"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

Troppi avvocati!, di Piero Calamandrei (Firenze, La Voce, 1921).

 

In un momento in cui si discute tanto del ruolo dell’avvocatura nella società, è interessante notare come la riflessione di Piero Calamandrei, espressa nel suo celebre saggio “Troppi avvocati!”, risalente a centodue anni fa, sia ancora attuale e meriti una rilettura.

Il punto centrale della riflessione di Calamandrei è la considerazione che la categoria degli avvocati è molto eterogenea, ma dall’esterno viene percepita come monolitica. Inoltre, l’avvocatura presenta una duplice natura: da un lato è una professione privata che si sta sempre più orientando verso metodi imprenditoriali, dall’altro ha una funzione pubblicistica importante.

Il risultato è un quadro dissonante, con un aumento degli avvocati che sembra inspiegabile solo con la razionalità economica, una riduzione dei redditi medi e una grande variabilità dei compiti e dei compensi. Emergono allo stesso tempo realtà organizzate e specializzate molto lontane dall’immagine classica dell’avvocato.

L’idea centrale è quindi quella che il problema non sia tanto il numero di avvocati, ma di quali avvocati c’è bisogno e in che modo la professione può svolgere un ruolo utile per la società.

 

Chi è stato Piero Calamandrei

Piero Calamandrei è stato un importante giurista, avvocato, docente universitario e politico italiano, nato a Firenze il 21 Aprile 1889 e morto nella stessa città il 27 Settembre 1956. Fu uno dei fondatori del Partito d’Azione e, dal giugno 1946 al gennaio 1948, fu capogruppo all’Assemblea Costituente del medesimo partito. Come deputato dell’Assemblea Costituente si occupò di molti incarichi parlamentari, tra cui quello di componente della Giunta delle elezioni e della Commissione per la Costituzione.

Tra le opere più famose di Calamandrei vi è “Troppi avvocati!” che, scritta nel 1921, è ancora oggi considerata una delle denunce più acide sulla giustizia italiana. Calamandrei criticò il sistema giudiziario italiano dell’epoca, caratterizzato da una giustizia lenta e inefficace, ostacolata da una classe di avvocati che teneva conto solo dei propri interessi. Quest’opera fu molto importante perché portò a una riforma della giustizia italiana con la creazione di un nuovo Codice di procedura civile nel 1940.

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Compagna luna” (1998) di Barbara Balzerani: il primo romanzo della brigatista scrittrice

“Queste pagine sono il racconto dell’inizio di un viaggio di ritorno tra le schegge di uno specchio andato in pezzi, riflessi di una vita frantumata.

I libri del “Club degli Editori” non sono importanti per il collezionista. E chi lo dice?

Molti credono che le edizioni “Club degli Editori” non siano interessanti ai fini collezionistici. Niente di più falso. C’è il caso dei libri di Stephen King, con valutazioni altissime. E poi ci sono le vicende del libro di Edmond Paris sul genocidio croato (mai uscito per la casa madre Mondadori) e l’edizione commemorativa “I libri che parlano di noi” per i 50 anni del CDE.

La sinistra che vota Grillo di Domenico De Santis (CaratteriMobili, 2013): ormai è un libro ricercato!

  La sinistra che vota Grillo, di Domenico De Santis (Bari, CaratteriMobili, 2013).   L'ESEMPLARE IN VENDITA         Dalla scheda editoriale: Una raccolta di dialoghi con uomini e donne di sinistra che hanno scelto di votare il Movimento...

“Capri pagana: uranisti ed amazzoni tra Ottocento e Novecento” di Claudio Gargano (Edizioni La Conchiglia 2007)

Gargano mette in luce come poeti, scrittori e artisti, insieme a individui considerati “deragliati” dalla società contemporanea, abbiano contribuito a plasmare l’essenza dell’isola come uno spazio dove maschile e femminile si fondono armoniosamente.

“Scuola serrata” di Armando Tagliavento: un insolito ’68

Come curiosità si segnala “Scuola serrata”, di Armando Tagliavento (detto Hermann) (Milano, Sergio Ghisoni Editore, 1976). Un bidello ci parla della contestazione studentesca.