"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

Un mistero irrisolto, un libro esaurito da tempo…

In un piccolo paese dell’entroterra ligure, Bargagli, nell’arco di cinquant’anni avvengono dei delitti e degli strani “incidenti”. E per quanto si indaghi e si continui a cercare non si scoprirà mai il colpevole, o i colpevoli. O meglio, la verità sembra sul punto di essere a portata di mano; poi per uno strano e ambiguo mescolarsi di eventi, si allontana. Non vi saranno colpevoli. Gli omicidi resteranno insoluti, e sulle identità degli assassini il buio sarà fitto…

Dalla scheda editoriale

Sul mostro di Bargagli, sul giallo-nero del piccolo paese si è scritto a sproposito, si sono compiute analisi “scientifiche” e sociologiche, si è scomodata la genetica, si sono riesumate “tare ereditarie” in un crescendo che ha dell’incredibile. Ciascuno dei chiamati in causa si è sentito in obbligo di dire la sua attingendo a “fonti certe”, a presunte “rivelazioni”, a “fughe di notizie” incontrollate. Con il risultato che la maggior parte delle ipotesi ha ricevuto dai fatti regolare smentita e nessuno si è avvicinato alla verità. Perché l’intreccio è complesso, ma qualcosa a ben guardare emerge dal caos: la verità dei giudici, per esempio, che chiunque riesce a cogliere da sé. E si può costatare che dopo l’ultimo omicidio, avvenuto nel 1983 e riguardante una baronessa capitata a Bargagli sette anni prima quasi per caso, il sangue non scorre più e la sete del “mostro” risulterebbe finalmente placata. Questo corrisponde da un lato a un deciso affondo dei magistrati, risoluti a chiudere una storia che ha già avuto troppe vittime, il cui unico torto è consistito nell’essere entrate nei pensieri di chi ha ucciso convincendolo che potessero minarne la posizione sociale conquistata; dall’altro all’incalzare del tempo.”

Ed ecco il libro, ma…

Omicidi in Appennino: menzogne e verità sul “mostro di Bargagli” 1939-1989, di Sandro Antonini (Genova, De Ferrari, 2011)

Anche chi ha partecipato alla Resistenza, nel 1989 nell’anno della sentenza definitiva, ha già raggiunto un’età ragguardevole e molti dei protagonisti di allora sono deceduti. E’ poi possibile che l”omicida (o gli omicidi) abbia considerato esaurito il macabro compito o che nel paese di Bargagli, ormai troppo noto alle cronache, troppo stanco dei lunghi silenzi, non avrebbe tollerato un nuovo delitto.Una cosa è certa: lì è nato il “mostro” e li lentamente si “spegne”. Per farlo, impiega quarant’anni e passa indenne attraverso cinque inchieste e quattro processi penali. Soprattutto si muove e agisce in una comunità composta da individui che con lui hanno imparato a convivere senza mai ribellarsi.

Tutto questo è raccontato in un libro, che al momento non risulta disponibile, almeno non nei principali canali di vendita.

Omicidi in Appennino: menzogne e verità sul “mostro di Bargagli” 1939-1989, di Sandro Antonini (Genova, De Ferrari, 2011)

[Segnalazione e testo a cura di Alessio del Zenero]

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Straordinaria mostra sui documenti di Piero Manzoni alla Hauser & Wirth di Los Angeles

Alla prestigiosa galleria Hauser & Wirth di Los Angeles si inaugura il 14 Febbraio 2019 (per concludersi il 7 Aprile) una straordinaria mostra dal titolo “Piero Manzoni: una biografia attraverso la collezione di documenti Guido e Gabriella Pautasso”, a cura di Guido Andrea Pautasso e Irene Stucchi.

In scadenza l’asta con un incunabolo della Commedia di Dante (Venezia, 1484)

IN SCADENZA ALLE ORE 20:20 DI STASERA l’asta su Catawiki della prima edizione della Commedia di Dante con il commento di Cristoforo Landino (Venezia, Scoto, 1484).

…su eBay c’è “Questo è Cefis” di Giorgio Steimetz, ma stavolta a 1200 €

Ancora una copia del rarissimo “Questo è Cefis” di Giorgio Steimetz (1972), stavolta in vendita a 1200 € (100 volte più dell’ultima volta). Riparte un caso che non si è mai assopito nel mondo collezionistico.

Quando l’edizione è ‘per gli amici’ c’è sempre qualcosa di interessante: Mario Rigoni Stern e i Fratelli Brunello

Vera e propria ‘chicca’ bibliofila; edizione privata della ditta dei Fratelli Brunello, distillatori di Montegalda (VI) fatta stampare in 1.500 esemplari in occasione dei 150 anni della loro azienda.

“Momotarō fiabe giapponesi” (1940): raro e quasi sconosciuto sopravvissuto all’autarchia

Raro e quasi sconosciuto – quindi poco ricercato – libro di favole giapponesi trascritte allo stile narrativo giapponese in un’epoca (1940) in cui i libri di respiro internazionale non erano ammessi dalla cultura autarchica mainstream. Ma in questo caso si tratta di un paese alleato e da qui deriva anche un particolare interesse e probabilmente un certo grado di tolleranza per la sua “esoticità”.