo si deve a Giovanni Schiaparelli e alle sue osservazioni dei canali.”

 

 

 

Disponibilità di libri sull’argomento (sempre aggiornato)

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Il primo volto di Dracula: il mistero dell’edizione ungherese del 1898

La prima traduzione di Dracula di Bram Stoker in un’altra lingua è in ungherese, nel 1898 – Quel libro presenta anche la prima raffigurazione artistica del Dracula letterario, rimasta sconosciuta fino al 2014.

“Allucinazioni” Giuseppe Bevilacqua, Rarissimo

https://www.ebay.it/itm/193566065896

In libreria appare “Il fungo sacro e la croce” di Allegro: libro blasfemo

Dopo decenni di censura e messa al bando, riappare in libreria “Il fungo sacro e la croce” di John Marco Allegro (Milano, Ghibli, 2017), libro blasfemo che nega l’esistenza stessa di Gesù Cristo.

“Nome in codice Ulisse” di Fulvio Martini in bancarella

MILANO FIERA DI SINIGAGLIA Sabato 20 Ottobre 2018 Avvistato “Nome in codice Ulisse” di Fulvio Martini (Rizzoli, 1999).

“Alla ricerca dei cibi perduti”, il libro cult di Luigi Veronelli

Di Luigi Veronelli ci si è dimenticati troppo presto della sua importanza per la storia dell’enologia e della gastronomia italiana. Lui che ha dato il via all’affermazione dell’Italy food nel mondo. “Alla ricerca dei cibi perduti” è il suo libro cult.