"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

Un filo di fumo, di Andrea Camilleri (Milano, Garzanti, 1980).

 

Un po’ di storia. Andrea Camilleri pubblica il suo secondo romanzo, Un filo di fumo (Milano, Garzanti, 1980) e stavolta, nonostante l’editore sia importante e la distribuzione del libro non manchi, il successo si fa ancora attendere. Anche questo libro rimane a lungo sconosciuto. Passa ancora qualche anno e lo scrittore di Porto Empedocle approda a quello che poi diventerà il suo editore di riferimento: Sellerio di Palermo. Il primo libro pubblicato con l’editore siciliano – ma ancora non si parla di Commissario Montalbano – è La strage dimenticata (Sellerio, 1984), il quale, ancora una volta, non colpisce particolarmente i lettori. Nonostante tratti un argomento molto interessante, e da un punto di vista originale, come quello dei caduti del Risorgimento siciliano.

Tornando a Un filo di fumo, va detto che nel panorama letterario italiano, sebbene la figura di Andrea Camilleri occupi un posto di preminenza per gli appassionati del genere giallo e noir, non tutti sono a conoscenza dell’esistenza di questo romanzo d’esordio, un’opera di valore considerevole che ha marcato una tappa determinante nel percorso creativo dello scrittore siciliano.

Il 1980 infatti segnò un momento cruciale nel percorso letterario di Andrea Camilleri. Fu quest’anno che lo vide alle prese con la pubblicazione del romanzo “Un filo di fumo” per l’editore Garzanti. Quest’opera, che tuttavia non brillò subito sotto i riflettori del successo editoriale, si è rivelata essere nel tempo una pietra miliare nella carriera dello scrittore, ponendosi come una delle sue prime incursioni nel romanzo storico.

 

Vigata nel 1890

Con “Un filo di fumo” Camilleri ci conduce in un passato lontano, nel quale al centro della narrazione troviamo la figura di Totò Romeres, soprannominato “Barbabianca“, e i suoi figli. La trama si snoda attorno alla questione dei maneggi disonesti di un commerciante di zolfo, una vicenda che avrà ripercussioni rilevanti sia a livello personale che collettivo.

Ma, in un certo senso, l’importanza di “Un filo di fumo” risiede tanto nella sua genesi quanto nel suo contenuto. L’ispirazione per lo sviluppo della trama, come lo stesso Camilleri ha rivelato, è scaturita da un volantino anonimo ritrovato tra le carte del nonno, che metteva in guardia contro le malversazioni di un commerciante di zolfo disonesto. Pur mantenendo ferma la propria attenzione ai dettagli, l’autore è riuscito a trascendere i particolari biografici per abbracciare una narrativa più ampia e universale.

Il primo editore Garzanti esigette che al romanzo fosse integrato un glossario per spiegare al lettore il significato dei termini dialettali utilizzati da Camilleri. Questa richiesta fu inizialmente accolta con riluttanza dall’autore che poi, come racconta lui stesso, “a poco a poco, ci presi gusto e me la scialai“. Il glossario, però, fu poi eliminato nell’edizione successiva pubblicata da Sellerio nel 1997.

Come detto, “Un filo di fumo” non ottenne un immediato successo di vendite. C’è da notare che, il lento riconoscimento dell’importanza di quest’opera ha accentuato quella tendenza alla comprensione ritardata, all’assimilazione differita, che caratterizza l’intero percorso di Camilleri come scrittore. Piuttosto che essere accolti con applausi immediati, i suoi romanzi hanno spesso richiesto tempo per essere pienamente compresi e apprezzati.

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

Su COMPROVENDOLIBRI

 

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

A caccia di “La battaglia di Roma” (2004): importante e recente ma scomparso

Ricordo che quando uscì questo libro, nel 2007, molte librerie della mia zona lo misero in mostra in vetrina, dandogli una certa visibilità. Il motivo di tanto ardore era facile da capire: le foto rappresentavano un momento drammatico per la città, ma ancor più proprio per il quartiere. Articolo di Alessandro Brunetti.

Sul Campo Con La Juve Ventrone libro proibito Juventus introvabile 1 Ed

Il libro ‘proibito’ sui segreti di allenamento e preparazione atletica di Giampiero Ventrone alla Juventus durante la cosiddetta “Era Lippi”. Durante il processo cosiddetto di ‘Calciopoli’ fu il libro che l’allenatore boemo Zdenek Zeman aveva portato all’attenzione dei giudici già dallo stesso 1998, quando aveva accusato i giocatori della squadra di Torino di aver fatto uso di Doping, per venire poi successivamente querelato.

Sessanta piccoli libri indiani

Il pittore orvietano Giuseppe Brocchi fu ‘sconfitto’ dagli inglesi in Africa (conflitto del 1935-1936), deportato a Yol in India (distretto di Kangra, nello stato federato dell’Himachal Pradesh), dove trascorse un lungo periodo nel campo n. 27. Da un quadernetto si è recuperata la lista di lettura, il progetto di una piccola biblioteca personale. Articolo di Aldo Lo Presti.

“Senesi da ricordare” (1982) di Marco Falorni: un libro raro dal fascino intatto

“Senesi da ricordare” si incontra sempre più raramente sui mercatini e nelle librerie dell’usato della città ed è unanimemente riconosciuta come un’opera ricca di informazioni utili e verificate.

Il libro cult di Felice Delfino per l’appassionato del “cane da ferma”

“Addestramento del cane da ferma”, di Felice Delfino è il titolo più rieditato e letto dai cacciatori italiani sull’addestramento del cane da caccia. Autentico libro cult, dalle valutazioni medio/alte.