"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

L’interpretazione dei sogni, di Sigmund Freud (Roma, Astrolabio, 1948).

 

La prima edizione italiana di una delle opere più importanti del XX secolo (anche se la prima edizione tedesca fu del 1899, tutto il suo peso è ricaduto nel secolo successivo).

 

 

Scheda bibliografica completa

Autore principale: Freud, Sigmund. Titolo: L’interpretazione dei sogni / Sigmund Freud. Pubblicazione: Roma: Astrolabio, 1948. Descrizione fisica: 510 p. ; 22 cm. Collezione: Psiche e coscienza. Note generali: Traduzione di Roberto Bazlen. Titolo di opera: Die Traumdeutung | Freud, Sigmund. Nomi (autore): Freud, Sigmund. Soggetti: Sogno – Interpretazione. Lingua di pubblicazione: Italiano. Paese di pubblicazione: Italia. Codice identificativo: IT\ICCU\UBO\0093272

 

Un’opera che ha cambiato il mondo

L’opera di Sigmund Freud, “L’interpretazione dei sogni“, rappresenta un punto di svolta nel campo della psicoanalisi. Pubblicato per la prima volta nel 1899, il libro segna il passaggio da una visione marginale del sogno a un approfondimento delle tematiche oniriche e dei loro significati nella psiche umana.

Prima dell’uscita di questa opera, il sogno era relegato alla periferia degli interessi psicologici e veniva negata la sua rilevanza nella vita mentale. Freud, al contrario, rivoluzionò il panorama culturale e scientifico del tempo, aprendo la strada a nuove intuizioni sulla psiche umana.

Il libro inizia con una citazione tratta dall’Eneide di Virgilio: “Flectere si nequeo Superos, Acheronta movebo” (Se non posso piegare gli Dei, muoverò l’Inferno). Questo verso sottolinea il desiderio di Freud di esplorare i recessi più profondi della mente umana, anche se ciò significava sfidare le concezioni tradizionali.

L’interpretazione dei sogni” si articola in vari temi, tra cui il contenuto manifesto e il contenuto latente dei sogni. Il contenuto manifesto è ciò che viene raccontato al risveglio dal sognatore, ovvero la storia e gli elementi del sogno che vengono ricordati consciamente. Questi elementi devono essere interpretati in modo analitico per poter accedere al vero significato del sogno.

Freud individua, elenca e analizza una serie di regole secondo le quali i sogni si formano, oscurando i contenuti inconsci e permettendo loro di emergere nella coscienza in maniera camuffata. Utilizzando queste regole, è possibile decriptare il sogno a partire dal suo contenuto manifesto.

Il contenuto latente è invece rappresentato dagli elementi simbolici “mascherati” presenti nel sogno. Attraverso l’interpretazione analitica di questi simboli, è possibile ricostruire i contenuti inconsci che altrimenti rimarrebbero nascosti alla coscienza.

L’interpretazione dei sogni” si pone come base teorica per ulteriori sviluppi e approfimenti nella psicoanalisi. Nonostante l’importanza e l’innovatività dell’opera, essa non è stata esente da critiche. Infatti, alcuni studiosi hanno sollevato dubbi e contestato alcune delle teorie proposte da Freud riguardo ai sogni.

Nonostante le critiche, “L’interpretazione dei sogni” ha avuto un impatto significativo sulla comprensione della psiche umana e ha contribuito allo sviluppo della psicoanalisi come disciplina scientifica.

 

Su Sigmund Freud

Sigmund Freud (1856-1939), nato Sigismund Schlomo Freud, è stato un neurologo, psicoanalista e austriaco. È considerato il fondatore della psicoanalisi, la corrente più antica della psicologia dinamica. Freud è stato uno dei più influenti intellettuali del XX secolo.

La sua teoria scientifico-filosofica sostiene che i processi psichici inconsci influenzano il pensiero, il comportamento umano e le interazioni tra individui. Freud, che era medico di formazione, ha cercato di stabilire delle correlazioni tra l’inconscio e le strutture fisiche della mente e del corpo umano. Queste teorie hanno trovato parziale conferma nella moderna neurologia e psichiatria.

Nella psicoanalisi, Freud ha posto l’accento sull’impulso sessuale infantile e sul suo legame con il rimosso come elementi fondamentali dei processi interpretativi. Le sue teorie sulla sessualità sono state oggetto di dissensi e hanno dato vita a diverse scuole di pensiero come quelle di Adler e Jung.

All’inizio della sua carriera, Freud si è interessato all’ipnosi e ai suoi effetti nel trattamento dei pazienti psichiatrici. È stato influenzato dagli studi di Josef Breuer sull’isteria, in particolare dal caso di Anna O. Da queste esperienze, Freud ha sviluppato alcuni principi fondamentali della psicoanalisi come la resistenza e il transfert nelle relazioni tra medico e paziente.

Tra le intuizioni più importanti di Freud si trovano il metodo dell’analisi delle associazioni libere, i lapsus, gli atti involontari, gli atti mancati e l’interpretazione dei sogni. Ha introdotto concetti come la pulsione (Eros e Thanatos), il Complesso di Edipo, la libido, le fasi dello sviluppo psicosessuale e le componenti dell’inconscio e della coscienza.

Le idee e le teorie di Freud sono state oggetto di dibattito non solo nel campo medico-scientifico, ma anche in ambito accademico, letterario, filosofico e culturale. Molti hanno messo in discussione l’efficacia terapeutica della psicoanalisi. Tuttavia, Freud stesso ha riconosciuto che potrebbero emergere teorie più raffinate evolute che supereranno la psicoanalisi come terapia.

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

 

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Gabriella. Parca – Le italiane si confessano – 1^ ed. 1959

Un libro che ebbe molto successo per tutti gli anni ’60 e ’70 fu Le italiane si confessano, di Gabriella Parca (Firenze, Parenti, 1959).

“Invito alla televisione” un opuscolo di archeologia televisiva

Un opuscolo di vera e propria “archeologia televisiva”, dal titolo “Invito alla televisione”, stampato negli anni ’50 dalla Philips di Milano. Mai visto prima!

“Io, via Poma e… Simonetta” di Salvatore Volponi: il libro scomparso sul caso Cesaroni

“Io, via Poma e… Simonetta” di Salvatore Volponi (E.N.I.A.P.A.S., 2004), il libro scomparso sul delitto di Via Poma, è anche il pretesto per un’indagine sui libri scottanti e rarissimi sul caso.

Un esemplare unico di “Sketches” del 1881 (appartenuto all’attore Robin Williams) dove Mark Twain scrive nella dedica che si tratta di una copia pirata

Solo il celebre scrittore ed umorista Mark Twain poteva avere la prontezza di spirito di scrivere nella dedica a un suo libro presentatagli da un ignaro reverendo che si trattava di una copia pirata. Ed è assolutamente vero, l’editore canadese in questione era stato citato in giudizio dallo stesso Mark Twain l’anno prima.

Esistono solo 50 copie di questo “Trattato di Microendobiologia” che ricorda il Manoscritto Voynich

Di libri illeggibili a causa del loro linguaggio ce ne sono stati tanti. I più famosi sicuramente il Manoscritto Voynich e il Codex Seraphinianus che appartengono ormai al mito, pur essendo libri reali in ‘carne ed ossa’. L’ennesima provocazione è questo inaspettato Trattato di Microendobiologia dei geniali Tommaso Caracciolo e Anna Adami. Sono state prodotte solamente 50 copie, numerate.