"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

Duemila grotte: quarant’anni di esplorazioni nella Venezia Giulia, di Luigi Vittorio Bertarelli ed Eugenio Boegan (Milano, Touring Club Italiano, 1926).

 

L’asta si è chiusa alle ore 21:23 del 23 aprile 2023

 

Opera rara e di grande valore storico, in quanto fu uno dei testi che maggiormente spinse l’interesse del pubblico verso la Speleologia in Italia circa un secolo fa.

 

L’importanza dell’opera

Il libro “Duemila grotte” di Luigi Vittorio Bertarelli ed Eugenio Boegan, pubblicato nel 1926, rappresenta un punto di riferimento importante per la speleologia moderna. La sua importanza deriva dal fatto che questo saggio ha raccolto e descritto per la prima volta le grotte della regione della Venezia Giulia.

La prima parte del libro rappresenta un manuale di speleologia che spiega il fenomeno carsico, la flora e la fauna delle caverne, la tecnica delle esplorazioni, le indagini sull’origine delle acque sotterranee e la terminologia speleologica. La seconda parte, invece, è un inventario delle grotte della Venezia Giulia, con mappe, descrizioni, localizzazioni, rilievi e foto delle grotte.

Il libro ha rappresentato un importante punto di partenza per lo sviluppo della speleologia in Italia e ha permesso la scoperta di nuove grotte grazie alla sua approfondita descrizione delle grotte della regione.

Inoltre, nonostante un bombardamento durante la Seconda Guerra Mondiale abbia distrutto le matrici del libro, una seconda edizione anastatica del 1986 ha riproposto l’importanza di questo saggio.

L’importanza di “Duemila grotte” sta nella sua capacità di essere stato e ancora oggi essere un testo indispensabile per gli speleologi del territorio, oltre che un’importante testimonianza storica delle esplorazioni delle grotte della Venezia Giulia.

 

Gli autori

Luigi Vittorio Bertarelli è stato un geografo e speleologo italiano nato a Milano il 21 giugno 1859 e morto nella stessa città il 19 gennaio 1926. È stato uno dei fondatori del Touring Club Italiano ed è noto per aver diretto la compilazione di opere come la Guida d’Italia e la Carta d’Italia del Touring Club Italiano, nonché per le sue esplorazioni e studi in campo speleologico.

Eugenio Boegan (Trieste, 2 ottobre 1875 – Trieste, 18 novembre 1939) è stato un famoso esploratore e speleologo italiano che ha dedicato gran parte della sua vita allo studio delle grotte del Carso e dell’idrologia carsica. È stato il fondatore della Commissione Grotte della Società Alpina delle Giulie e ha scritto numerose pubblicazioni sulle grotte e sulle sorgenti di Aurisina, oltre al celebre libro “Duemila grotte” scritto con Luigi Vittorio Bertarelli nel 1926. La Commissione Grotte Eugenio Boegan è stata intitolata in suo onore.

 

 

Disponibilità di ulteriori copie (sempre aggiornato)

 

 

Su AMAZON

 

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Intendenza in Africa Orientale” di Fidenzio Dall’Ora (1937): raro saggio in asta

Interessante saggio del 1937 uscito per la collana “La conquista dell’Impero” con numerose illustrazioni in rotocalco fuori testo e grafici ripiegati.

Beats, un introvabile di Gabriele Fergola – anzi due! No, tre!

Una prospettiva interessante è la cultura Beat vista da destra. Il libro ad hoc è “Beats”, di Gabriele Fergola (E.D.A.R.T., 1970), che definire raro è praticamente un eufemismo. Da sempre ricercato dai collezionisti di controcultura anni ’70. Copertina sconosciuta per Google, prima di adesso. E poi c’è “Antirisorgimento”.

Isabella Santacroce e il libro maledetto sulle canzoni di Kurt Cobain & Courtney Love

Avvistata una rara copia del libro “Kurt Cobain & Courtney Love: canzoni maledette” (traduzione di Isabella Santacroce) negli anni divenuto libro cult.

Davvero non si può più scrivere la parola ‘negro’ nei titoli dei libri?

Si sa che la parola ‘negro’, che per secoli è stata usata per indicare persone di origine africana, e che si basa solo sul colore della loro pelle prescindendo da ogni altra caratteristica, è oggi aborrita culturalmente e socialmente. Vediamo alcuni esempi del recente passato e altri del presente.

“Mosca sulla vodka” di Venedikt Erofeev, un ex samizdat in libreria

ROMA LIBRERIA FAHRENHEIT 451 – Martedì 26 Maggio 2020 “Mosca sulla vodka” di Venedikt Erofeev (Feltrinelli, 1977) è giustamente stato definito il “capolavoro della letteratura clandestina”.