"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"
foto tratta da www.anobii.com

Guidare in pista, di Ayrton Senna (Brescia, Edizioni Le mille miglia, 1991).

Sempre quotatissimo il ricercato libro Guidare in pista, di Ayrton Senna (Brescia, Le mille miglia, 1991), l’unico che sia stato materialmente scritto dal campione brasiliano.

Nominalmente diversi libri possono esser attribuiti al pilota brasiliano di Formula Uno Ayrton Senna nella veste di autore, ma in realtà sono tutti da considerarsi postumi (e cioè successivi al maggio 1994) e l’inserimento del nome Ayrton Senna nel campo “autore” è a puro scopo celebrativo e di marketing.

Diverso il caso di Guidare in pista, un libro meraviglioso dove lo sfortunato campione brasiliano spiega “come si guida”, ma non solo. Il libro è un manuale, un vademecum completo e dettagliato sul mestiere di pilota.

Tutto, ma davvero tutto, per il pilota neofita. Come ci si approccia a una gara, quale è la dieta consigliata, come ci si rilassa, come si prende confidenza con il mezzo, come ci si comporta il giorno della gara.

Ayrton Senna sembra abbia riversato in questo libro tutta la sua arte, tutto il suo splendido e inimitabile talento. Come se prendesse per mano il neofita, il debuttante, il pilota in erba, per condurlo in un mondo magico e senza fine. Esattamente come la sua storia, e la storia di tutti coloro che l’hanno vissuta assieme a lui.

Guidare in pista è uno dei trenta libri circa editi dall’organizzazione delle Mille Miglia, la celebre corsa di rievocazione storica. Ma è l’unico che porta una firma così illustre. Credo che, all’epoca, fu un vero e proprio scoop per l’organizzazione. Il libro può considerarsi molto raro, posseduto solo da tre biblioteche. Il minimo che si possa dire è che è assai ricercato dai fan della Formula Uno, e dai cacciatori di rarità nel campo dell’automobilismo. Il libro viene citato in molti forum e gruppi di discussione in rete; e la sua valutazione è destinata a incrementarsi, per la penuria di copie prodotte e per la limitata circolazione.

Per avere un’idea precisa sui libri celebrativi e in generale sulla letteratura inerente Ayrton Senna consiglio di studiare con attenzione la bibliografia dedicata al campione brasiliano a cura di Matteo Sala in Altrimondi Libreria.

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

 

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Edizioni del sole nero” di Carlo Ottone in uscita alla Fiera di Fontanellato

Alla Fiera di Fontanellato le Edizioni SimOn – in anteprima – presentano una tiratura numerata ed in prima edizione assoluta, del saggio di Carlo Ottone dal titolo “Edizioni del sole nero: editore in Amsterdam/Roma 1977-1982”.

“Così parlò il millenario” (1927) di Fernando De Rio: esoterismo e alchimia in un’opera rara e ricercata

Rara opera di esoterismo ed alchimia pubblicata dalla Anonima Romana Stampa, una interessante casa editrice che era dedita a libri di storia, ordini cavallereschi, vita romana e Hallesismo.

“Storie di libri” di Giovanni Casalegno: ancora una perla di bibliofilia da segnalare

“Storie di libri: amati, misteriosi, maledetti”, a cura di Giovanni Casalegno (Einaudi, 2011) è una corposa raccolta di racconti aventi per protagonista “il libro”, e che va a completare degnamente le segnalazioni dell’ultima settimana sul blog relative ad occasioni di bibliofilia su IBS e Libraccio. Articolo di Enrico Pofi.

Una eccezionale copia del “Libro delle ore” in uso a Cambrai (anno 1520) venduta a 4.445 € su eBay

Si è chiusa a 4.445 € un’asta su eBay USA che riguarda un sensazionale esemplare di “Libro delle ore” del 1520 di cui non sono note schedature o registrazioni da parte delle bibliografie più accreditate.

Nascono “I quaderni dell’Aldus Club”, prosecuzione del celebre “Almanacco”: la direzione affidata a Luigi Mascheroni

L’Aldus Club di Milano si è dotato di una nuova rivista annuale, affidando al giornalista culturale Luigi Mascheroni, la prestigiosa direzione. È la naturale prosecuzione del celebre “Almanacco del Bibliofilo”, ma assume adesso la denominazione de “I quaderni dell’Aldus Club”. Il primo numero, monografico, è del gennaio 2021 ed è interamente dedicato alla storia dell’associazione stessa e al suo fondatore Mario Scognamiglio.