"Sull'inutilità di certi libri sarebbe utile scrivere un libro"
ai tempi del Coronavirus  /  
14 Marzo 2020

Su un romanzo di Nino Molinari dal titolo “Coronavirus” uscito nel 2015…

Segnalazione Flash

Bufala dell’ultim’ora? Sembrerebbe di no…

Coronavirus, di Nino Molinari (CreateSpace, 2015)

Il romanzo di fanta-terrorismo batteriologico dal titolo Coronavirus, di Nino Molinari – di cui ci sono pochissime copie tutte presso lo stesso venditore su eBay – qui le copie del libro – risulterebbe stampato nell’ottobre del 2015 dalla CreateSpace, una nota Vanity Press americana. Recentemente (Ottobre 2019) l’editore italiano Infilaindiana Edizioni lo ha ripubblicato in formato elettronico.

Chi è Nino Molinari?

Secondo quanto trapelato e secondo quanto pubblicato presso il primo editore americano, si tratterebbe di un imprenditore italiano residente all’estero. Nino Molinari, pittore per gioia e scrittore per passione, esercita da più di 25 anni la professione di disegnatore tessile. Vive a La Paz, in Bolivia, dove insieme alla sua compagna è proprietario di un maglificio in lana d’alpaca. Tutti gli anni disegna una collezione per donna e una per uomo con la firma Inti Wara che poi presenta ai suoi clienti sparsi in tutto il mondo. Assiduo viaggiatore.

Di cosa parla il libro

Il libro sembrerebbe sfuggito all’OPAC SBN proprio in virtù della sua genesi, essendo formalmente prodotto e stampato negli Stati Uniti. Lo stesso autore, a proposito del suo libro, scrive:

“Probabilmente tutti ricordiamo il giorno particolare che, senza saperlo prima, ha cambiato la nostra esistenza. A volte, un poco mi spavento al pensiero di come, da una semplice e accidentale decisione, il corso della nostra vita possa cambiare volenti o nolenti. Cosi accade per Guido, il protagonista del mio libro. Infatti, Guido, mai e poi mai si sarebbe immaginato che solo per prendere un mattino un treno per Milano le cose sarebbero cambiate definitivamente per lui. L’incontro fortuito con una donna biologa e la scoperta di alcuni documenti misteriosi saranno gli elementi scatenanti di una avventura che il nostro eroe dovrà affrontare come una tempesta improvvisa che si abbatte sulla sua vita fin lì serena. La minaccia di un Virus tremendo caduto nelle mani di un gruppo di terroristi islamici – che sono anche gli unici a possederne il vaccino – scatenerà una lotta silenziosa per la salvezza di una buona parte di una ignara umanità. Ma non voglio certo anticiparti cosa accadrà. I colpi di scena saranno molti e si susseguiranno fino all’ultima pagina, proprio quando scoprirai un sorprendente finale che per altro potrebbe già essere un inizio sconvolgente della vita reale di ognuno di noi…”

[Si ringrazia Antonio Giannitti per la prima segnalazione ]

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Quando la Beat generation veniva processata: il caso Ginsberg

In margine all’importante testo “Testimonianza a Chicago” di Allen Ginsberg (Einaudi, 1972), interamente curato da Fernanda Pivano. Articolo di Dianella Bardelli.

“Paranoia a Las Vegas” di Hunter Thompson: un mito!

Bompiani punta forte sul mito di Hunter S. Thompson. Facciamo il punto della situazione sulle edizioni italiane di “Fear and Loathing in Las Vegas”. Con una inaspettata perla bibliofila in uscita a Luglio 2018.

“I libri misteriosi” di Martin Mystère al mercatino!

ROMA MERCATINO DI VIA ROITI (ZONA MARCONI) Sabato 21 Settembre 2019 Nel settore dedicato ai fumetti, è stato avvistato un interessante libretto allegato a Martin Mystère Special n. 111 del giugno 1991, intitolato “I Libri Misteriosi”, a cura di Alfredo Castelli.

L’autobiografia di un gigolò gay, “Il numero uno” di Francesco Mangiacapra

“Il numero uno: confessioni di un marchettaro”, di Francesco Mangiacapra (Iacobellieditore, 2017) è un libro che non ha subito censure, almeno non esplicite. Grande visibilità all’inizio, passaggi tv in trasmissioni di punta. A distanza di due anni pochi se lo ricordano. Ma lo spaccato della Chiesa (e non solo) che mostra è da incubo.