"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

Jean d’Agraives: il maestro dell’intrigo e la sua opera “Le Virus 34”

 

Jean d’Agraives (1892-1951), un nome che non risuona nel mondo della letteratura come un maestro indiscusso dell’intrigo e del mistero, ma che però conviene riscoprire e analizzare dovutamente. Dalle strade di Parigi alle sale delle case editrici internazionali, la sua presenza letteraria non ha lasciato un’impronta indelebile nella mente dei lettori. Eppure, oggi ci immergeremo nella vita e nelle opere di questo genio pressoché sconosciuto, almeno nel Belpaese, della suspence e dell’intrigo, focalizzandoci anche sulla sua opera tradotta in italiano, “Le Virus 34“. Una delle pochissime.

Nato e cresciuto a Marsiglia, Jean d’Agraives (all’anagrafe Frédéric Causse) ha alimentato fin da giovane la sua avida curiosità per l’oscurità e l’ignoto. Prima ancora di completare gli studi in letteratura all’Università di Parigi, d’Agraives ha già sfidato i canoni della narrativa, introducendo elementi di suspense e mistero nei suoi primi racconti brevi pubblicati su riviste letterarie di nicchia.

Il successo, però, ha bussato alla porta di d’Agraives quando ha pubblicato il suo primo romanzo, “La Disparition du Criminel“. Questa storia avvincente, che mescola abilmente elementi di thriller e investigazione, ha catturato l’immaginazione dei lettori e ha svelato l’inconfondibile stile di scrittura di d’Agraives: una prosa nitida, un ritmo incalzante e trame riccamente intrecciate.

Ma è con la pubblicazione di “Le Virus 34” che d’Agraives ha raggiunto l’apice del suo talento. Questo romanzo trascinante ci introduce in un mondo oscuro e disturbante, dove un virus mortale minaccia di sterminare l’intera umanità. Attraverso una narrazione mozzafiato, d’Agraives ci conduce in un viaggio emozionale, in cui si intrecciano elementi di suspense, azione e intrighi politici. La sua abilità nel tenere il lettore sulle spine e nel tessere trame intricate è evidente in ogni pagina.

Portato in Italia dalla casa editrice Attualità di Milano nel 1943, la traduzione italiana di “Le Virus 34” (in italiano il titolo è diventato semplicemente Il virus 34) è stata realizzata magistralmente da Secondo Gerevini, che ha saputo mantenere intatta l’atmosfera cupa e avvolgente del romanzo originale, trasportando i lettori italiani in una realtà parallela fatta di tensione e suspense. Grazie alla sua sensibilità linguistica, la traduzione di Gerevini ha permesso di preservare l’incisività e l’effetto emotivo che contraddistinguono le opere di d’Agraives.

Jean d’Agraives rimane un autore di culto per gli amanti del thriller e del mistero. Le sue opere sono capaci di tenere i lettori sulle spine dall’inizio alla fine, svelando colpi di scena inaspettati e personaggi complessi. In un mondo letterario sempre più dominato da intrighi superficiali, d’Agraives resta un faro di eccellenza nella creazione di storie coinvolgenti e indimenticabili.

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

Su COMPROVENDOLIBRI

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Tre libri di carattere musicale: tra band di culto, cantautori e miti immortali

Le origini, la rabbia (e l’amore) di Marco Masini; il rock del sud degli Stati Uniti raccontato da un grande esperto di musica; il primo libro uscito sul gruppo cult dei Nomadi.

“L’Attraversaspecchi: dietro le quinte” (2020) di Christelle Dabos: a caccia dell’edizione limitata

Libretto omaggio della casa editrice (mai andato in commercio) contenente il preambolo di “Echi in tempesta”. Edizione limitata, quinto ed ultimo atto della celebre saga L’attraversaspecchi dell’autrice francese Christelle Dabos. Molto ricercato.

Meravigliosa edizione pirata delle “Ultime lettere di Jacopo Ortis” di Ugo Foscolo (1802) in asta

Si segnala una delle edizioni pirata (non autorizzate) del primo romanzo epistolare della letteratura italiana. “Ultime lettere di Jacopo Ortis” ha avuto una genesi così tormentata che le edizioni che si sono susseguite hanno reso necessari studi specifici. In asta su Catawiki.

“Hic sunt leones” di Vittorio Tedesco Zammarano (1924): quando la caccia grossa è letteratura

Opera molto interessante di un noto scrittore di letteartura coloniale, Vittorio Tedesco Zammarano (1890 – 1959), militare, anche esploratore e regista, che viene considerato uno dei maggiori colonialisti e cronisti di caccia grossa.

“Adam Smith a Pechino” di Giovanni Arrighi: un libro del 2008 ricercato come l’araba fenice!

Libro relativamente recente (del 2008) – dovrebbero essercene due edizioni – ma che è già virtualmente introvabile. Una specie di mito dei nostri tempi, con valutazioni altissime sui siti di vendita, nelle pochissime occasioni in cui è presente. Libro che porta avanti teorie economiche a favore dell’affermazione della Cina nella leadership mondiale del XXI secolo.