"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

Una solenne incazzatura

di Carlo Ottone

 

La Maria del Bianciardi e altre storie, di AA. VV. (Pitigliano, Le StradeBianche di StampaAlternativa, 2022).

 

Una solenne incazzatura. Furono la vita e l’opera di Luciano Bianciardi, l’espressione è dello stesso Bianciardi in una lettera a un amico nel 1962. Quest’anno sono cent’anni dalla nascita dello scrittore maremmano, scomparso nel 1971; alla sua morte cadde nell’oblio la figura di scrittore, giornalista e polemista, lui stesso scriveva in La vita agra, 1962 “Deve essere un bel funerale […] Poi si scordino pure di me”, ad onta del fatto che è stato uno dei più originali scrittori del ’900.

 

La vita agra con Il lavoro culturale, 1957 e L’integrazione, 1960 costituiscono la trilogia dell’incazzatura. Solo nel 1993 una biografia traccia la sua vita e le sue opere in un libro dal titolo indicativo Vita agra di un anarchico di Pino Corrias. Arrabbiato, inquieto, in rivolta contro la società di allora, che come oggi, abbagliata dallo sviluppo, dal boom economico e non sociale, avanzava verso il nulla, il vuoto, dai luoghi comuni alle mascherate sociali, Bianciardi, e dopo di lui pochi altri, l’avevano capito, nei lavori dello scrittore maremmano si riverbera tutta la carica “eversiva” di chi vede un intenso periodo di meccanizzazione, di aridità nei rapporti sociali, del successo, che per lui è il participio passato di succedere.

Quest’anno sono cent’anni dalla nascita e non mi pare che vi siano state, o vi siano in programma, celebrazione che di solito si riservano in questo caso; alcuni articoli sono comparsi sulla stampa ma nessuno ha pensato a Maria Jatosti, che per vent’anni è stata a fianco di Bianciardi nella vita agra e nell’integrazione nella Milano che allora non era, ancora, da bere ma era il motore del boom economico.
Lui, Luciano e pochi altri, lo avevano capito fin da allora dove si annidava la fregatura, dove si andava a parare con quel bengodi del boom” sono parole della Jatosti che ricorda Luciano Bianciardi in un agile libro editato da Le StradeBianche di StampaAlternativa dal titolo La Maria del Bianciardi e altre storie, al momento scaricabile dal sito dell’editore. Ci sarà anche la versione cartacea.

Un appassionato ricordo de:

“L’amico dei minatori, l’appassionato di Garibaldi, il funambolico fabbricatore di lingue e sistemi letterari, il camminatore solitario […] Eccoci qua a dire quelle che sappiamo […] e che nessuna parola scritta su un foglio potrà mai dirci la verità di un uomo. Ma siamo qui, ostinati,per amore per presunzione [….]. Il ricordo della Jatosti L’utopia perduta ripercorre quegli anni di vita e di lavoro con lo scrittore maremmano fino “All’alba del 14 novembre. La fine. Non aveva ancora compiuto cinquant’anni”.

Come specificato dal titolo, altre storie sono raccontate da Marco Palladini che traccia il rapporto di Bianciardi con Milano in Uno sparviero tramutato in scricciolo. “Per questo il suo ricordo romantico, rabbioso di “italieno” doc, di sparviero tramutato in scricciolo, mi è oggi assai caro”.

Antonello Ricci scrive del Bianciardi garibaldino e dei suoi libri sul risorgimento. Vi è uno scritto di Carlo Lizzani che trasse un film (1964) da La vita agra “[…] che mi conquistò subito, fin dalla lettura delle prime pagine […] che bel film poteva diventare quell’opera di Luciano Bianciardi. Così radicata in una realtà italiana intensamente percorsa, a quei tempi, da un’inquietudine nuova”.

Milli Griffi con Il piacere di lavorare sulla lingua, un aspetto di Bianciardi ancora poco studiato:

“Il piacere di lavorare sulla lingua l’aveva preso da Tommaseo, il cui dizionario aveva sempre a portata di mano”; chi scrive ha letto tutta l‘opera omnia di Bianciardi, e i suoi articoli, ed ha annotato centinaia di locuzioni, di parole, di scioglilingua che toccano il vertice nella scrittura di un altro suo capolavoro Aprire il fuoco, 1969, il suo testamento letterario e non solo, la sua” […] è una scrittura di alta sperimentazione”.

Donato Di Stasi in La fabbrica policroma di Bianciardi si sofferma sui lavori dello scrittore maremmano che “[…] non può non risultare un salutare farmaco l’opera intera, libertaria e acutissima, di Luciano Bianciardi”.

Un album fotografico conclude il lavoro, un lavoro “Tutto raccontato dalla parte di lei, in prima persona, la Maria del Bianciardi, sbarcata a Milano nel 1955 con due valigie di libri e di sogni”.

Un centenario ricordato con la passione, un ricordo intenso non un “coccodrillo”: un articolo commemorativo già confezionato che appare sentito e sincero mentre in realtà è stato freddamente preparato dalla redazione dei giornali per l’occasione. Un lavoro propedeutico, voluto da Marcello Baraghini, utile per conoscere un intellettuale dis-organico, un alieno nel panorama della letteratura italiana che ancora ci parla.

 

 

Disponibilità di alcune delle opere citate (sempre aggiornato)

 

Scaricare La Maria del Bianciardi e altre storie in versione elettronica dal sito dell’editore

 

Su ABEBOOKS – La vita soda (1° ed.)

 

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Camera oscura” di Luca Moccafighe: quando l’abisso non solo ci guarda ma forse ci viene incontro

“Camera Oscura” è l’ultimo lavoro di Luca Moccafighe, classe 1969, già autore di saggi sugli artisti Jeff Buckley e Nick Cave (cantanti), Dario Fo; traduttore di Jack London, Georg Buchner (drammaturgo), Aleister Crowley (esoterista) e Lawrence Ferlinghetti (scrittore beat).

“Tecnica del colpo di Stato” di Curzio Malaparte: incontro ‘sovversivo’ a Cortemaggiore!

CORTEMAGGIORE (PC) MERCATO DELL’ANTIQUARIATO Domenica 4 Settembre 2022 Avvistata una copia della prima edizione di “Tecnica del colpo di Stato” di Curzio Malaparte (Milano/Roma, Bompiani, 1948).

Pezzo raro per i patiti di Fruttero & Lucentini: “Sei piccole periferie” di Renzo Biasion (1978)

Pregevole raccolta di sei acqueforti originali dell’artista Renzo Biasion in tiratura limitata presentate dal duo di scrittori Carlo Fruttero e Franco Lucentini. Il titolo gioca sia sul termine “periferia” che è uno degli scenari più consueti ed esplorati dell’artista Renzo Biasion nelle sue opere, mentre allo stesso tempo fa il verso al capolavoro “Sei piccole bare” di Alfred Hitchcock.

“Lo stato totalitario” (1947) di Vittorio Zincone: una copia dedicata al filosofo americano James Burnham

“Lo stato totalitario” di Vittorio Zincone, pubblicato in prima edizione nel 1947, affronta il tema dei regimi totalitari che hanno caratterizzato il XX secolo, concentrandosi sui meccanismi e le caratteristiche comuni di tali regimi.

“L’architettura della città” di Aldo Rossi (Marsilio, 1966), il libro cult dell’urbanistica moderna

L’architettura della città, pubblicata nel 1966, ha avuto una straordinaria fortuna: tradotta in quasi tutte le lingue europee, è stata base di studio e di discussioni nelle scuole d’Europa e d’America. In America poi ha trovato una larga fortuna.