"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

In uscita in questo mese di Settembre 2019 le due ultime novità di Henry Beyle di Milano e Gingko Edizioni di Verona. Si tratta per la precisione:

La crusca allo stadio, di Achille Campanile (Milano, Henry Beyle, 2019) e di The Only Man Dressing for Dinner, di Giuseppe Salvago Raggi (Verona, Gingko Edizioni, 2019).

 

Achille Campanile (Roma, 1899 – Lariano, 1977), scrittore e fine umorista, riconoscibile per il suo stile asciutto e impeccabile, sempre volto alla perfezione linguistica. La crusca allo stadio è una provocazione, una sfida impossibile. Qualcosa che è nello spirito e nella testa di questo singolare autore. Lo scritto di Campanile era conosciuto ma risultava inedito in forma separata. Una parodia imperdibile per gli amanti del calcio (e non), dove i detti calcistici, le similitudini, le allusioni al colore delle maglie e al nome della città, sono lo spunto per digressioni arrovellate e fenomenali.

Giuseppe Salvago Raggi (Genova, 1866 – Molare, 1946) era un diplomatico genovese, di ascendenze nobili. Nel libro pubblicato dalla Gingko Edizioni viene svelato solo un capitolo delle memorie di questo autore, quello relativo al suo servizio in Cina, poco prima e dopo il famoso Assedio delle Legazioni del 1900. Scrive l’editore:

“Le pagine di Salvago Raggi sono piene di arguzia e hanno rilevanza storica, facendo luce su alcuni dettagli storici finora sconosciuti. Dopo che le linee del telegrafo furono tagliate, nel luglio 1900, una sorta di frenesia mediatica prese il controllo del mondo, e iniziarono a diffondersi notizie false, come la voce che tutte le persone rinchiuse nei quartieri delle Legazioni fossero state massacrate dai pugili. Il primo necrologio dell’omicidio di Giuseppe Salvago Raggi e della sua famiglia, apparve in Italia il 22 luglio 1900 sulla popolare rivista illustrata Illustrazione Italiana e nelle chiese italiane furono offerte preghiere per le loro anime. Grazie a lui conosciamo i dettagli della morte del ministro tedesco e alcuni fatti sgradevoli sul saccheggio del Palazzo Imperiale, iniziato dalle mogli dei diplomatici occidentali, nessuno escluso …”

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Gnòsi delle Fànfole” di Fosco Maraini: i collezionisti fanno pazzie per questo libro!

I collezionisti sempre più fanno pazzie per “Gnòsi delle Fànfole” di Fosco Maraini (prima edizione 1994), un titolo su cui conviene indagare e valutare.

La posta del cacciatore di libri: cominciano le “chiacchierate” informali su Youtube

Chiacchierata con i lettori e gli utenti del blog “Cacciatore di libri” sui libri del momento, su “quello che bolle in pentola” e con la lettura delle ultime mail ricevute. Si parla di George Orwell e di una edizione clamorosa, dell’arbidol, un farmaco russo che molti associano al coronavirus; e anche: poesia Beat, Libreria Piani, Edizioni Henry Beyle, Mughini, Celine…

Edizioni SimOn: escono tre mini-guide per l’aspirante cacciatore di libri

Escono tre mini-guide per l’aspirante cacciatore di libri nelle Edizioni SimOn. Si tratta di: “Comprare libri nelle botteghe dell’usato”, “Cercare libri su Internet” e “Distinguere libri originali da copie pirata”. Si inaugura la Collana “Post”, libri tascabili, che si leggono in trenta minuti.

La grafica di Bruno Munari e la conquista della Luna!

Libro/gioco “Uomini sulla luna”, realizzato graficamente da Bruno Munari e nelle parti sonore da Marcello Piccardo. È stato pubblicato nel 1962 nella collana ‘panorami sonori’ da Sugar editore.

“Dunque cavallo” del ‘matto’ Gian Pio Torricelli: per Umberto Eco lui era la transizione tra due epoche

Ma la svolta nella produzione di Gian Pio Torricelli avviene nel 1965, con la pubblicazione di Dunque Cavallo (Bologna, Sampietro). Caterina Fantoni ne ricostruisce attentamente la genesi editrice. Si tratta di una raccolta di ventidue poesie surrealiste, una delle quali avrebbe dovuto dare il titolo alla raccolta, La stampella amputata.